sociale

I volontari umbri della Protezione Civile alla prova del terremoto Abruzzese: una risorsa umana e professionale di grandissimo valore

sabato 18 luglio 2009
di Giuliano Santelli. Presidente della Consulta Regionale di Protezione Civile
I volontari umbri della Protezione Civile alla prova del terremoto Abruzzese: una risorsa umana e professionale di grandissimo valore

Dal 6 aprile oltre 1000 volontari della Protezione Civile regionale dell'Umbria sono "passati" per il campo di Paganica (più di un volontario ha garantito almeno 3/4 turni di permanenza).

Già dalla sera del 6 aprile alle ore 17 il primo contingente di 120 volontari ha materialmente costruito la tendopoli nel campo di rugby della frazione aquilana, fornito un primo pasto caldo preparato dalla cucina dei volontari di Orvieto, mentre tutte le altre associazioni del contingente hanno dato assistenza, montato tende e strutture per dare un primo ricovero ai cittadini colpiti dal sisma.

I volontari iscritti al registro delle associazioni o dei Gruppi Comunali sono oltre 2850, volontari che hanno dimostrato la loro "forza" già dalla Missione Arcobaleno, nel terremoto del Molise e nelle grandi e piccole emergenze locali.

La vera prova però è indubbiamente questa dell'Abruzzo, una situazione complessa all'interno di uno scenario diffuso e di un territorio colpito da un sisma molto vasto. I volontari umbri hanno materialmente costruito il campo di Paganica 1 e 2, hanno coordinato Paganica 3, gestito complessivamente oltre 2000 persone bisognose di tutto. Lo hanno fatto con il solito spirito di solidarietà e servizio, ma questa volta con qualcosa di aggiuntivo, una forza ed un impegno di chi conosce bene cosa sia e come colpisca un terremoto. La memoria del settembre del 1997 ha, in ognuno di noi, moltiplicato gli sforzi e ha permesso di fare oltre l'immaginabile. Il tutto con risorse, materiali e mezzi per gran parte di proprietà dei gruppi o delle associazioni di volontariato, coadiuvati dalla struttura regionale che ha condotto anch'essa con competenza e impegno una missione ben al di sopra delle sue forze. I Capicampo, tutti giovani seppur in gran parte con contratti a tempo determinato, hanno gestito con professionalità altissima la fase di prima emergenza.

Questo sistema integrato, Volontari Regione sistema degli Enti locali umbri, Province, Comuni, Comunità Montane, ha dimostrato ancora una volta la sua solidità e capacità di azione sinergica.

La Regione dell'Umbria gestisce funzioni essenziali all'interno del COM 5, Materiali e Mezzi, Censimento Danni, Coordinamento di tutti volontari delle 18 tendopoli, pronto intervento nella manutenzione degli stessi, la Segreteria Generale.

Un compito gravoso al quale i volontari stanno rispondendo con grande senso di responsabilità. Ora bisogna però andare oltre, finalmente costruire un percorso stabile, definitivo ed efficiente, costruendo la Colonna Mobile Regionale. Una Colonna Mobile che segua questo schema di integrazione e finalmente metta a disposizione dei volontari mezzi e risorse adeguate. La Presidente Lorenzetti ha preso pubblicamente questo impegno in una assemblea con i volontari dell'Umbria a Paganica. Impegno dal doppio valore, per il luogo simbolico (Paganica), e per le presenze istituzionali.

In queste settimane i volontari umbri hanno costruito il nuovo campo di Paganica, cercando in questa nuova struttura di migliorare le condizioni di vita della popolazione della tendopoli. Uno sforzo grandissimo, sotto un sole che mette a dura prova ogni volontario. Ancora una volta nessuna incertezza, nessun dubbio o discussione, si lavora con le cose che ci sono, cercando di raggiungere il miglior obiettivo. Non vorremmo però che questa disponibilità ed impegno fosse considerata sempre e comunque disponibile. Anche per i volontari questa missione Abruzzo rappresenta uno spartiacque, perché si investano finalmente risorse certe verso il nuovo modello di volontariato, sempre più "attrezzato", professionalizzato, con mezzi e materiali all'altezza dell'emergenza da affrontare.

