sociale

L'arroganza contro il diritto dovere all'informazione. L'Ordine dei giornalisti interviene sull'argomento

lunedì 25 giugno 2012

Il consiglio regionale dell'Ordine dei giornalisti dell'Umbria, preoccupato per il moltiplicarsi di avvertimenti, querele e citazioni civili con richieste di risarcimento a danno dei giornalisti, individua in tali comportamenti un evidente tentativo di limitarne l'attività e interviene su questo argomento con un dettagliato documento.

"Questa situazione - afferma l'Ordine dei giornalisti - riconducibile troppo spesso a mere iniziative strumentali, compromette un diritto essenziale in democrazia, determinando un clima di intimidazione che costituisce un fattore di grave depressione culturale anche a danno del cittadino utente".

"L'episodio che in questi giorni ha visto protagonista la giornalista Egle Priolo, - aggiunge l'Ordine - raggiunta da una generica ma minacciosa richiesta di risarcimento danni da parte di uno studio legale solo perché ha riferito in cronaca dei contenuti di una udienza di un processo penale legato a vicende di pubblica amministrazione, è solo l'ultimo e si aggiunge ad una lunga e preoccupante lista. Nel sottolineare come questi atteggiamenti non abbiano altro scopo che di "avvertire" preventivamente il cronista sui pericoli a cui andrebbe incontro scontrandosi con chi evidentemente ha forza e risorse per tentare di mettere bavagli a chi ha il dovere della completezza dell'informazione, l'Ordine dei giornalisti dell'Umbria esprime la più totale e convinta solidarietà alla collega Egle Priolo e fa appello al senso di responsabilità di chi è chiamato a rappresentare le istituzioni democratiche, affinché si eriga un argine nei confronti di chi adotta simili comportamenti lesivi della correttezza dell'informazione. Tale fenomeno in questi anni si è ulteriormente aggravato in tutta Italia, tanto che i risarcimenti richiesti ai giornalisti raggiungono cifre di diverse centinaia di milioni di euro, mettendo in seria difficoltà, fino all'autocensura, intere redazioni costrette a subire le pressioni delle loro aziende, preoccupate degli effetti possibili di tali richieste. Tutto ciò diventa oltremodo preoccupante in una piccola regione come l'Umbria dove anche le realtà editoriali sono più fragili".

Per queste ragioni, l'Ordine ha anche invitato il consiglio nazionale a farsi partecipe di iniziative che riportino la questione all'ordine del giorno del Parlamento, per riavviare l'iter di una riforma di una materia complessa in cui oltre a tutelare le persone offese si salvaguardi il diritto alla manifestazione del pensiero ed alla crescita culturale dell'intera comunità, facendo proprio quanto affermato dalla Corte europea dei diritti dell'Uomo "non soltanto le informazioni o le opinioni accolte con favore o considerate inoffensive o indifferenti, ma anche l'informazione e le opinioni che urtano, o inquietano; ciò è richiesto dal pluralismo, dalla tolleranza e dallo spirito di apertura senza i quali non si ha una società democratica".

L'Ordine dell'Umbria, riconfermando l'impegno su questo delicato fronte per il diritto-dovere ad informare ed essere informati con correttezza e completezza, schierandosi a fianco dei colleghi minacciati e intimiditi e di tutti i cronisti, annuncia l'intenzione di proporre sul tema iniziative di riflessione e approfondimento con giuristi, magistrati ed esponenti delle istituzioni e delle amministrazioni pubbliche, al fine di rafforzare gli argini contro chi vuole con arroganza limitare i diritti democratici e proporre misure legislative adeguate. Il documento è stato inviato anche all'attenzione del Ministro di Grazia e Giustizia, del Consiglio Superiore della Magistratura e dei Parlamentari dell' Umbria, per le determinazioni che eventualmente riterranno opportune.

L'Ordine dell'Umbria più vigile e severo anche con i propri iscritti. Una nota sul problema dei suicidi, che viene impropriamente usato

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 marzo

Orvieto basket in trasferta a Foligno, sfida tra le big del campionato

Proiezione del documentario "Un monte d'acqua" e dibattito sull'impatto della geotermia

"Propaganda and Ideology in Rome". A Orvieto gli studenti del master in Storia antica della University College London

Orvieto Basket. Delusione reatina per l'Under 17

Avviate le attività di riproduzione per le specie ittiche. Divieti di pesca, ecco dove

Sale il livello dei fiumi, Paglia e Chiani "osservati speciali"

Azzurra, Cagliari – Orvieto 82-70 ma la salvezza è molto più vicina. Ultimo appuntamento della regular season

Dal Vinitaly una prospettiva per dare maggiore evidenza al vino di Orvieto e al Territorio

"La fotografia si tinge di rosa". Dopo il contest, arriva la mostra

Caccia ai ladri nell’Orvietano, scappano a piedi dopo un lungo inseguimento

City Camps a Ficulle con l'Associazione Culturale Linguistica Educational

Edilizia: sindacati, settore "massacrato". Il rinnovo del contratto integrativo è un'occasione per il rilancio

Terza edizione de "La Città del Corpus Domini" nel segno della bellezza

Con l'Umbria che si sveglia presto. Sette punti per un contratto elettorale dell'Orvietano con la presidente Marini

Intercity 581, l'Autorità di Regolazione dei Trasporti si attiva verso Rfi e Trenitalia

Il Libro Parlante apre col botto: il 12 aprile incontro con David Grossman

Operazione "Silver and Gold", primi riconoscimenti della refurtiva

Piena fiducia del Sindaco all'Assessore alla Cultura

Tevere in piena a Marsciano, cade in un fosso e annega