redazionali

La Compagnia della Rupe torna al Mancinelli di Orvieto con il nuovo spettacolo "Il Gobbo di Notre Dame". Sabato 21 marzo

mercoledì 18 marzo 2009
La Compagnia della Rupe torna al Mancinelli di Orvieto con il nuovo spettacolo "Il Gobbo di Notre Dame". Sabato 21 marzo

Dopo il successo dello scorso anno con il travolgente spettacolo Destino di un amore, la Compagnia della Rupe torna, grazie al patrocinio del Comune di Orvieto e della Cassa di Risparmio di Orvieto Spa, sabato 21 marzo 2009 alle ore 21:00 al Teatro Mancinelli di Orvieto con una nuova opera completamente musicale, suddivisa in due atti dal titolo "Il gobbo di Notre-Dame", liberamente ispirata al famoso e omonimo romanzo di Victor Hugo, interamente cantata dal vivo.

Nata nel 2003 dall'idea di un gruppo di giovani di Grotte di Castro (VT), con l'intento di promuovere spettacoli di teatro musicale nel territorio della provincia di Viterbo e di sopperire alla mancanza di attenzione verso una forma d'arte di sicuro interesse culturale quale può essere il musical, la Compagnia della Rupe, sembra essere ormai cresciuta e non di poco. Non solo il numero dei suoi componenti, tra attori, ballerini, costumiste, truccatrici e tecnici, si aggira intorno alle 50 persone ma, grazie all'inesauribile passione e all'instancabile impegno che quotidianamente viene messo nella preparazione dello spettacolo, è riuscita a imporsi in questi ultimi anni sulla scena artistica territoriale offrendo un nuovo impulso al teatro musicale e trasmettendo, a un pubblico sempre più vasto, l'amore per il canto, il ballo e la recitazione.

Dopo aver messo in scena lavori di grande successo quali West side story (2003), The show must go on al Moulin Rouge (2005) e Destino di un amore (2008), la Compagnia ha deciso di dar vita a un nuovo spettacolo dal titolo Il gobbo di Notre-Dame, per condurre ancora una volta il pubblico in un vortice di sentimenti contrastanti e opposti, rappresentati dai massimi estremi dell'amore non corrisposto e del tragico dolore che, inevitabilmente, ne consegue.

Sullo sfondo di una Parigi medievale, gotica e tumultuosa, sotto lo sguardo vigile della cattedrale di Notre-Dame, idealmente raffigurata dagli abbaglianti colori, così come dalle cupe ombre del suo enorme rosone, prende il via l'amara storia di Quasimodo, il campanaro gobbo, e del suo infelice e impossibile amore per Esmeralda, la bella zingara contesa allo stesso tempo dal malvagio arcidiacono Frollo, dal poeta Gringoire e dal nobile capitano delle guardie Febo. Nell'originale adattamento teatrale del regista Carlo Costa, - autore anche delle scenografie -, i dubbi sulla felicità, gli interrogativi dolorosi sul destino, le ossessioni e i ricordi di un passato di solitudine e vergogna che sembrano assillare Quasimodo, si intrecciano ai desideri e alle azioni degli altri personaggi, originando un quadro musicale e visivo unico e di incessante interesse.

Costretto dalla sua deformità a guardare il mondo dall'alto della torre campanaria, infatti, Quasimodo un giorno si innamora perdutamente della zingara Esmeralda che vede ballare e cantare sulla piazza, davanti alla cattedrale. Ma Esmeralda nello stesso momento rimane abbagliata da Febo, il bel capitano delle guardie del Re che, nonostante sia fidanzato con Fiordaliso, non riesce a resistere alla bellezza esotica e sensuale della gitana. Anche Frollo, da sempre dedito alla religione, rimane sconvolto dal fascino della zingara, che con la sua danza risveglia in lui il sentimento di gelosia e quel desiderio carnale represso per anni. Per questo cerca di imprigionarla con l'inganno, scatenando tra le oscure e anguste vie della città, una spietata lotta contro gli zingari guidati da Clopin.

Cantata dalle voci indimenticabili dei molti attori presenti in scena, rappresentata dalle originali scenografie che, quasi in una sorta di magia conducono lo spettatore all'interno delle anguste mura parigine per poi trasportarlo, attraverso un gioco di chiaroscuri, sotto le guglie della Cattedrale di Notre-Dame, impreziosita dai costumi dei ballerini e dalle coreografie di Francesco Leonardi che fanno quasi da eco all'avvicendarsi degli eventi, la sorte avversa di Quasimodo, e del suo amore impossibile e tragico per Esmeralda saprà coinvolgere con tutta la sua forza rappresentativa il pubblico, riuscendo a dar vita all'eterno confronto tra il bene e il male, il bello e l'orrido, l'odio e l'amore, fino alle estreme conseguenze. Fino a quell'abbraccio che, racchiudendo in sé tutta l'energia simbolica di ogni forma d'amore, una volta rotto si dissolverà in polvere.

