sociale

Da oggi il farmaco "senza brand". Sulla ricetta niente più marche, solo il principio attivo

giovedì 16 agosto 2012
Da oggi il farmaco "senza brand". Sulla ricetta niente più marche, solo il principio attivo

Entra in vigore oggi, giovedì 16 agosto, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, la nuova norma che regola l'emissione di ricette del Servizio sanitario nazionale con l'indicazione del principio attivo al posto del nome commerciale del farmaco.

Niente più marche né colori ma solo il principio attivo. Sulla ricetta rossa del Servizio sanitario nazionale come ricorda Federfarma in una nota, dovrà comparire solo il nome della sostanza, contenuta nel farmaco, che possiede proprietà terapeutiche. Questo è già sufficiente perché la ricetta sia valida e possa essere presentata dall'assistito in farmacia, dove il farmacista gli consegnerà il farmaco dal prezzo più basso contenente quel principio attivo, ma l'utente sarà libero di chiedere una marca specifica, pagando il costo aggiuntivo.

Il medico, in base alla nuova norma, ha anche facoltà di aggiungere sulla ricetta rossa, oltre al principio attivo, anche il nome commerciale di un farmaco, specificando che esso è "non sostituibile", ma in tal caso deve giustificare la non sostituibilità con una sintetica motivazione scritta. In questo caso il farmacista dovrà consegnare il prodotto indicato dal medico nella ricetta.

Il Ministero ha precisato, tra l'altro, che "in attesa che i sistemi informatici per la compilazione della ricetta on line e per la trasmissione dei relativi dati, vengano adeguati alle nuove norme con l'indicazione del principio attivo, i medici prescrittori dovranno ricorrere a una compilazione parzialmente o totalmente manuale della ricetta, a seconda del software di cui dispongono". I sistemi informatici saranno adeguati "nel corso dei prossimi due mesi".

Naturalmente, queste disposizioni non riguardano le terapie croniche già in corso, per evitare i possibili, inconvenienti nel passaggio da un medicinale all'altro. Il principio attivo, dunque, in alcuni farmaci è uguale indipendentemente dal nome con cui un prodotto è commercializzato.  A volte, però, lo stesso principio attivo in determinati marchi può essere stato abbinato ad altre sostanze. Sarà pertanto, compito del medico, e del farmacista, fornire al paziente il prodotto giusto di cui necessita.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 novembre

Frammenti di esistenze amorose... ovvero l’insopprimibile vizio della vita

Consiglio provinciale: Il mancato numero legale sul bilancio sintomo di evidente debolezza di giunta e maggioranza. Lo dichiara Danilo Buconi

Conclusa la XXII Mostra del Tartufo di Fabro. Video intervista alla vincitrice del "Vanghetto d'Oro e al Sindaco Terzino

370mila euro all'Intercom dell'Orvietano dal Fondo regionale di protezione civile

Caccia e Pesca. Disposizioni per la riconsegna del tesserino e attività di contenimento degli storni

“EstroVersi” mattatori della BTC di Roma

Verso la valorizzazione del Santa Cristina di Porano. Presentata la stagione 2009/2010

Pregiudicato moldavo rintracciato e denunciato dall'Anticrimine del Commissariato

Naturalmente…a cena. Ristorante “I Sette Consoli” e Condotta Slow Food insieme per un convivio biologico e biodinamico. Prenotazioni entro mercoledì

17 novembre. Giornata mondiale degli studenti. Manifestazione ad Orvieto per il diritto allo studio

17 novembre, il perchè di questa data

Sciopero generale studentesco, l'appello italiano di Unione degli Studenti e Link Coordinamento Universitario

Riforma, il ddl Aprea in sintesi

Mostra del Tartufo. Oltre 8mila presenze nell'edizione 2009

Approvato in Provincia l'assestamento di Bilancio. Voto favorevole della maggioranza, no di Pdl e Udc

Approvato il PRG a Porano. Dure accuse dell'opposizione: la nuova amministrazione ha patteggiato con chi tiene sotto scacco un'intera comunità

La lettera d'impegno dei ricorrenti al PRG