Per questo anche ieri 16 luglio, approfittando della presenza del Presidente del Consiglio Regionale, Fabrizio Bracco, e di una folta delegazione di Consiglieri Regionali, abbiamo ribadito le nostre posizioni e aspettative. Prima della fine di questa legislatura regionale ci attendiamo risposte e fatti concreti a partire da un solido impegno finanziario nei confronti del volontariato di protezione civile. Siamo fiduciosi che questa volta ci si ascolterà, o per la Consulta Regionale sarà tempo di pensare ad iniziative verso Istituzioni che per lungo tempo sono rimaste un po' "disattente" a queste nostre esigenze.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 marzo

Semaforo mobile blocca il traffico sul Ponte dell'adunata

Comprensorio e Intercomunale del Pd pronti per le Regionali, ampio consenso su Galanello

Coppia di Ficulle vittima della truffa della casa di legno, i carabinieri denunciano due messinesi

La Conferenza permanente delle Donne Democratiche di Orvieto elegge portavoce Alice Leonardi

Il clero della diocesi di Orvieto-Todi in ritiro spirituale a Spagliagrano

Zambelli Orvieto: sarà una Coppa Italia di grande attrattiva

Un logo per Civita di Bagnoregio. Via al concorso di idee per realizzarlo

Polemica rientrata, la sala piccoli interventi dell'ospedale è operativa

Le iniziative a cura del Centro di Documentazione Popolare di Orvieto

Il Lions Club vicino al Gruppo Fai di Orvieto per le Giornate di Primavera

Rupe di Sugano. Entro fine estate, via agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Nuova data per la tappa di Orvieto del tour "In strada con sicurezza"

Sacripanti (FdI-An): "Affidare quanto prima il Centro Congressi a soggetti esterni competenti"

Royale Confrerie Prestige des Sacres. Serata di beneficenza per sostenere la lotta contro il cancro

Sul palco di "Amateatro" è la volta di "Come d'Autunno"

La Farsiccia di Archeofood pronta a conquistare il San Giovanni di Orvieto

A Camorena le celebrazioni in ricordo del sacrificio dei Sette Martiri orvietani

"SNS Meeting" al Palazzo dei Congressi. Attività svolta e programmi di gestione e di sviluppo

Verso la candidatura del merletto italiano come patrimonio immateriale dell'Unesco

Cerimonia delle Candele e due nuovi ingressi per la Fidapa di Orvieto

Centrale a biomasse. Ancora un contributo per capire meglio

Perché aderire all’associazione Libera. Anche in Umbria occorre impegnarsi contro le mafie

Buoni frutti dall'impegno politico di Emily Umbria: molte le socie elette. Nell'immediato un'iniziativa politica il 7 aprile e la piena attuazione sul lavoro dei diritti per le pari opportunità

Settimana della Cultura: '...che il buon Dio ci faccia ritornare a casa sani e salvi e vincitori'. Lettere e cartoline di soldati della I guerra mondiale. All'Archivio di stato di Orvieto fino al 30 aprile

Settimana della Cultura: 25-31 marzo 2008. Domenica 30 Marzo visite guidate presso i tre Antiquarium Comunali di Baschi, Lugnano in Teverina e Tenaglie

Un voto a sinistra per una scelta di parte. Mercoledì 26 marzo incontro-dibattito con il candidato al Senato Giuseppe Ricci: ore 21 a Palazzo dei Sette

La valorizzazione della Tuscia passa per il Casello autostradale Nord. Soddisfazione di Assocommercio per il comune impegno dei Comitati dell'aeroporto di Viterbo e del Casello Nord

La Nuova Biblioteca Luigi Fumi si arricchisce della donazione Giuseppe Gadda Conti

Il Dottor Terrezza confermato direttore sanitario alla Divina Provvidenza di Ficulle. 600 firme a suo sostegno

Protestano i lavoratori dell'autogrill di Fabro chiuso per inagibilità. Summit in Prefettura per trovare una celere soluzione

Confagricoltura Orvieto chiede coinvolgimento e trasparenza sulla centrale a biomassa

Giovedì 27 marzo a Orvieto incontro alle 21 con Giampiero Bocci e Carlo Emanuele Trappolino. Altri incontri a Viceno, Castelgiorgio, Porano