sociale

Il Cielo in una stanza: passato, presente e futuro di un Progetto per e con gli anziani del nostro territorio

lunedì 12 ottobre 2009
di Loretta Fuccello per Associazione Comunit Nazareth
Il Cielo in una stanza: passato, presente e futuro di un Progetto per e con gli anziani del nostro territorio

Alla fine del mese di settembre si è concluso il Progetto dell'Associazione Comunità Nazareth - Cesvol di Perugia, dal titolo "Il cielo in una stanza" di cui abbiamo dato notizia di volta in volta nel corso dell'anno. Le ultime due Case di riposo ad essere interessate all'evento-spettacolo finale sono state la Casa Famiglia per anziani Maria Sposa e Madre di Montecchio il 25 settembre scorso e la Residenza protetta "Casa di riposo San Giorgio" il 28 settembre.
In entrambi i casi si è trattato di un vero successo in una atmosfera piena di calore, di gioia e di emozioni, come è accaduto sempre nel corso di questa nostra avventura che ha visto insieme l'esperienza e la professionalità degli operatori teatrali e musicali del Laboratorio Teatro Orvieto e il lavoro volontario, l'organizzazione e la progettualità dell'Associazione Comunità Nazareth, coadiuvata dall'Associazione culturale Il Filo di Eloisa.



Presso la Casa di riposo di Montecchio, condotta dalle suore della Congregazione dell'Amore Misericordioso, si è svolto un lavoro di scavo nella memoria, nei ricordi e nel legame con la territorialità degli anziani ospiti, che vivono in una bella e luminosa struttura inserita nel paese e a stretto contatto con i familiari e gli amici, spesso presenti sia nella quotidianità che nei momenti di festa. La disponibilità, la simpatia umana e la bravura di Elisabetta Moretti, Goretta Gobbini e del gettonatissimo animatore musicale Leonardo Gazzurra hanno fatto sì che anche in questa comunità i frammenti di vita, i ricordi del passato fossero legati dall'ascolto e dal canto dei best-seller musicali ricorrenti in questo nostro progetto da Mamma (La mia canzone vola..è stato il titolo dello spettacolo) a Reginella Campagnola a Amor dammi quel fazzolettino e altri celebri motivi: una nota di originalità e di ironia sono state le barzellette raccontate con arguzia dalla fantastica Candelora, una sveglissima signora dall'età indefinibile (sembra 98) che porta questo nome per essere nata proprio nel giorno della ricorrenza. A completare la serata la fisarmonica del signor Enzo Marrocolo che ci ha indotto a spericolate esperienze di ballo e il contributo di una sua gentile amica napoletana che accompagnandosi alla chitarra ci ha deliziato con divertenti storielle dal gusto partenopeo; ospiti d'onore gli amici della Casa Vincenziana di Baschi che ancora una volta ci hanno regalato l'emozione di un intervento canoro di Danilo e la vivacità intramontabile di Norma nelle danze, nonché il ritrovarsi di alcune signore con le loro conoscenti di Montecchio.



A coronamento del pomeriggio la merenda, condivisa tutti insieme anche con il prezioso contributo delle signore del volontariato Vincenziano che più volte ci hanno affiancato in questo progetto. Suor Lourdes, la suora spagnola responsabile della Comunità, ci ha calorosamente ringraziato a nome di tutti invitandoci a tornare il prima possibile e restituendoci il senso di fraternità in cui questo lavoro si è svolto.
Non poteva esserci chiusura migliore del nostro lavoro di quella che ci ha visto presenti nella rinnovata e storica struttura orvietana di San Giorgio dell'Istituto Piccolomini, trasformata in Residenza protetta Casa di riposo, che ospita per ora Vittorio, Vittoria, Primio, Elio e Nunzia, protagonisti del lavoro condotto da Elisabetta Spallaccia in stretta collaborazione con gli operatori della cooperativa Quadrifoglio e con le due ragazze che qui svolgono il loro Servizio Civile; non poteva mancare Leonardo Gazzurra con la sua carica di simpatia umana e la sua capacità di raccogliere storie e ricordi di personaggi orvietani.

