sociale

Marcia della Pace. Presidente Marini: "marceremo in tanti per la pace insieme ai molti giovani arrivati in Umbria"

sabato 24 settembre 2011
Marcia della Pace. Presidente Marini: "marceremo in tanti per la pace insieme ai molti giovani arrivati in Umbria"

"E' giustissima e la condivido totalmente, la scelta di aver messo al centro di questa edizione della Marcia della Pace i giovani come 'costruttori di pace e di un mondo migliore. Per questo, prima di tutto a loro, rivolgo il mio sincero ed affettuoso saluto di benvenuto nella nostra terra".

E' quanto afferma la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, in un saluto rivolto a quanti saranno in Umbria domani, per la Marcia della Pace Perugia-Assisi, organizzata nel cinquantesimo anniversario della prima edizione voluta da Aldo Capitini.

"Saluto, dunque, i giovani che già da ieri sono in Umbria per il meeting "1000 giovani per la pace", il progetto che consentirà loro di essere protagonisti di una grande iniziativa di pace. Un'occasione unica per vivere un'esperienza straordinaria, per incontrare altri giovani, per confrontarsi e per progettare insieme nuovi percorsi di pace".

"E l'Umbria - continua la presidente - vi accoglie come sa fare, con affetto e partecipazione. E sento altresì il dovere di ringraziare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che nel suo saluto ai partecipanti alla Marcia di domani ha voluto in particolar modo rivolgere proprio ai ragazzi arabi parole importanti, ricordando come siano giuste le loro legittime aspettative di libertà, legalità e democrazia".

"Ancor più significativa è la presenza tra di voi di tanti giovani arabi che provengono da quella martoriata sponda del Mediterraneo dove il processo di costruzione della pace appare purtroppo ancora lungo e difficoltoso. In questa area, così vicina a noi, le recenti vicende belliche e i profondi mutamenti degli assetti istituzionali di diversi Stati hanno anche ulteriormente incrementato il fenomeno della fuga disperata da quelle terre attraverso il mare. E sono sempre di fronte ai nostri occhi - ha aggiunto - le terribili immagini delle tante, troppe tragedie, che hanno visto morire centinaia e centinaia di esseri umani innocenti il cui unico e solo desiderio era, ed è ancora, la ricerca di una terra che possa offrire loro almeno la speranza di un futuro migliore".

"Immagino che Aldo Capitini avrebbe condiviso la scelta della Tavola della Pace di affidare ai giovani il ruolo di protagonisti di questa edizione della Marcia. Ma ciò non deve esimere noi dall'aumentare ancor di più l'impegno per affermare l'universale valore della Pace. La nostra costituzione nel suo progetto di società affida anche a ciascuno di noi, come singolo individuo, ma anche come rappresentante di una istituzione, il compito di assumere comportamenti finalizzati alla realizzazione concreta, e anche quotidiana, di questo progetto di società libera e democratica. Questo, d'altra parte, era l'insegnamento di Aldo Capitini, per il quale la Pace non era - e non è - un obiettivo ideologico, un'aspirazione generica. Per Capitini - e mi piace ricordarlo nella ricorrenza del cinquantenario della Marcia - la Pace si costruisce anche con un impegno individuale nelle azioni quotidiane. Capitini era il teorico del pensiero "a ciascuno di fare qualcosa". E' questa la sua lezione più significativa che noi dovremmo cercare di realizzare nel nostro agire concreto".

"Ed è altrettanto significativo - ha concluso la presidente Marini - che domani partiremo, come cinquanta anni fa, da Perugia, la patria di Capitini e del pensiero pacifista laico, per arrivare ad Assisi, la terra di San Francesco, l'uomo che rappresenta uno dei più alti momenti di impegno pacifista nello spirito del pensiero cristiano. Insieme, dunque, marceremo per la Pace. E saremmo in tanti".

Oltre 200 volontari della Protezione Civile umbra in assistenza alla Perugia-Assisi

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata