sociale

Le cittaslow italiane a favore dei piccoli comuni. Le proposte

martedì 23 agosto 2011
Le cittaslow italiane a favore dei piccoli comuni. Le proposte

Le settanta Cittaslow italiane - ultima certificata Grumés, Trento, 441 abitanti, 12 frazioni, 40,9 ab. per kmq - esprimono preoccupazione per la paventata soppressione indifferenziata di tutti i Comuni sotto i mille abitanti. "Non siamo certo contrari a riforme che possano snellire la macchina pubblica e migliorare l'efficienza ed economia complessiva dell'azione di governo locale - afferma il Presidente di Cittaslow International, Gian Luca Marconi, Sindaco di Castelnovo ne' Monti RE - ma non possiamo sottacere gli esiti nefasti che una tale misura se applicata in modo indifferenziato potrebbe avere sulle microeconomie locali e sulla tenuta demografica, sociale ed economica dei territori più distali. Essere slow significa in Italia come in altri 24 Paesi del mondo, mettere al centro la "comunità" locale, la propria identità, un modello di sviluppo il più possibile autocentrato, la sostenibilità sociale ed ambientale, la responsabilità sociale condivisa e, dove necessario, l'inclusione sociale di nuovi cittadini. Solo così potremo aspirare ad un futuro di qualità anche per le nuove generazioni".

I piccoli Comuni, specialmente quelli in aree periferiche, montane o collinari, sono un presidio di comunità, e come tali ineriscono senza dubbio la cultura slow. "Certo, in presenza di tagli necessari al sistema amministrativo e politico, qualcosa dobbiamo fare e proporre per ridurre sprechi e disfunzioni - ribadisce Tommaso Sgueglia, Coordinatore di Cittaslow Italia e Vicesindaco di Caiazzo CE, - per noi Cittaslow-Rete internazionale delle città del buon vivere, tutte sotto i 50 mila abitanti, la linea da perseguire è quella già ora portata avanti dalle Unioni di Comuni, dai servizi consortili di area vasta, dalla condivisione di funzionari, amministrativi, dirigenti e servizi. Già oggi gli amministratori dei comuni piccoli e piccolissimi svolgono il loro compito in qualità di volontari o quasi, consentendo però alle piccole comunità sparse di sopravvivere e in alcuni casi di prosperare".

Il concetto è ulteriormente espresso dalle considerazioni di Giuseppe Roma, Membro del Comitato Scientifico di Cittaslow e Direttore del Censis: "Penso che i piccoli Comuni siano un presidio del territorio e non vadano aboliti. Sarà possibile comunque evitare le disfunzioni di carattere economico che derivano dalla loro piccola dimensione che non consente una gestione ottimale dei servizi. La nostra proposta di Cittaslow nei comuni con meno di 1000 abitanti è che gli amministratori prestino la loro opera gratuitamente, vi siano libere aggregazioni per la gestione dei servizi principali come ad esempio la raccolta e smaltimento rifiuti, la manutenzione delle strade comunali, gli asili nido, le scuole per l'infanzia, i trasporti, gli acquedotti: tutti questi servizi possono essere gestiti da un unico o più consorzi intercomunali, emanazione dei comuni accoppiati cui vengono conferite le necessarie dotazioni finanziarie. Gli uffici tecnici comunali e le ragionerie vengono accorpati e un unico Segretario comunale opera in tutti i comuni (è quanto già accade ora con tecnici e segretari "a scavalco"). Ai piccoli comuni restano le competenze su ambiente, urbanistica, agricoltura e prodotti tipici, assistenza sociale, e la comunità vive".

Per Cittaslow non vi è dubbio: una comunità vivente, anche piccola - pensiamo solo alle piccole isole o ai paesini di montagna - è un baluardo contro le nuove povertà, il dissesto idrogeologico, la desertificazione sociale e sostanziale. "Il valore 'locale' del territorio - conclude il Direttore di Cittaslow, Pier Giorgio Oliveti - è la forza dell'Italia nemmeno tanto nascosta che ha marcato nei decenni la differenza in positivo con altri paesi, Francia e Germania in testa. Partire da lì per colpire gli sprechi, sembrerebbe un controsenso e un esercizio masochistico anche in termini socio-economici. Cittaslow è una delle espressioni dell'eccellenza anche amministrativa e gestionale del made in Italy, basata sul buon governo locale senza provincialismi. Il nostro è un modello copiato in tutto il mondo, dove il piccolo Comune è al centro del sistema: 33 milioni di italiani(60%) vivono in cittadine o paesi al di sotto dei 50 mila abitanti. Ridurre il ruolo dei piccoli Comuni è come tagliare il ramo su cui siamo seduti".

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 settembre

Frate Alessandro Brustenghi, la voce di Assisi dona voce all'organo del Duomo

Le Giornate Europee del Patrimonio 2016 portano "Sotto e Sopra la Città"

Con "ChocoMoments Orvieto", scatta l'ora dei golosi. Tre giorni da leccarsi i baffi

L'Unitre inaugura il 26esino anno accademico. Recital al Palazzo Comunale

Michele Fattorini in Sicilia: "L'errore ci può stare, proveremo a rifarci"

Istruzioni per l'uso del compleanno

La Zambelli Orvieto torna in campo a Firenze

Poggio Gramignano, Chiesa della Collegiata e musei aperti per le Giornate Europee Patrimonio

"Orvieto sempre più distante da Roma". Sacripanti chiede conto della soppressione dei treni

Come un tremore

Province, entro fine mese tutto il personale avrà la sua destinazione

"AMAtriciana della solidarietà" in Piazza Roma

Memorial Alessio Corradini, il programma della giornata

"Architettura e Natura", chiusa la quarta edizione. Positivo, il bilancio [Video]

Seconda edizione per la Giornata della promozione dello sport e delle attività ricreative

Corso sulla cura dell'ictus e integrazione interna all'Usl 2

Ricordando Margherita

"Orvieto diVino". I vini della Rupe al simposio internazionale in Ambasciata d'Italia presso la S.Sede

Ultimo saluto all'uomo schiacciato dal crollo del solaio della propria abitazione

Promozione e marketing turistico, incontro in Comune per gli operatori del settore

Ventennale di OCC. Nel fine settimana, stand Fisar e incontro "Oltre il cancro...10 anni dopo”

Festa della Madonna della Mercede. Il programma completo, l'ordinanza della viabilità

Meteo

mercoledì 20 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 14.5ºC 56% buona direzione vento
15:00 18.1ºC 38% buona direzione vento
21:00 10.6ºC 72% buona direzione vento
giovedì 21 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.9ºC 51% buona direzione vento
15:00 20.4ºC 35% buona direzione vento
21:00 12.5ºC 76% buona direzione vento
venerdì 22 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.8ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.3ºC 45% buona direzione vento
21:00 15.3ºC 86% buona direzione vento
sabato 23 settembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.0ºC 67% buona direzione vento
15:00 21.8ºC 47% buona direzione vento
21:00 16.1ºC 75% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni