sapori

"Lolla Gelato", confermati i Due Coni sulla guida del Gambero Rosso

martedì 22 gennaio 2019
di Davide Pompei
"Lolla Gelato", confermati i Due Coni sulla guida del Gambero Rosso

Gusti locali, tutti naturali. È racchiuso in questa formula l'ingrediente segreto del successo di "Lolla Gelato", la bottega artigianale bolsenese già inserita a giugno 2018 tra le 15 migliori gelaterie emergenti nell'annuale classifica di riferimento e, il mese successivo, tra le 100 migliori d'Italia, dal sito www.dissapore.it. Premiata come Miglior Gelateria della Provincia di Viterbo da "RomaGolosa" e presente in estate con le sue fredde creazioni anche allo Slow Food Village di Viterbo, la gelateria al civico 59 di Corso della Repubblica ha appena preso parte al Sigep.

Per i non addetti ai lavori, la sigla sta per Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria, Panificazione Artigianali e Caffè e, da sabato 19 a mercoledì 23 gennaio festeggia a Rimini la sua 40esima edizione proponendo in 129.000 metri quadri la migliore offerta sul mercato quanto a materie prime, ingredienti, tecnologie e attrezzature ma anche arredamento e servizi. Una rassegna, dedicata esclusivamente ai professionisti, che anticipa tendenze e innovazioni delle cinque filiere esposte.

Ma anche uno show che presenta nuovi format, sviluppa il networking globale, fa crescere il business di imprese e professionisti e premia le eccellenze mondiali. Tra queste, anche "Lolla Gelato" che in un simile contesto, lunedì 21 gennaio si è vista confermare il riconoscimento dei Due Coni sulla guida del Gambero Rosso dedicata alle "Gelaterie d'Italia 2019" che premia così l'impegno nella ricerca delle materie prime.

Ma anche nella valorizzazione dei prodotti della Tuscia e nella produzione di gelato naturale senza l'utilizzo di semilavorati industriali. Un "gelato naturale, prodotto in maniera completamente artigianale, impiegando frutta biologica e a chilometro zero, prodotti del territorio e di alta qualità, senza semi-lavorati industriali, grassi idrogenati né altri additivi chimici" che, tra innovazione e passione, continua a farsi conoscere.

"Nel piccolo paese lacustre, a pochi chilometri da Viterbo – recita la recensione – Lolla (alias Lorenza Bernini, esperta in chimica fisica e già membro di un gruppo di ricerca che si occupa della conservazione di pitture murali) continua senza sosta la sua personale evoluzione nel mondo del gelato naturale. Sperimentazione e ricerca sono all'ordine del giorno: può dunque capitare di trovare il gusto 'Patate Cuore Rosso Perle della Tuscia', con note di castagna e sentore di vaniglia.

O ancora il Fior di Lavanda (fiordilatte con infuso di lavanda), il delicato Bruscolino (seme di zucca tostato e leggermente salato) che ha conquistato il pubblico dello Sherbeth Festival. Gli amanti delle classiche creme – prodotte con latte fresco di alta qualità e uova biologiche – non avranno da lamentarsi, così come chi predilige i sorbetti, preparati con frutta di stagione sempre bio (notevole quello all'albicocca).

Una legenda guiderà poi chi ha problemi di intolleranze a scegliere l'opzione giusta. Degne di nota le cialde arrotolate, croccanti e gustose, vegane, senza coloranti e grassi idrogenati. Dal 2018, il locale ha ottenuto la certificazione gluten free dall'Aic". E il nuovo anno appena iniziato, c'è da scommettere, non sarà avaro di nuovi importanti riconoscimenti a tanta prelibatezza. Fredda, ma tutt'altro che gelida.

Per ulteriori informazioni:
www.lollagelato.it

Commenta su Facebook