politica

"La storia va raccontata tutta. Per una lettura storica delle Foibe"

mercoledì 6 febbraio 2019
"La storia va raccontata tutta. Per una lettura storica delle Foibe"

"Il Giorno del Ricordo è stato istituito per ricordare e non per mistificare la realtà. Ricordare significa raccontare con esattezza ciò che è avvenuto senza piegare la realtà dei fatti alle proprie convenienze. “Todi non dimentica” scritto dall’AmministrazioneComunale di ultradestra guidata da Ruggiano ci sembra fuori luogo. Sarebbe stato più appropriato scrivere “Noi ci ricordiamo solo quello che ci fa comodo”. E sì! Perché scrivere che “migliaia di Italiani furono uccisi in quanto italiani” è una forzatura per far passare l’idea degli “italiani brava gente” e i partigiani comunisti di Tito come spietati massacratori.

Ricordare significa ricordare tutto, compreso che gli infoibati per la stragrande maggioranza erano fascisti finiti nelle foibe dopo 23 anni di soprusi perpetrati sulla popolazione slava. Ricordare significa raccontare le leggi fasciste del '23 relative all’assimilazione forzata delle popolazioni slave di Fiume e della Dalmazia con la cosiddetta Italianizzazione Fascista. Ricordare significa raccontare che c’era una guerra terribile e che nel ’41 ci fu l’invasione della Jugoslavia da parte del regio esercito.

Ricordare significa parlare dei crimini di guerra, delle fucilazioni di massa che l’esercito italiano e i fascisti perpetrarono con efferatezza insieme agli ustascia Croati; come quello del 12 luglio ’41 nella cittadina di Podhum, dove vennero uccisi tutti i maschi dai 16 ai 64 anni, il resto della popolazione venne deportata nei campi di concentramento e le case vennero incendiate. Ricordare significa che il dramma degli esuli non fu voluto dal governo Jugoslavo uscito vittorioso dalla guerra di liberazione, ma dal trattato di Yalta prima e poi dal trattato di Parigi che vide il governo italiano firmare la cessione di quei territori.

Una volta ricordato tutto questo allora si può inquadrare correttamente la drammaticità delle Foibe, della risposta violenta dei partigiani Titini alla violenza subita per un quarto di secolo, e delle tante vittime innocenti gettate nelle foibe insieme ai fascisti. Ricordare tuttoappunto. Non si può pretendere questo da una amministrazione che si è anche "dimenticata" della Festa Nazionale di Liberazione. Liberazione dall’oppressione nazifascista che tanti danni ha fatto anche in Istria e Dalmazia. Non è che forse l’amministrazione è fascista?

La sezione del Partito Comunista della media valle del Tevere invita tutta la cittadinanza all’iniziativa pubblica dal titolo: "La storia va raccontata tutta! Guerra, occupazione, annessione. Per una lettura storica dei nostri confini orientali" che si terra a Todi presso la Sala Tiberina domenica 17 febbraio alle 17 alla presenza del ricercatore storico Massimo Recchioni".

Fonte: Partito Comunista – Media Valle del Tevere

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 febbraio

Le Velette e Il Botto, nuova escursione ed assemblea dei soci per il CAI di Orvieto

Italia Nostra solleva il caso sul rifacimento delle facciate in piazza Duomo

Nella Cripta del Santo Sepolcro. Dall'articolo su "MedioEvo" alle riflessioni in biblioteca

"Scoperte di Gusto", il calendario della seconda edizione

"Incredibili Ars e Arpat, sulla geotermia tirano dritti come nulla fosse"

Rubinetti a secco a Ciconia, sospensione dell'erogazione idrica dalle 22 alle 7

Corso di distillazione delle piante aromatiche ed officinali. Teoria e pratica a Villa Paolina

Collina e sole

L'opposta Elisa Mezzasoma felice per il primo posto della Zambelli Orvieto

Al Teatro Boni Seven Cults porta in scena "Maria Stuarda. Le donne e il potere"

"La Gazza Ladra" di Rossini apre il ciclo di ascolti "Nonsololirica in Sala Eufonica"

Il reparto manutenzioni del Comune si rafforza, in arrivo più mezzi e personale

Karate, 576 atleti in gara a Orvieto. Qualificazioni provinciali del Comitato FIK Viterbo

Nasce il "Circolo Arci Bene Comune Porano". Festa del tesseramento in Via Petrarca

Presentazione bandi regionali per le aziende. Incontro pubblico per micro, piccole e medie imprese

Il Cannara alza la voce, l'Orvietana fuori dalla Coppa

58° Charter Night del Lions Club di Orvieto, nuovi soci e rinnovati impegni

Corteo, la proposta di Ettore della Casa: "Rifare lo Statuto e abolire il collegio dei Decani"

Doppio gioco

A scuola con il tablet. Beneficiano dei vantaggi gli alunni della Primaria e Secondaria di primo grado

Giallo di San Valentino. Indagini non escludono nessuna pista: disposta autopsia sulla 17enne

Sull'Alfina ritorna il sorriso per il Castel Giorgio Volley

Presente e futuro dell'ospedale di Acquapendente a 15 mesi dalla riapertura