sociale

"Maggiori controlli e maggiore attenzione verso le esigenze dei cittadini". Costituito a Orvieto il Comitato Cittadino Antirumore

lunedì 25 maggio 2009
di Monica Riccio

Maggiori controlli sui locali pubblici che propongono musica dal vivo e maggiore rispetto per le esigenze dei cittadini tutti. In sintesi è questo l'incipit con cui si è presentato alla stampa il gruppo di recente costituzione denominato "Comitato Cittadino Antirumore per la difesa e la tutela della salute pubblica e la qualificazione del centro storico". A presentare le finalità della neonata associazione questa mattina in una conferenza stampa la Presidente Maria Silvana Petrangeli e il Vice-presidente Renzo Marziantonio.

"Non siamo contro la musica, tantomeno contro i giovani, non vogliamo far chiudere i locali, - puntualizza il Comitato.- Vogliamo che siano rispettate le regole e le esigenze dei cittadini che sono ormai esasperati dal proliferare di locali che propongono musica live, dal giovedi alla domenica sera. Non ne possiamo davvero più".

Il comitato, di cui in questi giorni si sta formalizzando la costituzione, ha dato già mandato al legale Avvocato Guglielmo Santarelli di rappresentare gli interessi dei cittadini che vi aderiscono, ponendo in essere le azioni necessarie al fine di ottenere ascolto.

Già perché sono ormai quattro anni che i membri del Comitato, singolarmente e a titolo personale, hanno più volte chiesto attenzione, denunciando alle autorità competenti e scrivendo addirittura al Prefetto, l'assoluta mancanza di regolamentazione delle licenze concesse ai locali in questione, fatto questo che, a detta dei membri del Comitato, spingerebbe i gestori ad una sorta di "guerra" a colpi di serate live.

Il Comitato chiede, di fatto, una definitiva regolamentazione delle licenze e un effettivo controllo da parte delle autorità di competenza sull'effettiva applicazione di orari e modalità di gestione.
L'annosa problematica delle responsabilità che vede in campo le Forze di Polizia Municipale e le Forze dell'Ordine che quasi ogni week-end sono allertate dai cittadini, non risolve i problemi che la gestione di locali del genere comporta per la città.
Secondo il Comitato,- che ha emesso a riguardo un comunicato stampa che potete leggere in correlata, - è necessaria una precisa regolamentazione delle licenze che determini orari di apertura e chiusura dei locali, riducendo le serate con musica live.

Comunicato stampa del Comitato Cittadino Antirumore

Commenta su Facebook