sociale

Verso la chiusura gli uffici della Soprintendenza BAP di Orvieto. L'Assessore Barberani: una decisione unilaterale e incomprensibile

sabato 19 settembre 2009
di Lucia Caruso
Verso la chiusura gli uffici della Soprintendenza BAP di Orvieto. L'Assessore Barberani: una decisione unilaterale e incomprensibile

Chiudono i battenti tre giorni su cinque gli uffici di Orvieto della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria, costringendo i 6 dipendenti che vi lavorano a fare i pendolari con Perugia. Il forte ridimensionamento, inoltre, non lascia intravvedere nulla di buono e pare forte il rischio che la chiusura divenga definitiva. Una decisione che, oltre a rappresentare un notevole disagio per i dipendenti, determina disagi e disservizi non indifferenti anche per l'utenza del territorio di riferimento che si estende fino al Narnese, all'Amerino e al Tuderte.

"La decisione di chiudere la sede di Corso Cavour - dice l'Assessore alla Cultura, Antonio Barberani - è arrogante, unilaterale ed incomprensibile. Su questa scelta c'era un dovere sostanziale e formale di informazione preliminare nei confronti del Comune. E' un grande depotenziamento della città oltre che un comprensibile disagio per i dipendenti che tutti i giorni sono costretti al pendolarismo con Perugia. L'arroganza è quella di aver fatto questa scelta senza avere minimamente informato le amministrazioni locali, tanto più che l'attuale sede ospitata al primo piano di Palazzo Urbani è di proprietà dell'Opera del Duomo che ha concesso lo stabile in comodato d'uso gratuito alla Soprintendenza, cioè a costo zero. Personalmente mi auguro che non ci sia una qualche ‘manina' interessata dietro a questa decisione improvvida, ma che sia una libera scelta della Soprintendenza. Diversamente non esiteremo a far emergere la verità".

"La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell'Umbria - prosegue Barberani - è presente ad Orvieto con una propria sede di lavoro operativa sin dalla fine degli anni '80, insediatasi in primo luogo per far fronte all'impegno derivante dai numerosi ed importanti cantieri aperti nel quadro degli interventi previsti dalla legge 227 e le successive leggi per il risanamento della Rupe e la salvaguardia del patrimonio architettonico. Nel corso degli anni e fino ad oggi, l'ufficio di Orvieto è stato impegnato in relazione alle leggi speciali e per tutte le altre attività attinenti sia alla cantieristica ordinaria nel territorio, sia e soprattutto all'ampia attività di tutela in un'area vasta caratterizzata da numerosi vincoli monumentali e paesaggistici. Ancora oggi gli uffici orvietani della Soprintendenza si occupano non solo di Orvieto e del comprensorio, ma anche del comprensorio tuderte (media valle del Tevere) e del comprensorio narnese-amerino, territori limitrofi all'Orvietano e strettamente correlati".

"In conclusione - afferma l'Assessore Antonio Barberani - questo tentativo di riorganizzazione, più che un potenziamento ha tutte le caratteristiche di un forte ridimensionamento, peraltro immotivato, della presenza del Ministero proprio nell'ufficio che ha più connessioni con l'utenza - sia istituzionale che privata - e più compiti di tutela e salvaguardia dei Beni architettonici e paesaggistici del territorio. Inoltre, questa forte riduzione della presenza ad Orvieto - dal tempo pieno a due soli giorni a settimana - con lo spettro della probabile e definitiva chiusura, oltre che rappresentare un evidente disagio per i dipendenti, comporterà altrettanti disagi per l'utenza del territorio, anche oltre i confini del comprensorio orvietano, e comunque di una parte dell'Umbria sempre più distante dal centro, capoluogo di regione".

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 ottobre

Poker dell'Orvietana sul campo del Lama

Blocco Studentesco, sit-in contro "l'ostruzionismo della dirigenza al liceo Gualterio"

Unitus, via al Master "Crisis" su investigazioni e sicurezza

Gitana

Orvieto FC: vincono le ragazze del calcio a 5, sconfitta la prima squadra

Gnagnarini: "Auspico che Palazzo dei Sette torni ad ospitare i sette saggi"

Parcheggi in Piazza Duomo negati alle famiglie dei cresimandi di Fabro. Olimpieri (IeT): "Perchè?"

Un'autoambulanza per i cittadini. "La Locomotiva" chiede il supporto delle associazioni

Donato un servizio di ceramiche all'istituto alberghiero di Amatrice

"Metti via quel cellulare", a casa Cazzullo un confronto tra generazioni

Tornano "I Giorni dell'Olio Nuovo". Anteprima, "I segreti dell'ulivo. Dalla coltivazione alla raccolta"

"Rifiuti tossici, le dichiarazioni del sindaco Germani non bastano"

Vetrya Orvieto Basket di autorità sull'Atomika

Tutti in piazza a San Vito per festeggiare le cento primavere di Cesarina

Rafael Varela realizza un quadro per i trenta anni dell'Associazione "Piero Taruffi"

Interregionale Gpg di Scherma ad Ariccia. Vince Rocchigiani, terze Tognarini e Urbani

Fine settimana a tutto rugby per l'Orvietana

A Foligno i pensionati della Cisl puntano sul territorio e sulla formazione

"Chi legge naviga meglio". Anche un omaggio ad Anna Marchesini per "Libriamoci"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 17

Premio Vetrya per la migliore tesi di laurea sulle applicazioni di intelligenza artificiale nell'industria 4.0

Confagricoltura rinnova le cariche, Giuseppe Malvetani confermato presidente

Progetto EVA+, attivo il distributore di elettricità per la ricarica veloce dei veicoli

Le akebie di Bianca

Juniores regionale di calcio a 5, reso noto il calendario

Regione Toscana e 13 Comuni firmano il protocollo d'intesa per il rilancio dell'Amiata