sociale

Il buongiorno si vede dal mattino! I pendolari orvietani restano a piedi

martedì 27 aprile 2010
di Comitato Pendolari Roma-Firenze

Nuova giornata nera per i pendolari della Direttissima. Treni soppressi, rallentamenti, problemi di circolazione sulla linea. Il Regionale 3375 annunciato prima con 60 minuti di ritardo e poi soppresso. Direttissima con gravi problemi di circolazione, rallentamenti, sui treni si viaggia anche senza luce. Coinvolti tutti i convogli verso Roma, si procede a passo d'uomo.

Ecco il bollettino di guerra del 27 aprile (Fonte: www.viaggiatreno.it):

Treni Orvieto-Roma; Terni-Roma; Orte-Roma:
R 3375 soppresso
R 3377 20 minuti di ritardo
IC 581 25 minuti di ritardo
R 2481 28 minuti di ritardo
R 7539 32 minuti di ritardo
R 2481 28 minuti di ritardo
ES 9321 29 minuti di ritardo

Oltre a ciò non c'è stata nessuna volontà da parte di Trenitalia di risolvere la situazione. Alle 5.50 alla stazione di Orvieto viene annunciata la soppressione del regionale 3375. Treno successivo alle 6.50. Il capostazione si adopera per ottenere la fermata straordinaria dell'Euronight che transita in direttissima. Accende il segnale. Da Roma negano la deviazione ad Orvieto. I pendolari orvietani rimangono a piedi. E a quell'ora non è che si vada a Roma per fare shopping, ma per timbrare un cartellino al lavoro, alla faccia dei 1.200 euro annui anticipati con l'abbonamento!

"Vogliamo denunciare l'assoluta mancanza di collaborazione da parte di Roma. Il capostazione ad Orvieto ha tentato di tutto, lo ringraziamo veramente perché si è prodigato al punto di azionare il segnale rosso. L'EN fermo davanti alla stazione, ma da Roma negano la possibilità di far salire i passeggeri......siamo veramente allibiti su come Trenitalia nonostante gli aumenti di tariffe e le promesse, non solo non migliori il servizio (a questo punto non ci crediamo più), ma non riesca nemmeno a tamponare una situazione di emergenza....alle 6 di mattina!!!"

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 marzo