sociale

Castel Viscardo: finanziato il consolidamento del lato sud di Monterubiaglio. Lavori per 1milione 600mila euro

lunedì 12 gennaio 2009
Continua la solerte azione dell'amministrazione comunale di Castel Viscardo per il consolidamento e il rifacimento dell'abitato. Viva la soddisfazione del sindaco Tiracorrendo e della sua giunta per la notizia di finanziamento di un primo stalcio di consolidamento del centro abitato di Monterubiaglio. I fondi, che ammontano a 700 mila euro, sono stati assegnati dal Ministero dellAmbiente in base alla Legge 179/2002, con il coordinamento della Regione Umbria per quanto riguarda le attivit di monitoraggio e valutazione delle criticit. Con i fondi assegnati sar realizzato il consolidamento della parte sud del centro abitato di Monterubiaglio corrispondente alla via Mameli e al versante sottostante fino al fosso Pozzangone. Nell'area, infatti, si evidenziano condizioni di rischio per alcune abitazioni e per la circolazione stardale. Il progetto completo, per la cui realizzazione occorrono fondi per 1milione 600mila euro, prevede: - la realizzazione di un nuovo muro di sostegno della via G.Mameli nel tratto compromesso dai movimenti franosi gi avvenuti ed in corso; - la regimazione della acque di dilavamento ricostruendo la struttura del reticolo scolante; - il contenimento dellerosione superficiale con ingegneria naturalistica; - a realizzazione di opere di contenimento con gabbionate ed una serie di briglie al piede del versante sul fosso Pozzangone. Il primo intervento su questarea risale allanno 2000 e fu finanziato con fondi della Regione Umbria e del Comune di Castel Viscardo a seguito di rilevanti movimenti franosi che negli anni precedenti avevano lambito, tra laltro, listituto San Giovanni Bosco, fatto che port a classificare il versante posto a sud di Monterubiaglio a rischio R/3. Questo importante finanziamento affermano il sindaco Tiracorrendo e il vice sindaco Longaroni - servir in via prioritaria a rendere pi sicuro labitato di Monterubiaglio e dar sviluppo sociale ed economico ad una delle zone pi vitali e popolate del paese, garantendone qualit urbana e vivibilit come nel resto del centro storico, che proprio per tali caratteristiche gode di generale apprezzamento.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"