In un bellissimo video contrappuntato dal meraviglioso testo della canzone "L'arcobaleno" (questo era i titolo suggerito da Vittoria per la nostra performance) abbiamo visto scorrere le immagini della vita degli ospiti nella struttura, con i loro suggestivi primi piani, con gli scorci non poco emozionanti del parco e dello spazio circostante a cui tutti gli orvietani sono legati come ad un luogo facente parte da sempre della nostra storia e della nostra città.
E' questo ritorno alla vita e all'accoglienza della struttura nella sua nuova e moderna capacità e funzionalità che ci ha fatto particolarmente felici e ha dato alla serata un vero e proprio carattere di festa; parenti e amici di vecchia data di San Giorgio sono intervenuti, ci hanno gratificato della loro presenza gli ospiti della Comunità Airone con i loro operatori, il dottor Terrezza, Don Augusto, parroco di Ciconia, Andrea Massino, i volontari della Comunità Nazareth e i fedelissimi anziani dell'Istituto San Domenico Savio di Monterubiaglio nonché alcuni ospiti della Casa Natività Morrano, tra cui Daniela che ha offerto il suo tributo canoro, e un gruppo di anziani del Centro diurno La meglio gioventù di Fabro, con i quali avremo in futuro altri momenti di collaborazione.
Una bella festa dunque, carica di buoni auspici per il futuro e di una calda atmosfera, a cui il fastoso vero e proprio banchetto di delizie, allestito dalle cuoche Gina e Maria, ha dato il tocco finale.

Ora non tutto finisce qui, restano ancora aperti due appuntamenti importanti: il 24 ottobre, alle ore 17, Il cielo in una stanza approda sul palco della Sala del Carmine all'interno della manifestazione Venti Ascensionali per portare una rappresentanza dei "talenti" da noi scoperti all'interno delle strutture, per cantare e raccontare insieme e soprattutto per cercare di porgere a chi vorrà intervenire il senso di questa esperienza, di questo laboratorio di umanità che non aspetta altro che di essere ascoltata e riconosciuta da noi "esterni".
L' altro appuntamento che deve ancora trovare una sua collocazione temporale prima della fine dell'anno sarà una sorta di giornata di riflessione con esperti, animatori volontari e istituzioni su come poter dare una continuità e uno sviluppo a questa esperienza di contaminazione tra il mondo esterno e quello delle strutture delle case che accolgono gli anziani del nostro territorio.

Un grazie sentito a tutti coloro che hanno lavorato con noi e che a vario titolo, sia all'interno delle Case di riposo sia all'esterno ci hanno sostenuto, incoraggiato e aiutato nella realizzazione.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 febbraio

Serena Autieri, doppia principessa del popolo. Al Lyrick, "Diana & Lady D"

Interventi antisismici sui beni culturali. Oltre 2 milioni di euro a Orvieto, più di 18 nella Tuscia

Concorso fotografico "Quel filo sottile…che ci unisce"

Pd Orvieto: "Apprezzamento e soddisfazione per il finaziamento del Mibact"

"No alla geotermia, difendiamo il nostro territorio"

Arriva il ticket online per Civita, la presentazione nello spazio Lazio Innova

Confcommercio: "Occorrono un metodo rigoroso e risorse certe per rilanciare il turismo"

"Monastero Invisibile", una rete di preghiera diocesana per tutte le vocazioni

Cafè Loti in "concerto al buio" al Teatro Boni per "M'illumino di meno"

Gianna Paola Scaffidi e Rosario Galli al Teatro Boni sono "Prigionieri al 7° piano"

"Oltre i confini della pena". Quando il lavoro cambia i destini delle persone

Il Museo Geologico e delle Frane guida le scuole della Teverina alla scoperta del territorio

La Confraternita di San Martino raccontata da Colombo Bastianelli

Museo vulcanologico e illuminazione pubblica spenta un'ora per "M'illumino di meno"

Dal Gal ternano fondi per la Chiesa di San Giovanni Battista e strutture adiacenti

Nella Chiesa di San Giovenale l'ultimo saluto a Marcella Rotili

Sarà l'Unione dei Comuni a gestire le funzioni in carico alla Provincia

Presentata alla Camera dei Deputati la mostra che porta Campo della Fiera in Lussemburgo

Testamento Biologico, registro delle dichiarazioni in Comune

Festival dello Street Food, non c'è l'accordo per l'edizione 2018

Aperte le iscrizioni al Corso di percezione visiva per appassionati di fotografia

Verini (Pd): "Un intervento di grande rilievo"