Per le prenotazioni www.compagniadellarupe.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 aprile

Convegno sul Porto Romano di Pagliano. Riflessioni alla luce delle nuove scoperte

Passeggiata della Sicurezza. Cobas e Assemblea Antifascista: "No alla giustizia fai da te"

Concerto del Coro Polifonico "San Gavino Monreale" a Collevalenza

Conferenza nazionale sulle malattie infettive emergenti e riemergenti

"Wilcock, Lubriano e la Valle dei Calanchi. La visione, il sogno e l'ironia"

Torneo regionale di pallavolo integrato Anpis, vince l'entusiasmo di stare insieme

"Omaggio ad Elena". Cultura e gastronomia all'ombra di Castello Misciattelli Orsini

Izzalini in festa per i 100 anni di mamma Elena

"La Zambelli Orvieto continua a stupire nell'indifferenza delle istituzioni"

Gabriella Carlucci presenta il libro "Amarilla, appunti di un viaggio a sei zampe"

Campionato regionale tiro a volo Anlc. In estate le finali nazionali

L'arte per lanciare un messaggio di tutela dell'ambiente dal cuore di Civita di Bagnoregio

Bruciano sterpaglie, Vigili del Fuoco e Protezione Civile al lavoro

Turismo, Paparelli: "Ultime rilevazioni confermano trend positivo, 2018 anno della rinascita"

M5S Orvieto sul sit-in contro l'ampiamento della discarica: "Non accettiamo strumentalizzazioni"

Successo all'Unitus per l'Open Day delle lauree magistrali

Terminato al Csco il corso di "Tecnico specializzato in accoglienza per rifugiati"

Omaggio a De André al Mancinelli. Ad OCC il ricavato di "Bocca di rosa e gli altri"

Orvieto a Lussemburgo, proficuo incontro tra Comune e Ambasciata

Aderisce al sit-in anche Cittadinanza a 5 Stelle del Comprensorio Orvietano

A Luca Tomassini di Vetrya la Medaglia dell'Università per Stranieri

Andrea Bocelli in Piazza Duomo per la quarta edizione di "Orvieto4Ever"

"Allerona verso lo sviluppo di comunità". Conferenza al Centro Polivalente

Pedalando indietro, "La Carrareccia" raddoppia. A settembre, edizione dedicata a Barbara e Matteo

"Ben Hur" al Mancinelli. Paolo Triestino e Nicola Pistoia chiudono la stagione teatrale

Nuovo look per la rete elettrica, Enel installa i DY900/1 per cabine tecnologiche

Esasperati dall'accattonaggio molesto, gruppo di commercianti scrive al Comune

Post-sisma, la Regione incontra gli ordini professionali nelle zone terremotate

Al via il progetto "Rete amica". Unicef, istituzioni e scuole insieme per un web più sicuro

Teatro Null pronto al debutto di "Osteria da Shakespeare & Co"

Sale la febbre da Palio di Sant'Anselmo. Conto alla rovescia per la Sagra del Biscotto

Fondazione Cro: "Cassa di Risparmio Spa deve permanere punto di riferimento degli Orvietani"

APEritivo nell'Oasi di Alviano, con vista sulla palude

Allerona sempre più cardioprotetta, la comunità si dota di tre defibrillatori

Alfina in festa per San Giorgio Martire. Programma civile e religioso

Post-sisma, Marini ed Errani incontrano gli abitanti di Norcia, Castelluccio e San Pellegrino

Accademia Kronos a "Villaggio per la Terra", per la sensibilizzazione alla tutela del Pianeta

La Polisportiva Castel Viscardo organizza il primo raduno in MTB dei Monaldeschi

"Nonsololirica in Sala Eufonica", video-ascolto di Leonard Cohen

Disco verde al bilancio di previsione 2017/2019. Ampia discussione in consiglio

Sì unanime all'ordine del giorno "Albornoz, un bene comune da restituire alla città"

Nel triennio 2017/2019 opere pubbliche per oltre 23 milioni di euro

Quantità e prezzo di cessione aree per residenza ed attività produttive, le tariffe

Sì al Piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare

Ricognizione annuale delle società partecipate, presa d'atto in consiglio

Approvato il Documento Unico di Programmazione 2017/2019

Corso di formazione per volontari nella valorizzazione dei beni culturali ecclesiastici della Diocesi

Ecco i giovani bomber della Coar Orvieto. Pronti per il II Memorial Papini.

Azzurra nella storia, Orvieto Basket salvezza conquistata, Orvietana un punto prezioso, argento Savrayuk

Rita Levi Montalcini, un'innata ottimista

Torna a riunirsi l'esecutivo PD del Comprensorio Orvietano. In discussione molti temi "caldi" di urgente attualità

Grande successo per "La Domenica del Vulcano 2010". Incontri ed escursioni nel territorio di San Venanzo

Il Sindaco Concina sul Bilancio: "Orvieto non può permettersi il commissariamento"

Pozzo di San Patrizio: il biglietto intero aumenta di cinquanta centesimi dal 1° giugno

Sferracavallo. Mercato sì, mercato no. Proroga della sperimentazione fino al 30 marzo 2011. Via alla "filiera corta"

Continuano i controlli del Commissariato sul rispetto degli orari di chiusura dei locali

SII. Cresce il front-office: in aumento accessi al sito e mail. Lattanzi: "Grande sforzo per accorciare le distanze tra utenti e società"

Pubblicato il bando TAC II: interventi di promo - commercializzazione turistica per prodotti d'area di progetti integrati collettivi

Suggerimenti per il "Buon Politico"... ovvero esortazione all'On. Trappolino

Aumenti per alcuni settori amministrativi del Comune: i Comunisti Italiani vogliono sapere. Qualche lume dalla conferenza stampa del Sindaco Concina

"Alla scoperta dell'antico Egitto": gli Egiziani innamorati della vita. La Dott.ssa Pozzi, egittologa, illustra la mostra laboratorio

Rinnovato l'apparato didascalico del Museo etrusco Claudio Faina. Ne parla la Dott.ssa Nancy Leo