advertising
sapori

Il Frantoio Archibusacci festeggia 130 anni. Luca Puzzuoli nuovo direttore marketing

martedì 6 novembre 2018
Il Frantoio Archibusacci festeggia 130 anni. Luca Puzzuoli nuovo direttore marketing

Una storia di lungimiranza imprenditoriale, coraggio ed eccellenza italiana. E' quella che si scrive nell'Alta Tuscia, in terre che rappresentano l’habitat ideale per la coltivazione dell’olio. A Canino, in provincia di Viterbo, sul finire dell’800, Arturo Archibusacci, erede di una famiglia livornese impegnata nella produzione di olio e carbone, decide di ampliare la produzione esistente di olio affittando vari frantoi locali.  Fin da subito l’attività commerciale intrapresa si rivela molto proficua e nel 1935 il frantoio acquista e si trasferisce nell’attuale frantoio in Via del Boschetto.
 
Nella sua lunga storia, il Frantoio della Famiglia Archibusacci, oltre ad aver collezionato ambiziosi riconoscimenti è stato protagonista di prestigiosi primati: nel 1935 il capostipite e fondatore Arturo Archibusacci decide di impiegare per primo nella storia dei frantoi italiani l’energia elettrica. Trent'anni dopo, grazie al figlio Giovanni il Frantoio Archibusacci è il primo in Italia ad usare l'acciaio inossidabilein tutte le fasi della lavorazione.
 
Al Frantoio è da poco iniziata la raccolta delle olive che verranno impiegate nella produzione dell’olio nuovo. Un olio che, come riconoscimento di altissimo prestigio, ha ottenuto la Denominazione di Origine Protetta: l’Olio DOP di Canino. Un prodotto di cui il Frantoio Archibusacci è primo sostenitore e produttore in termini di qualità e quantità.
 
L’Azienda agricola si estende per circa 80 ettari ubicati tra il comune di Canino (Alto Lazio) e il comune di Manciano (Toscana), comune confinante con quello di Canino.
Gli oliveti impiegati nella produzione olivicola della Famiglia Archibusacci, sono dimora da oltre trecento anni di 1600 piante, secolari e moderne, comunque tutte idonee, come da disciplinare della Comunità Europea che regola tale denominazione, alla produzione dell’olio Dop Canino; oliveti iscritti all’albo per tale produzione e coltivati in regime di agricoltura biologica.

Ancora oggi il Frantoio è gestito da Giovanni Archibusacci, che qualche anno fa ha scelto di diversificare l'offerta dei prodotti offerti alla propria clientela allargandoli ad un’Azienda Agricola che produce Vini di grande qualità, sott’oli, aceti, legumi, liquori, gli Oli Aromatizzati ed altri prodotti tipici del territorio. Attualmente il complesso aziendale del Frantoio Archibusacci si sviluppa su una superficie complessiva di 10.000 mq. L’edificio principale di circaa 1.200 mq ospita il Frantoio di produzione, il punto vendita, il Ristorante "La Bruschetteria" che propone piatti tipici locali e le camere della Foresteria "Il Borgo di Arturo".
 
Negli anni la Famiglia Archibusacci ha collezionato numerosi riconoscimenti e onoreficenze; nel 2018 la commissione d’assaggio TheWineHunter, da sempre garante di prodotti che si distinguono per territorialità e qualità superiore, ha conferito il premio Merano Awards Gold per l’Olio Evo Primus “non filtrato” e due Awards Rosso per l’Olio Evo il Gusto Fruttato - La Tradizione - e Poggio Olivastro Bio. Inoltre, il Frantoio Arturo Archibusacci sarà presente al Merano WineFestival 2018, presso la Gourmet Arena allo stand n°100, con degustazione dell’olio e di alcuni piatti realizzati dalla food blogger romana Cristiana Curri del blog Le Chicche di Cristiana.
 
Quest’anno il frantoio festeggia i 130 anni di attività e l’arrivo di un nuovo direttore marketing del Frantoio Archibusacci: Luca Pozzuoli, già Direttore del Palazzo del Gusto della Provincia di Terni e ideatore dell’evento "Risate&Risotti".

Per ulteriori informazioni:
0761.437202 - info@frantoioarturoarchibusacci.it
www.frantoioarturoarchibusacci.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 febbraio

Viola le misure di prevenzione, nei guai un 48enne

Al via le iscrizioni per i nuovi primi livelli Ais

Incontro su "Territorio e sviluppo con i bandi comuni. Immigrazione e sicurezza"

Passeggiata ecologica a risparmio energetico per "M'illumino di meno"

La Zambelli Orvieto si gode il momento, parola di Jasmine Rossini

Paletti, budini e borberi anti-estetici, il Circolo Sel "perplesso e deluso"

A Palazzo Orsini, le "Frequenze" di Stefano Cianti & Tony Ranocchia

I tassisti rilanciano con il Comune: "Ora il servizio di radio-chiamata”

Barberini rassegna le dimissioni. "E' venuto meno il rapporto fiduciario"

A colloquio con Maurizio Galimberti, dalle più grandi gallerie d'arte a "Mutamenti 2016"

Entra in vigore a marzo la nuova disciplina di turnazione dei Taxi

"Nessuno tocchi i lupi". Più di 3500 firme per la petizione per salvare lupi e cani randagi

Marini dispiaciuta ma intenzionata a fare chiarezza

Flamini (Prc): "Si dimetta anche la Marini, elezioni subito"

Differenziata vicino al 65% per i Comuni dove Cosp ha avviato il porta a porta

In corso all'Ambasciata d'Italia a Praga il confronto con i tour operator cechi

Continuano le aggressioni dei lupi. Per la Cia è allarme rosso in tutta la regione

Sel: "Non ci interessano i giochi di potere dentro il Pd, ma il diritto alla salute"

Prorogato il termine per le domande di iscrizione all'Elenco regionale delle imprese

Il giorno della civetta

Kino-Workshop, al Centro Viva si proietta "Film Blu"

Ciprini (M5S): "Priorità ai cittadini e non alla spartizione delle poltrone"

La Terra del Sorriso, una "Comunità Ospitale" ai limiti del Comune...

Non paghiamo le tasse al nero