politica

Primarie Pd, dopo la vittoria di Burico il commento del sindaco e della segretaria comunale

lunedì 4 febbraio 2019
Primarie Pd, dopo la vittoria di Burico il commento del sindaco e della segretaria comunale

Dopo la vittoria di Matteo Burico alle Primarie del Pd di Castiglione del Lago ora si guarda al futuro e alla campagna elettorale che porterà alle Elezioni comunali del 26 maggio con eventuale "bella" il 9 giugno, nel caso che nessun candidato sindaco superi il 50% di voti validi. «Per la seconda volta in 5 anni da Castiglione del Lago arriva una lezione di democrazia e grande partecipazione. È questo il risultato più forte ed evidente delle primarie "aperte" organizzate dal locale Partito Democratico che ha coinvolto oltre un quinto dell’elettorato in un clima sereno e costruttivo».

Così il commento del sindaco uscente Sergio Batino, che è anche segretario del Pd del Trasimeno. «Un grazie va ai tanti cittadini che si sono mobilitati dando valore e serietà alla politica, che deve essere cosa di tanti e non di pochi. Grazie ai tre candidati Matteo Burico, Alessio Meloni e Mariella Spadoni che con impegno e senza mai degenerazioni hanno sostenuto le loro proposte per il futuro del nostro comune e del Trasimeno. Infine grazie al Partito Democratico di Castiglione del Lago che ha bene saputo gestire l’iniziativa ed al quale spetta ora il compito più delicato di stringere intorno al vincitore tutte le sue componenti. Congratulazioni meritate al vincitore Matteo Burico e onore agli sconfitti, sapendo che c’è bisogno di tutti per le prossime scadenze elettorali e che solo uniti si potrà respingere una destra disattenta ai temi sociali ed incapace di costruire sviluppo». Il commento di Batino si conclude con una considerazione a carattere più ampio: «Le vicende nazionali dimostrano che con le promesse irreali e con le  parole forti non si aiuta il Paese ma lo si mette in crisi: noi del Pd abbiamo il dovere di impedire che questo accada, anche nel nostro Comune ed nel resto dell’Umbria».

Anche la segretaria del Pd di Castiglione del Lago Maria Laura Sebastianelli esulta: «Si è celebrata la festa del Partito Democratico, una prova di democrazia con 2444 persone che hanno partecipato scegliendo il proprio candidato per la prossima sfida del 26 maggio; partecipazione notevole, con un'affluenza superiore di oltre 150 votanti rispetto a 5 anni fa: credo che questo sia il dato importante da evidenziare». Sebastianelli sottolinea il grande spessore dei tre candidati. «Questo successo è frutto e merito certamente di tre candidati che hanno lavorato in queste primarie con preparazione, impegno e serietà: come segretario dell’Unione Comunale del PD mi sento di ringraziare vivamente per aver anteposto, nonostante la competizione, il partito alla competizione e per questo faccio le congratulazioni a Matteo Burico per la vittoria, ma ringrazio e mi complimento con Alessio Meloni e Mariella Spadoni per quanto fatto in questo periodo delle primarie. Adesso inizia una nuova fase in cui tutti insieme dobbiamo lavorare per il Partito Democratico che, dalla partecipazione di domenica 3 febbraio, esce rilanciato. I consensi espressi con l’alta partecipazione di ieri vanno comunque consolidati e aumentati, tenendo conto da oggi che parte una fase di rinnovamento e contestualmente di consolidamento della coalizione di centrosinistra, affinché sia sempre più ampia; soprattutto non dobbiamo dimenticarci di ascoltare con attenzione la cosiddetta "società civile”».

Nella giornata di domenica 3 febbraio ha votato un totale di 2444 elettori così suddivisi nelle varie sezioni: 1210 a Castiglione del Lago, 322 a Villastrada, 262 a Sanfatucchio, 158 a Panicarola, 87 a Macchie, 74 a Gioiella, 60 a Porto, 271 a Pozzuolo. Matteo Burico ha vinto le Primarie di Castiglione del Lago ottenendo un totale di 1062 voti pari al 43,69%; secondo Alessio Meloni con 951 voti pari al 39,12%; terza Mariella Spadoni che ha conseguito 418 voti pari al 17,19%. A Castiglione del Lago Burico ha prevalso 614 a 344 su Meloni, con Spadoni a 247. Nelle altre sezioni a Villastrada Meloni con 282 voti ha battuto Burico che si è fermato a 23, con Spadoni a 14; a Sanfatucchio Burico 102, Meloni 92, Spadoni 67; a Panicarola Burico 84, Meloni 47, Spadoni 25; a Macchie Burico 45, Meloni 25, Spadoni 16; a Gioiella vittoria di Meloni con 41 voti, Burico 29 e Spadoni 4; a Porto Burico 29, Meloni 19, Spadoni 12; infine a Pozzuolo vince Burico con 136, Meloni 101 e Spadoni 33. I voti validi sono stati 2431, le nulle 10, le bianche 3.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 febbraio

Le Velette e Il Botto, nuova escursione ed assemblea dei soci per il CAI di Orvieto

Italia Nostra solleva il caso sul rifacimento delle facciate in piazza Duomo

Nella Cripta del Santo Sepolcro. Dall'articolo su "MedioEvo" alle riflessioni in biblioteca

"Scoperte di Gusto", il calendario della seconda edizione

"Incredibili Ars e Arpat, sulla geotermia tirano dritti come nulla fosse"

Rubinetti a secco a Ciconia, sospensione dell'erogazione idrica dalle 22 alle 7

Corso di distillazione delle piante aromatiche ed officinali. Teoria e pratica a Villa Paolina

Collina e sole

L'opposta Elisa Mezzasoma felice per il primo posto della Zambelli Orvieto

Al Teatro Boni Seven Cults porta in scena "Maria Stuarda. Le donne e il potere"

"La Gazza Ladra" di Rossini apre il ciclo di ascolti "Nonsololirica in Sala Eufonica"

Il reparto manutenzioni del Comune si rafforza, in arrivo più mezzi e personale

Karate, 576 atleti in gara a Orvieto. Qualificazioni provinciali del Comitato FIK Viterbo

Nasce il "Circolo Arci Bene Comune Porano". Festa del tesseramento in Via Petrarca

Presentazione bandi regionali per le aziende. Incontro pubblico per micro, piccole e medie imprese

Il Cannara alza la voce, l'Orvietana fuori dalla Coppa

58° Charter Night del Lions Club di Orvieto, nuovi soci e rinnovati impegni

Corteo, la proposta di Ettore della Casa: "Rifare lo Statuto e abolire il collegio dei Decani"

Doppio gioco

A scuola con il tablet. Beneficiano dei vantaggi gli alunni della Primaria e Secondaria di primo grado

Giallo di San Valentino. Indagini non escludono nessuna pista: disposta autopsia sulla 17enne

Sull'Alfina ritorna il sorriso per il Castel Giorgio Volley

Presente e futuro dell'ospedale di Acquapendente a 15 mesi dalla riapertura