sociale

Orvieto, Tribunale lillipuziano. Lo racconta "Il Giornale" riproponendo il dilemma della soppressione

martedì 15 luglio 2008
Ancora una volta Orvieto all'attenzione nazionale in modo non del tutto lusinghiero, questa volta per un'inchiesta de “Il Giornale” di Milano, riportata su www.ilgiornale.it, che ne mette in rilievo i casi per cosě dire “atipici” di piccola cittŕ di provincia. Nell'occhio del giornalista č il Tribunale, il piů piccolo d'Italia, seguě a stretto giro da quello di Mistretta. Cosa del resto nota sulla Rupe, dove Amministrazione e Ordine degli avvocati si mobilitano di tanto in tanto per il suo rischio continuo di essere soppresso. Un tribunale dove tutto fila piů liscio e veloce che altrove, come riporta il cronista, ma dove i numeri “sono quello che sono”, dice il cronista. E cosě li dŕ: secondo i dati del Csm aggiornati al 23 ottobre 2006- offre giustizia a 55.594 utenti. L’equivalente di un quartiere di Milano o della capitale. Al 23 ottobre 2006 i procedimenti penali pendenti, come dicono gli esperti, erano solo 312 - contro i 343 di Mistretta - quelli sopravvenuti, insomma i fascicoli nuovi, 331 - contro i 341 di Mistretta. Ha senso per lo Stato tenere aperto un presidio dalle misure lillipuziane? I giudici sono cinque come le dita di una mano, ma la pianta organica ne prevede sei. E per sopravvivere e non perdersi nel labirinto delle incompatibilitŕ, il presidente Edoardo Cofano, un signore dai modi garbati e dal polso di ferro, ha inventato una sorta di meccanismo a incastri che funziona a meraviglia: «Un giudice del civile fa il gip, un altro il gup e un altro ancora scrive le sentenze collegiali». Tradotto in italiano: tutti fanno tutto. Nel 2007 le sentenze civili sono state 224, ma nel 2008 andrŕ meglio perché, come fa notare il Presidente del Tribunale Sergio Cofano, le sentenze sono giŕ 172 contro le 102 dell’anno scorso. Nel penale, invece, i verdetti del 2007 sono stati 269, quasi tutti monocratici. “Qui - dichiara ancora Cofano al cronista - le inchieste si fanno in pochi mesi, i processi in un paio d’anni, la prescrizione e l’arretrato non sappiamo cosa siano. Certo, se il Tribunale di Orvieto scomparisse o diventasse una sede staccata di quello di Terni, lo Stato risparmierebbe, ma i calcoli esatti sono difficili”. Il Procuratore Francesco Novarese, arrivato pochi giorni fa dalla Cassazione ad affiancare il Pubblico Ministero Flaminio Monteleone – pensa che il bacino ideale per un Tribunale sia quello compreso fra i 250 e i 500mila abitanti, ma a patto che si riformi il processo e si sfoltisca il catalogo dei reati. Insomma, tra una considerazione e l'altra, l'articolo ripropone il dilemma della cancellazione “di quei piccoli tribunali – si dice - la cui sopravvivenza č perorata da almeno trent’anni da uno stuolo di deputati, avvocati, autoritŕ varie”. Non l'hanno presa bene, né in Tribunale né i 114 avvocati della Rupe perché, come spiega nell'articolo e piů di una volta ha spiegato il Presidente dell'Ordine degli avvocati di Orvieto, Sergio Finetti, “per l’economia della nostra cittŕ sarebbe una mazzata. Si pensi solo ai consulenti del tribunale”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio