sapori

"Zafferiamo..." a Città della Pieve. Tre giorni al sapore di oro rosso, che diventa giallo

giovedì 12 ottobre 2017
di Davide Pompei
"Zafferiamo..." a Città della Pieve. Tre giorni al sapore di oro rosso, che diventa giallo

Dalla cucina ai tessuti, fino alla pittura, passando per i segreti della cosmesi. Dai petali viola agli stigmi di colore rosso che poi diventano gialli, l'oro d'autunno a Città della Pieve ha i colori del Crocus Sativus. Annoverato tra le spezie più antiche e costose del mondo, lo zafferano fu coltivato per la prima volta in Grecia - e poi dai Romani e ancora nel corso di tutto il Medioevo, gli Arabi lo diffusero in Spagna e a loro si deve il nome attuale che deriva dal persiano "safra" (giallo), passato nell'arabo "za’faràn" e quindi nello spagnolo "azafran" - ma, in questo lembo d'Umbria, adagiato a 508 metri di altezza su un colle che domina la Val di Chiana e il Trasimeno, ha trovato presto terreno fertile.

Al punto da festeggiarlo, anche quest'anno, grazie alla manifestazione "Zafferiamo..." promossa dal Comune e dal Consorzio "Il Croco di Pietro Perugino – Zafferano di Città della Pieve A. Viganò", che torna puntuale da venerdì 20 – apertura alle 15 in Piazza Matteotti – a domenica 22 ottobre, promettendo tre giorni di sapori, e saperi, legati nel segno dello "Zafferano purissimo in fili di Città della Pieve", in tutte le sue sfaccettature e i molteplici utilizzi che affondando le radici in un passato lontano. Su tutti, la gastronomia con esperti cuochi che spiegheranno ai visitatori i segreti per un corretto impiego in cucina, offrendo in degustazione delizie ai profumi di zafferano, e i ristoranti della città che presenteranno particolari menù a tema.

Grande spazio alle qualità benefiche dello zafferano, con medici e nutrizionisti che saranno a disposizione dei visitatori nell’Area Salute e Benessere, una delle novità dell’edizione 2017 a cura di Fondazione Ant Centro Dai, Terme Sensoriali di Chianciano e "La Bottega dell'Erborista", mentre nella mostra-mercato "Zafferano e non solo..." con la lavorazione delle terracotta a cura di Terr'Arte e le produzioni agro-alimentari di qualità allestita nel centro storico i produttori del Consorzio proporranno la declinazione dei prodotti realizzati utilizzando la preziosa spezia.

"Che – sottolineano gli organizzatori – a qui più che altro non rappresenta solo un prodotto agricolo. Le sue tonalità di colore e i suoi profumi, infatti, vanno ad intrecciarsi con la sua storia e la sua arte, fino a costituirne un’essenza. Nei tre giorni non mancheranno laboratori per la tintura con lo zafferano di tessuti e filati, oltre alla mostra di pizzi e ricami realizzati con la particolare tecnica del Punto Perugino, a cura della Scuola di Ricamo 'Punti d'Arte'. Venerdì, dalle 17 alle 19. Sabato e domenica, dalle 9 alle 13. Per informazioni e iscrizioni: 349.7631892 

Sarà possibile partecipare a dimostrazioni di tessitura con filati tinti con lo zafferano e laboratori di pittura con la tecnica dell’acquarello per ottenere, dallo zafferano infuso, tutte le tonalità dell’oro rosso a cura di Luciana Pasqualoni, tessitrice artigianale di Cannara, oppure ammirare 'SaffronArt', mostra collettiva di opere realizzate con l’uso dello zafferano a cura di OfficinArte, la Mostra fotografica 'Frutta d’Arte' e quella pomologica 'Frutta dal vero' sulle antiche varietà locali di frutta a cura della Fondazione Archeologia Arborea, nella Sala delle Muse di Palazzo della Corgna per 'Tenendo Innanzi Frutta'. E ancora, al laboratorio di cucina 'Mani in pasta', scoprire tutti i segreti della pasta fatta a mano allo zafferano, a cura di 'Pasta e Sfoglia' di Lucia Fiordi".

Panificio Camilloni presenta "La Torta del Perugino", il Bar del Corso propone sfiziosi aperitivi rigorosamente a base di zafferano, così come Pasticceria "Le Cardete", Gelateria "Moonlight" e Consorzio. Sabato 21 ottobre, in occasione della fioritura della spezia, partendo alle 9.30 da Piazza Plebiscito i visitatori saranno accompagnati attraverso un percorso di trekking urbano alla scoperta della maglia medievale della città fino al nuovo Zafferaneto Urbano, realizzato dai produttori nell’antico "Orto del Seminario". Qui, esperti del Consorzio spiegheranno le caratteristiche e le tecniche produttive per poi procedere alla raccolta dei fiori nei campi, alla sfioratura e all’essiccazione del prodotto finito per conoscere tutte le fasi della lavorazione.

