politica

"Un albero per ogni neonato o bambino adottato", passa la mozione

sabato 7 settembre 2019
"Un albero per ogni neonato o bambino adottato", passa la mozione

Il Consiglio Comunale ha approvato giovedì 5 settembre (8 favorevoli; 3 astenuti: Barbabella, Giovannini, Mescolini) l'annunciata mozione presentata dai Consiglieri Andrea Sacripanti, Stefano Olimpieri, Federico Fontanieri, Silvia Pelliccia e Gionni Moscetti (Gruppo “Lega-Salvini per Orvieto”), con la quale si impegna il Sindaco a “dare attuazione alle disposizioni contenute nella legge n. 10 del 14 gennaio 2013 facendosi promotore del progetto ‘un albero per ogni neonato o bambino adottato’

Di seguito ampi stralci del vivace dibattito a cura dell'Ufficio Stampa del Comune:

Cons. Franco Raimondo Barbabella (“Capogruppo “Prima gli orvietani”): “apprezzo le buone intenzioni, se questo servisse anche e a piantumare alberi in modo corretto e a mantenerli in maniera puntuale. Mi viene in mente una analoga iniziativa del Comune di alcuni anni addietro con l’ex Assessore Maurizio Conticelli, ma purtroppo gli alberi piantati non sono ben manutentati. Mi asterrò bonariamente fermo che voterò a favore quando l’Amministrazione presenterà un piano serio per l’ambiente e un piano di manutenzione. Serve una politica ambientale seria. Trovo che collegare il massacro ambientale cosmico dell’Amazzonia, che probabilmente è organizzato per fini speculativi, non sia opportuno. Annuncio l’astensione”. 

Cons. Martina Mescolini (Capogruppo “Partito Democratico”): “obiettivamente la mozione è un atto politico. Tutti ci auguriamo che norme del 1992 vengano finalmente attuate. Avrei forse più accolto una mozione che richiamasse alla cura del nostro verde urbano, la festa dell’Albero esiste ancora. Il Comune potrebbe fare qualcosa aprendo una discussione su come ci comportiamo quotidianamente rispetto alla tutela del verde e dell’ambiente. Sull’Amazzonia anche io trovo sinceramente una certa retorica, perché la deforestazione sta interessano il nostro globo da decenni. Quindi se vogliamo davvero portare l’opinione pubblica a preoccuparsi di questo dobbiamo fare interventi mirati alle scuole, facendo delle azioni politiche concrete. Non siamo completamente in disaccordo, ci limitiamo ad astenerci”.

Cons. Alessio Tempesta (Capogruppo “Progetto Orvieto”): “voteremo a favore sapendo che la mozione va confrontata con gli uffici competenti e soprattutto va seguita e aiutata ad essere attuata realmente. Concordo con Barbabella sul fatto che c’è bisogno di un progetto di incremento del verde e sulla manutenzione. Siamo favorevoli ma sono certo che ci dovremo mettere tutti a disposizione affinché si vada ad un vero e proprio progetto per il verde”.

Vice Sindaco, Angelo Ranchino: “si discute di un argomento molto importante che, al di là di ogni sottolineatura, suscita certamente attenzione. Personalmente posso dire che gli alberi piantati con la Legge Rutelli nel nostro Comune sono ben mantenuti, crescono bene e contribuiscono a ridurre  il CO2. La mozione quindi è meritoria e l’argomento è nell’agenda della Giunta. Stiamo lavorando infatti alla revisione della fornitura energetica del Comune e alla sua certificazione ‘carbon free’, totalmente esente da CO2 e al calcolo della produzione di CO2 per ogni abitante: a giorni uscirà un bando per la nuova fornitura energetica. Sono cose che non ho mai sentito pronunciare in passato. Come assessore all’edilizia e urbanistica ritengo che sia necessario introdurre una modifica nel regolamento con l’obbligo di piantare alberi d’alto fusto per consentire lo sviluppo di ulteriori zone boscate. Quindi non è solo un lavoro in prospettiva ma è in corso una elaborazione, serviranno studi, progettazioni e successive attuazioni. La mozione pertanto si inserisce in maniera armonica in questo percorso. Contrastare nel nostro piccolo quanto avviene nella foresta Amazzonica è comunque un contributo. Il richiamo all’unità e alla condivisione più volte auspicato, vale anche in questa occasione. Diversamente si segnerebbe un punto di partenza in negativo verso questo percorso”.

Replica Andrea Sacripanti (Capogruppo "Lega"): “il Vice Sindaco ha anticipato alcune soluzioni che andremo ad attuare presto. Mi chiedo quindi perché prendere a pretesto lo scibile umano, o il fatto che questa assise possa essere la soluzione ai problemi del mondo? Quando sappiamo tutti che questo non sarà mai possibile? Mi chiedo come mai nella passata Amministrazione, la maggioranza non sia stata in grado di dare attuazione ad una mozione che essa stessa aveva approvato?! Io penso che, come comunità di cittadini, possiamo solo operare, cominciare fare delle azioni concrete e dare un contributo per migliorare la nostra situazione ambientale. Come? Ad esempio sollecitando la nostra amministrazione ad incentivare le aree verdi e mantenerle! Il riferimento all’Amazzonia, che non è nel dispositivo della delibera, è solamente un punto della mozione, ma anche in Italia interi ettari di boschi ogni anno bruciano, al nord e al sud. Le premesse della mozione ripercorrono le norme da attuare che nonostante tutto il nostro Paese ha”.

Queste, le dichiarazioni di voto:

Barbabella: “aver detto che ci asteniamo non deve far arrabbiare nessuno. Mi sono limitato a fare una considerazione sulla questione dell’Amazzonia. Dall’Amministrazione attendiamo di conoscere quale sarà la strategia per l’ambiente. Prendiamo atto degli annunci dell’Assessore. Per ora mi astengo e resto in fiduciosa attesa”.

Mescolini: “trovo fuori luogo tanto fervore da parte di Sacripanti. In realtà nel mio intervento ho detto che i riferimenti normativi per attuare quello che volete fare ci sono e lo confermo. Siccome siamo qui per confrontarci, diciamo che forse dovremo affrontare diversamente il tema dei massimi sistemi. Accoglieremo il progetto per la sostenibilità energetica del nostro Comune, ma è stato già fatto negli anni più recenti della passata Amministrazione. Non credo che oggi sia l’occasione giusta per biasimarci di non aver fatto delle cose!”.

Tempesta: “leggendo la mozione il riferimento alla foresta Amazzonica è uno spunto. Il voto sarà favorevole ribadendo che le mozioni vanno accompagnate verso la loro piena attuazione. Da parte mia trovo che le dichiarazioni di astensione che sono pervenute non sono di per sé una contrarietà ma un primo segno di condivisione”.

Commenta su Facebook