politica

Sì alla mozione per l'istituzione del "Garante dei diritti delle persone private della libertà personale"

venerdì 12 aprile 2019
Sì alla mozione per l'istituzione del "Garante dei diritti delle persone private della libertà personale"

Nella seduta di mercoledì 10 aprile, il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità, la mozione presentata dal Presidente dell’Assemblea, Angelo Pettinacci (Pd) con la quale si dà mandato al Sindaco di istituire il Garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Orvieto e di adottare la relativa proposta di regolamento.   
 
“La nostra Carta Costituzionale – ha detto il relatore, Angelo Pettinacci - nei suoi principi fondamentali, sancisce:
- all’art. 2 che ‘la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità’, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà ‘politica, economica e sociale’;
- all’art. 3 che ‘tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E’ compito della repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese’;
- all’art. 4 che ‘La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della società, e che nella parte dedicata ai diritti e doveri dei cittadini, Titolo I sui rapporti civili, afferma:
- all’art 27 ‘La responsabilità penale è personale. L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Non è ammessa la pena di morte”.

“In attuazione delle citate fonti normative – ha proseguito - questo Comune, per quanto nelle sue attribuzioni, è impegnato a promuovere la partecipazione attiva alla vita civile e ad assicurare effettività dei diritti di cittadinanza. Le persone private o limitate a vario titolo nella libertà personale rientrano, per condizione oggettiva, fra i soggetti deboli ed esclusi dalla pienezza dell’esercizio dei diritti e dalle opportunità di promozione umana e sociale; L’interazione con lo Stato, titolare delle funzioni amministrative in materia di polizia, di sicurezza e di esecuzione della pena secondo quanto previsto dalla legge n. 354/1975 e successive modificazioni ed integrazioni, in ordine allo sviluppo dei diritti sociali dei detenuti, rientra tra i compiti istituzionali dell’Ente locale in attuazione del principio costituzionale di sussidiarietà e si rivela necessario per la migliore cura degli interessi pubblici delle relative Comunità”.
 
Il proponente ha poi proseguito ricordando:
- la risoluzione delle Nazioni Unite n.48/134 del dicembre 1993, raccomanda l’istituzione di organismi nazionali per la promozione e protezione dei diritti umani; 
- le sollecitazioni pervenute dal “Comitato Europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti” affinché tutti gli stati membri dell’Unione Europea si dotino di organismi di controllo delle condizioni di detenzione
- le esperienze relative a garanti dei diritti dei detenuti, rilevabili in altri paesi europei, sia a livello centrale che locale (ad esempio: Austria, Danimarca, Finlandia, Svezia, Belgio, Olanda, Portogallo, Ungheria e Gran Bretagna); 
- l’approvazione alla Camera dei Deputati, in data 4 aprile 2007, del testo unificato di diverse proposte di legge sull’istituzione della Commissione  nazionale per la promozione e la protezione dei diritti umani e garante dei diritti delle persone private della libertà personale;
- l’istituzione della figura del garante dei diritti delle persone private della libertà personale in alcuni comuni italiani, Bologna, Ferrara, Roma, Firenze, Torino, Nuoro, Brescia, San Severo (FG), Reggio Calabria, Pisa, Sulmona e Rovigo, nella provincia di Milano e Lodi, nelle regioni Lazio, Sicilia e Campania.
 
“Le problematiche sociali riferibili alle persone private della libertà personale – ha concluso - richiedono particolare attenzione, soprattutto in ragione dei peculiari bisogni di cui esse sono portatrici. In una simile prospettiva, fatte salve le competenze degli organismi previsti dalla legge n. 354/1975 e dal regolamento di attuazione della stessa, risulta pertanto particolarmente importante l’individuazione di figure di riferimento e garanzia, che consentano una migliore fruizione delle opportunità e dei diritti sociali da parte delle persone private della libertà personale”.
 
Dibattito:

Andrea Sacripanti (Gruppo Misto): “la vita delle persone sottoposte a custodia è il tema comune delle due mozioni (quella attuale e quella approvata in precedenza). Questa del Garante è una tematica molto interessante ma anche controversa di cui si sta ancora discutendo a livello regionale. In sede di Consiglio della Autonomie Locali della Regione Umbria ricordo che sono già emerse. Non sono ancora chiari i suoi contorni di operatività, quindi mi chiedo quali competenze abbiano oggi i Comuni per l’istituzione di questa figura. Il nostro Carcere è qualcosa di particolare ed è rispettoso dei diritti dei detenuti, ma è anche una struttura dove ci sono altri problemi non tanto in relazione al regime carcerario dei detenuti quanto per la scarsità delle risorse umane impegnate nella sorveglianza e ai turni a cui vengono sottoposte. Abbiamo un sistema carcerario complesso, quindi non vorrei che oggi ad Orvieto possa essere una forzatura interpretabile in modo quasi offensivo tra chi oggi svolge il ruolo di guardia carceraria”.  

Angelo Pettinacci (Pd): “la proposta non nasce da esigenze di criticità del nostro Carcere, ma va letta nell’ottica della sensibilizzazione pubblica relativamente alla tutela della salute, al lavoro, formazione e alla cultura. Quindi non è nulla a che vedere con la potenziale criticità del rapporto operatore / detenuto. L’approvazione della proposta costituisce una possibilità a prevedere questa figura, posto che a livello regionale andranno fatti tutti gli approfondimenti necessari, di cui si dovrà tenere conto”.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Orvieto

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì