sociale

Pendolari: Altavelocità, ma l'Italia è spaccata in due

martedì 17 novembre 2009
di Comitato pendolari Roma-Firenze

13 dicembre 2009. Mancano meno di 30 giorni. È il giorno del giudizio per i treni di migliaia di pendolari che saranno soppressi in favore del progresso. Un progresso che vede aumentare a dismisura l'offerta dei Frecciarossa e annullarsi quella destinata ai cittadini di serie B, quelli che la Direttissima finora l'hanno percorsa per andare al lavoro e, tra l'altro, pagata con le tasse.

Percorrenze certe (in Direttissima) e frequenza di treni. Sono queste le esigenze prioritarie di migliaia di pendolari che per 30 anni hanno usufruito di questa preziosa infrastruttura e che oggi si ritrovano con un abissale "buco" di convogli nella fascia cruciale e di più alta frequenza per il ritorno, nella fascia 16.44 -19 in cui, stando alle notizie sui prossimi orari, nessun treno è stato destinato all'utenza di Orvieto, Chiusi, Arezzo, Terontola. E per il futuro la scelta politica (tralasciando quella "aziendale" di Trenitalia che ormai è assolutamente chiara) è di potenziare il trasporto verso i grandi centri, tra nord e sud Italia, a scapito dei medi piccoli agglomerati del centro, Umbria e Toscana in primis, bacìni tra l'altro molto importanti dal punto di vista ambientale, abitativo e turistico.

E le istituzioni interpellate dal Comitato pendolari Roma-Firenze, le Regioni in primis con gli assessori ai trasporti, le province, i comuni, ma anche le associazioni di categoria, rispondono: "Dobbiamo far conoscere la peculiarità di un territorio, quello dell'Italia centrale, dell'Umbria, della Toscana e dell'Alto Lazio che per scelta politica è stato completamente ignorato dalle politiche del trasporto ferroviario degli ultimi dieci anni e che oggi è tagliato fuori dalle logiche dell'AV".

E' urgente agire. E le regioni Umbria e Toscana (con Giuseppe Mascio e Riccardo Conti), i sindaci di Chiusi, Orvieto, Arezzo, Siena, le province, il Comitato RM-FI e gli utenti della tratta, questa volta sono concordi, potreranno avanti una vera e propria vertenza al Ministro dei Trasporti, a cui verrà chiesto - nell'immediato - di riempire il vuoto abissale che si è aperto nella fascia del rientro - magari permettendo la fermata ad Orvieto e Chiusi di uno degli svariati Frecciarossa che tra le 17.30 e le 18.30 partono verso nord - e chiedendo a gran voce per il futuro la costruzione di un tavolo che riesca a stabilizzare e garantire almeno per il medio periodo le condizioni di trasporto pendolare sulla Direttissima Roma-Firenze, in particolare in determinate fasce orarie, (6-9; 16-19).
Da sfruttare sicuramente tutti i canali disponibili, infatti nei prossimi giorni il Sindaco di Orvieto, sarà ricevuto dall'AD di Trenitalia Moretti - probabilmente insieme ad una delegazione del Comitato pendolari e delle istituzioni - per chiedere di sanare subito la situazione gravissima di dicembre.

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 febbraio

Il Treno Verde di Legambiente e FS fa tappa in Umbria. A bordo, l'economia circolare

GamberoRosso - Il vino, di generazione in generazione. L'Orvieto

TouringClub - Le più belle città sotterranee in Italia - regioni del Centro

L'esordio in campionato di Simone Mari (Orvieto Fc) regala subito due goal

Lei espone quadri astratti di anima

"M'illumino di meno". Ecco dove la condivisione accende il risparmio energetico

La Zambelli Orvieto disputa un'amichevole contro Sant'Elia Fiumerapido

Per Orvieto città sicura, Spagnoli (Consap): “Telecamere, giustizia più severa e risorse a forze dell’ordine”

“Orvieto Sicura” che fine ha fatto il progetto?

CNA: "Dalla fusione dei Comuni tante risorse all'Umbria"

Le sculture esterne della Collegiata in un video promozionale a scopo turistico

Comune all'opera per lo "Street Music Festival 2017". A giugno, la settima edizione

Una barba bianca, da grigia che era

Conclusi i lavori al cimitero di Asproli-Porchiano, in partenza a Torregentile

Verdecoprente, il bando scade l'8 marzo. Spettacoli di residenza artistica in sei Comuni

Potatura in corso, senso unico alternato a Canale

Tecnici al lavoro, interruzione di energia elettrica per un'ora nel centro storico

Parterre di mute internazionali per il 31esimo campionato Sips su cinghiale

Sisma e agricoltura, erogati da Agea oltre 28 milioni di euro

Meningite: 23enne ricoverata a Terni, attivata la profilassi

Effetti post sisma sul turismo: minoranze chiedono sgravio su Imu, Tasi e Tari

Nel Cremonese, l'ultimo saluto a monsignor Carlo Necchi

La pineta

Casa di Riposo "San Giuseppe", a giorni il bando europeo per la gestione

Rifiuti, Camillo: "Il sindaco eviti strumentalizzazioni politiche"

Province, azzerati dalla Conferenza Unificata i tagli 2017

Carta Tutto Treno, raggiunto l'accordo con Comitati pendolari e Federconsumatori

Accordo riparto Fondo sanitario nazionale, all'Umbria oltre 1,6 miliardi di euro

Quaresima Eucaristica, il calendario delle celebrazioni

Sì del Consiglio dei Ministri al decreto legge, previste forme di cooperazione rafforzata

Anci: "Ai sindaci più poteri per garantire ordine pubblico e qualità della vita ai cittadini"

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Terremoto e rinascita il tema delle infiorate