sapori

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

mercoledì 23 marzo 2016
La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

La Mostra Mercato di “Pasqua” è oramai un tradizionale appuntamento a Città della Pieve, un biglietto da visita con il quale la città apre la stagione turistica. Per la sua ventesima edizione che si svolgerà da sabato 26 a lunedì 28 marzo prossimo, non mancano elementi di novità e nuove sperimentazioni. La manifestazione quest’anno tende infatti a legarsi sempre di più agli spazi coperti che abbiamo all’interno del centro storico attraverso l’utilizzo del cortile di Palazzo Corgna e di Palazzo Orca e del mercato coperto, riducendo così l’impatto delle tensostrutture abitualmente installate.

In particolare nell’atrio di Palazzo Corgna e di Palazzo Orca verranno allestiti spazi espositivi a favore di prodotti artigianali e di artigianato artistico che ben si inseriscono nel contesto di pregio dei palazzi. Il mercato coperto, reso gradevole con un importante allestimento, sarà invece il luogo di valorizzazione dei prodotti vitivinicoli del territorio con la partecipazione delle Cantine appartenenti al progetto “Vicciuta”- un importante progetto che vuole riportare in produzione i vitigni storici - e delle Cantine appartenenti alla Strada del Vino Colli del Trasimeno. Un luogo in cui sarà possibile un percorso conoscitivo della qualità delle nostre produzioni territoriali, con ampi spazi destinati alla degustazione.

Piazza Plebiscito ospiterà “lo zafferano” il prodotto tipico di maggio spicco di Città della Pieve, con i soci del Consorzio che proporranno un percorso di ulteriore conoscenza, di degustazione e di vendita della spezia e dei suoi prodotti derivati. Nella piazza, insieme allo zafferano verrà allestito lo spazio Cittaslow in cui si possono trovare le eccellenze produttive delle città aderenti all’Associazione.

Viale Icilio Vanni proporrà invece un lungo percorso di cibo di strada in cui sarà possibile trovare cibi che arrivano dalla tradizioni più diverse: gli arrosticini abruzzesi, le olive ascolane, arancini e pane ca meusa dalla sicilia, lampredotto trippa, ribollita e hamburger di chianina, grigliate di black angus (carne bovina irlandese)

Negli stand preallestiti di Piazza Gramsci, Piazza Matteotti la manifestazione ospita operatori che, partendo dai prodotti di forte tradizione umbra come tartufo, olio, prodotti di norcineria, lenticchie, si potrà fare un lungo viaggio nella tradizione delle regioni italiane e trovare prodotti della Valcamonica, formaggi piemontesi, prodotti della Calabria, della Sicilia; la Puglia proporrà taralli, olive, pane di Altamura. Spazi interessanti saranno quelli destinati alla produzione di birre artigianali e alla lavorazione del vetro di Murano.

Commenta su Facebook