Comune e Opera del Duomo: "Riconoscimento importante per la tutela della città"

Piazza del Popolo senza auto dal 24 marzo. Orvieto per Tutti: "L'agorà è altrove"

Orvieto FC, sfida contro il Clt per aprire la seconda parte del Campionato

Al Palazzo dei Sette "Riformare la politica in Umbria, in Italia, in Europa"

Spazi pubblici ad associazioni private? Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

"La traduzione plastica dell'anima". Si presenta il libro dedicato all'arte di Antonio Ranocchia

Brillano stelle tifernati al Premio per la Danza "Città di Orvieto"

La Zambelli Orvieto continua a stupire ed espugna Chieri

Alla Bottega Michelangeli, il FAI Giovani apre "I luoghi di Orvieto che devi proprio scoprire"

Sole e itudine

La Vetrya Orvieto non trova le contromisure, la Favl straripa

"Analytiques and Reflections upon Orvieto". La Kansas State University in Italy alla Bottega Chioccia Tsarkova

"Quando i soldi ci sono, e tanti, ma i risultati lasciano a desiderare...."

“Economia e politica in dialogo”, nell’incontro di Nova Civitas

Edilizia residenziale pubblica, revocata la sospensione delle assegnazioni nei Comuni fuori dal "cratere" sisma

Sanità, avviata la partecipazione sul regolamento per accreditamento strutture sanitarie e socio sanitarie

Triplicate le presenze ai musei del territorio, boom di visitatori nel 2016

"Erborando" all'Orto Botanico Rambelli. Corso per riconoscere le piante commestibili

Sisma, la Regione attiva tre tavoli per la ricostruzione e lo sviluppo delle zone colpite

"Invito a palazzo da Donna Olimpia". Conferenza-incontro e momento conviviale

Furti, truffe e prostituzione preoccupano gli orvietani: “Aumentate i controlli”

"Umbria Jazz Spring" a Terni. "Così si potenzia l'offerta turistica in Umbria"

Quattro nuovi cantieri. "Le risposte ai cittadini arrivano dai lavori in corso"

"L'arte del narrare. Il significato della fiaba di tradizione popolare"

Arriva Umbria Jazz Spring, a Terni 14-17 aprile

Terremoto, Confindustria propone di estendere la "no tax area" anche ad altre zone umbre

Letteralbar e Comune indicono il premio letterario per racconti e poesie brevi a tema libero

Lavori al Palazzo dei Sette, traffico vietato lungo corso Cavour

Il tennis dà spettacolo. Via al Torneo Open BNL 2017 al Club Opensportvillage

Palloncini bianchi per l'ultimo saluto a Laura. "Solo Dio conosce la verità"

Il Ricordo di Luca Coscioni. Note dopo il VI Congresso dell’Associazione Coscioni, Salerno 15-17 Febbraio

Medaglia d’oro al merito civile a Luca Coscioni. Il Sindaco di Orvieto comunica l’intenzione di avviare l’iter

Le iniziative dell'Umbria alla Bit di Milano

Luca Coscioni. Combattente per la vita. Orvieto

Disabili penalizzati da una cultura poco attenta. Odg in Provincia della Sinistra Arcobaleno per l'attuazione della convenzione ONU

Sabato 23 febbraio nella chiesa della Madonna della Cava Concerto della Scuola di Musica 'Adriano Casasole'

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni : superata quota 100

Nuovo traguardo per l’Uisp Scherma Orvieto. L’atleta Ceccaroni 3° a Salerno al Trofeo nazionale “Montepaschi Vita”

Un atto di indirizzo del Consiglio per dare maggiore valenza al Giorno del Ricordo e ad altri particolari eventi del Novecento. Lo sollecita il sindaco Mocio rispondendo a un'interpellanza di AN

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Dalla Protezione Civile oltre un milione e 500 mila euro per interventi di difesa idraulica e ripristino di aree in frana

Sicurezza sul lavoro: se ne parla sabato 23 febbraio con il Sottosegretario alla Salute Gian Paolo Patta in un'iniziativa della Sinistra Arcobaleno

Festival dei Complessi Bandistici Umbri: domenica al Mancinelli secondo appuntamento di Scorribanda. Alle ore 18,00 il Concerto Musicale di Cannara

A Roma fino al 2 marzo gli inquietanti tableaux di Gregory Crewdson. Unica tappa europea del fotografo americano