Tra gli eventi collaterali, alle 11, nella Sala Grande di Palazzo della Corgna, il convegno dal titolo "Città della Pieve e il Paesaggio (Reperti, Fondi Europei, Esposizione)" al quale parteciperanno la soprintendente dell'Umbria Marica Mercalli, l'assessore regionale a cultura e agricoltura Fernanda Cecchini, la dirigente regionale del Servizio Musei Antonella Pinna e l'archeologo Giovanni Altamore, ispettore della Soprintendenza. A fare gli onori di casa, il primo cittadino Fausto Scricciolo e l'assessore alla cultura Carmine Pugliese. Nell'occasione, si parlerà delle recenti scoperte etrusche e del percorso espositivo ma anche delle risorse europee destinate a questi investimenti.

Nel pomeriggio, invece, storia e cucina si fonderanno nei suggestivi sotterranei del palazzo, nel corso del banchetto "Dagli Etruschi al Rinascimento", con il menù curato da Tiziano Berlingeri, storico della cucina, dove saranno proposte antiche ricette nelle quali la spezia gioca un ruolo fondamentale. Le ricette, alla base dei piatti che si potranno gustare, hanno richiesto uno studio filologico di comprensione, decodifica ed analisi per individuare, come nel restauro di un quadro, l’adattamento più conservativo. I testi di riferimento sono quelli di Mastro Martino, Domenico Romoli e Bartolomeo Scappi. Saranno serviti "Paneunti all’Etrusca", "Suppa de Ciceri et Castagne allo Zaffarano", "Barbagliate", "Buino alli Fungi", "Zaffarano et Lenti". La cena è su prenotazione allo 0578.298840 ed ha un costo di 20 euro a persona. 

E ancora "Nutrizione e...", il tema dell'incontro con il professor Flavio Di Gregorio. "Coltiviamo la salute con la prevenzione. Lo zafferano e le proprietà preventive dell'alimentazione mediterranea" quello con la nutrizionista dell'ANT Deborah Scarcella. Show cooking e degustazioni con Ristorante Aroma - Locanda dei Sapori di Fabro e Ristorante Bistrot del Duca di Città della Pieve. Tanto basta per intrecciare gusto e qualità dei prodotti a storia e bellezze del luogo che nella metà del XV secolo diede i natali al suo figlio più illustre, Pietro Vannucci detto "Il Perugino".

Per ulteriori informazioni:
340.8505381 – info@fuoriporta.org

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 giugno

Ex ospedale di piazza Duomo, Olimpieri (IeT) presenta un'interpellanza

Si presenta il nuovo numero della rivista "Via Francigena and the European Cultural Routes"

Philo-Club e ApertaMenteOrvieto insieme per "Riflettiamo sul Dialogo"

La squadra Arca Enel dell'Umbria campione nazionale di calcio a 5

E' nato ufficialmente "50 e non sentirli" per i nati nel 1965

In arrivo "Big Band Festival", il primo festival jazz d'Europa dedicato alle orchestre

Rispettato il rito della "Notte prima degli esami". L'augurio del Comune ai maturandi

Vincenti: "Nessun ordine specifico sulle multe, i controlli continueranno"

Luminari a confronto su ginecologia e ostetricia. Tornano i "Venerdì orvietani"

Azzurra Ceprini Orvieto sceglie la bulgara Hristina Ivanova come ala grande

Disciplina della circolazione in Via dei Muffati e in Via Duomo

Terapia del dolore, ortopedia e riabilitazione a "Focus on pain"

Filt Cgil Umbria: "Si rafforzino i presidi della Polfer nelle stazioni e a bordo treno"

La metro B.ella

Appuntamento

GdF, pubblicato il bando per il reclutamento di 4 allievi riservato a "Vittime del dovere"

Porcari, di nuovo a processo ma il giudice si riserva

Il progetto "Orvieto è Doc&Dop" per la valorizzazione dei prodotti locali fa centro

Discarica Le Crete, per l’Arpa dati elevati di mercurio. In un anno 89mila tonnellate di rifiuti

L’Orvietana sceglie Nardecchia per tornare grande

Geotermia a Castel Giorgio, il comune di Acquapendente ratifica il ricorso al Tar

Dipendenti e pensionati dichiarano più degli imprenditori. A Orvieto i redditi più alti, Castel Giorgio quelli più bassi

Lungo il Paao, via ai lavori di manutenzione straordinaria della Rupe

Orvieto partecipa al progetto "Cittaslow Doing" tramite il programma europeo Urbact III

Germani Sindaco: un anno di bugie e di fallimenti

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni