sociale

Nuovo incontro con Trenitalia lunedì, ma senza delegazione dei pendolari. Intanto 87 euro di aumento sugli abbonamenti annuali

domenica 16 dicembre 2007
Continua la difficile trattativa con Trenitalia, che lunedì mattina incontrerà i Sindaci Umbri e l’assessore Regionale Giuseppe Mascio per esaminare le problematiche riferite agli orari ed alla qualità dei servizi che l'azienda eroga alla nostra regione. E’ un appuntamento importante, al quale si è giunti dopo la mobilitazione dei Sindaci dell’alta Umbria e la mobilitazione dei pendolari. I pendolari orvietani si aspettano che, per quanto riguarda la nostra realtà, finalmente Trenitalia dia disponibilità e risposte concrete alle richieste avanzate in sede istituzionale. La questione degli orari, la pulizia dei treni, la fermata ad Orvieto dell’Eurostar delle 21.30 da Roma per Bologna che già ferma a Chiusi, la ristrutturazione della stazione ferroviaria, l’apertura di bagni e servizi, sono i temi che l’Amministrazione Comunale di Orvieto si è impegnata a sostenere nell’assemblea della scorsa settimana con i pendolari e la rappresentante di Trenitalia intervenuta. "Per ragioni a noi non note - affermano i pendolari orvietani in un comunicato stampa - si è scelto di non prevedere in questo incontro la presenza di una rappresentanza dei pendolari, è una scelta che non condividiamo e che carica di responsabilità la delegazione comunale orvietana. Ci aspettiamo risultati concreti, che se non verranno, dovranno vedere con coerenza il Comune di Orvieto assumere le iniziative necessarie a 'smuovere' Trenitalia dal suo finora negativo atteggiamento". "I Sindaci dell’Alta Umbria - continuano i pendolari orvietani - arrivano a questo incontro forti della mobilitazione delle scorse settimane che ha visto amministratori locali, popolazione e pendolari occupare per più giorni i binari a Fossato di Vico. Intanto per chi ha rinnovato l’abbonamento annuale si è avuta la sorpresa di un aumento di 87 euro in più rispetto allo scorso anno. Il tema dei rincari in atto, in assenza di un miglioramento della qualità del servizio offerto, non potrà rimanere lettera morta. Ci aspettiamo davvero che il Comune di Orvieto faccia la sua parte e speriamo di non rimanere nuovamente delusi, sarebbe per il Sindaco e la sua maggioranza l’ennesimo schiaffo in faccia".

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 gennaio