sociale

Il Pendolarismo al centro della discussione nel Consiglio Provinciale di Terni. L’Orvietano chiama la Provincia ad un protagonismo diretto a difesa del territorio

domenica 20 settembre 2009
di Giorgio Santelli

Lunedì 21 settembre, in Consiglio Provinciale arriva una mozione importante per il nostro territorio. Ed è il primo vero atto del Circondario di Orvieto per questa legislatura, sottoscritto da tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione eletti nel territorio: con me è stata sottoscritta da Stefano Garillo (PD), Daniele Longaroni (Pd) Andrea Sacripanti (PDL) e Francesco Tiberi (PDL).

Si tratta di una mozione sul tema del pendolarismo che, all'unanimità, la Conferenza dei Presidenti di gruppo ha inserito con urgenza nell'ordine del giorno del Consiglio. Non è un atto semplice, che rileva il problema e lì si ferma. Tenta, invece, di affrontarlo in tutta la sua complessità, proponendo al Consiglio Provinciale di predisporre ad Orvieto una Conferenza di servizio sul Pendolarismo che coinvolga le province di Firenze, Arezzo, Siena, Terni, Perugia e Roma; le Regioni Toscana, Umbria e Lazio; le associazioni dei consumatori, le aziende regionali ferroviarie, le Fs e i Comitati pendolari per definire una strategia comune e una soluzione unitaria al problema.
Chiede anche di fare un'indagine socio-economica sull'impatto che il pendolarismo ha sul nostro territorio provinciale partendo da un dato economico e da un dato sociale importanti.

I pendolari producono un reddito complessivo di circa 20 milioni di euro all'anno, solo nel territorio dell'Orvietano. Si tratta di una cifra che è parte importante del nostro prodotto interno lordo ed è leva importante per l'economia locale. Sono soldi che si trasformano in acquisto di beni e servizi, nel pagamento di tasse locali, provinciali, regionali e nazionali, in depositi nel nostro sistema bancario.
I pendolari, inoltre, partecipano alla vita attiva della nostra società: a quella politica, a quella associativa.
Non dare loro garanzie, non permettere a loro un trasporto puntuale, agevole, veloce, qualitativamente accettabile, può costringerli a scelte di vita diversa. Molti di loro sono diventati parte della nostra comunità in un recente passato, scegliendo di vivere qui perchè a meno di un'ora da Roma in treno. Meno del tempo necessario a chi abita nella periferia di Roma per giungere al centro. Hanno scelto il nostro territorio perché qualitativamente migliore, in termini sociali e ambientali e con maggiori servizi.

Qual è, allora, il rischio evidente? I collegamenti con Roma si stanno riducendo e diventano sempre più lenti perché FFSS sceglie di penalizzare il traffico locale e Intercity, a vantaggio dell'Alta velocità. Ed allora molti pendolari potrebbero scegliere di trasferirsi a Roma o in realtà meglio collegate con la Capitale. Per il territorio significherebbe perdere ulteriori risorse economiche e ricchezza sociale.

La politica è quindi chiamata a trovare soluzioni a difesa dei propri territori. Si tratta di scelte politiche legate ai servizi di trasporto regionale e locale (Convenzione Regione con Fs) e ai servizi di trasporto universali, come è il traffico Intercity (Convenzione dello Stato con Fs).
Il mercato ferroviario, per come si sta modificando, offre però alla politica anche una scelta in più, non solo quella della trattativa con FS e dell'erogazione di maggiori contributi per l'acquisto di servizi che troppo spesso sono inferiori alle aspettative.

La rete delle Istituzioni può scegliere di diventare attore principale del sistema trasporti che non sia essenzialmente locale. Lo può fare però solo decidendo di co-gestire, con un nuovo protagonismo, in forma associata con altre Province o Regioni, un pezzo dei servizi universali di trasporto. Prendendo ad esempio il caso Lombardia è possibile che la risposta al pendolarismo arrivi attraverso l'acquisto o l'affitto di tratte e treni su percorsi interregionali (all'Umbria ne basterebbe uno) che nella tratta Firenze-Roma possono risolvere il collegamento verso Roma. I costi rappresenterebbero meno del 10% di quello che è l'ammontare complessivo della convenzione tra Regione Umbria ed FFSS, ma sarebbero di molto inferiori se a queste scelte partecipassero anche Toscana e Lazio, le Province di Firenze, Arezzo, Siena e Roma, costituendo magari un unico soggetto gestore su quella dorsale, fatto dalle società regionali di trasporto ferroviario e dalle stesse istituzioni insieme a FFSS.
A quel punto quei collegamenti, a tutti gli effetti di proprietà dei territori e non di Trenitalia, non potrebbero essere né cancellati né subire ritardi a scapito dell'Alta velocità, né tanto meno essere costretti a viaggiare sulla linea lenta visto che la direttissima è utilizzata ormai impropriamente da FFSS come linea quasi esclusiva per l'Alta Velocità.

Giorgio Santelli
Consigliere Provinciale IDV
Presidente dell'Assemblea dei Sindaci del Circondario Orvietano

 

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti

Meteo

lunedì 16 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 12.4ºC 69% buona direzione vento
martedì 17 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.1ºC 51% buona direzione vento
15:00 23.0ºC 33% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
mercoledì 18 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.4ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.7ºC 33% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 76% buona direzione vento
giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.3ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.1ºC 37% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 80% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni