sociale

Intanto il Consiglio Comunale approva le convenzioni per l'integrazione della rette delle strutture per anziani

lunedì 26 maggio 2008
Il Consiglio Comunale dopo ampio dibattito ha approvato le sette convenzioni relative all’integrazione delle rette nelle strutture residenziali per Anziani per un importo totale di 500.000 Euro/anno. Si tratta delle convenzioni fra il Comune di Orvieto e le seguenti strutture: Istituto “Pietro Piccolomini Febei”, Congregazione dei Figli dell’Amore Misericordioso per la “Casa famiglia Maria sposa e madre” di Montecchio, Istituto “San Giovanni Bosco” di Castel Viscardo, “Casa Nativitŕ di Maria” di Morrano, Residenza Protetta “Casa Divina Provvidenza” di Ficulle, “Casa Vincenziana Don Benedetto Baccarelli” di Baschi e il Centro di Attivitŕ Socio-assistenziali “San Domenico Savio” di Castelviscardo che posseggono le autorizzazioni previste dal Regolamento Regionale e Comunale per la disciplina delle strutture residenziali per anziani. Le nuove convenzioni hanno decorrenza 1° gennaio 2008 e hanno una durata di cinque anni ricalcano quelle precedentemente scadute il 31 dicembre 2007 di cui l’Assemblea dei Sindaci ne aveva deciso il rinnovo nel marzo scorso. Gran parte delle convenzioni riguardano le gestioni del privato-sociale ed interessano una media annua di 80/90 persone ospiti per tutto l’anno; alcune di esse sono strutture per autosufficienti altre per non autosufficienti, in questo caso la retta si diversifica perché per i non autosufficienti c’č un tariffario approvato dalla Regione Umbria di circa 83 Euro/giorno, mentre per gli autosufficienti il costo giornaliero č di circa 36 Euro; le nuove convenzioni non producono un aumento della spesa che resta invariata.

Questa notizia è correlata a:

Rispettato il crono-programma per i lavori a Villa San Giorgio. Soddisfazione della prima Commissione Consiliare

Commenta su Facebook