politica

Gestione dei rifiuti. Cecchini: "Risultati positivi, ma occorre accelerare"

giovedì 6 dicembre 2018
Gestione dei rifiuti. Cecchini: "Risultati positivi, ma occorre accelerare"

"Per la gestione dei rifiuti in Umbria stiamo marciando nella direzione giusta, con evidenti risultati positivi, ma occorre accelerare ancora per raggiungere gli obiettivi posti dal Piano regionale, lavorando ognuno per la propria parte per superare le criticità esistenti. Per questo abbiamo riposizionato gli obiettivi che stanno in capo ai Comuni, riproposto una tabella di marcia all’Auri (l’Autorità umbra per rifiuti ed idrico) e sollecitato il gestore Tsa che ha in capo l’impianto di Borgo Giglione a presentare entro il prossimo mese di gennaio il progetto di consolidamento che siamo pronti a cofinanziare con 1 milione di euro, previsto nel bilancio regionale che verrà approvato a breve”.

Lo ha sottolineato l’assessore regionale all’Ambiente, Fernanda Cecchini, che giovedì 6 dicembre ha illustrato nel corso dell'annunciata conferenza la delibera approvata su sua proposta dalla Giunta regionale circa “azioni volte all’accelerazione del processo di riorganizzazione dei servizi di raccolta domiciliare, individuazione della disponibilità strategica per lo smaltimento dei rifiuti e indicazioni per il mantenimento della stessa nell’ottica dei principi dell’economia circolare”.

“Nel 2018, stando ai dati a disposizione che ancora non sono definitivi, dovremmo raggiungere circa il 63% di raccolta differenziata e ci avvicineremo – ha detto - all’obiettivo del 65% fissato dal Piano e dalle precedenti delibere regionali. Anche se non l’abbiamo centrato su tutto il territorio regionale, siamo soddisfatti perché registriamo un andamento di crescita che dal 2015 ci ha portati ad un aumento del 12 per cento, su cui ha inciso in maniera rilevante la riorganizzazione e l’ampliamento della raccolta domiciliare, come è avvenuto a Terni, che ora è al 70%, e a Perugia che nel primo semestre dell’anno superava il 62 per cento di raccolta differenziata”.

  “Altro elemento positivo – ha aggiunto l’assessore – è la riduzione della produzione dei rifiuti, che si stima sarà intorno alle 450mila tonnellate, e quella più marcata dei conferimenti in discarica, dimezzata del 50%. È la strada su cui continuare per raggiungere gli obiettivi strategici che pone il Piano regionale e, se è vero che l’Umbria, pur non disponendo di un inceneritore alla cui realizzazione peraltro siamo da sempre contrari, sta dimostrando di essere una regione virtuosa, c’è bisogno di dare una svolta e migliorare ancora”.

Tra le criticità, l’assessore Cecchini ha affrontato in particolare la situazione del polo di Borgo Giglione. “La Regione non ha mai bloccato alcuna discarica – ha sottolineato – ma ha il compito di far rispettare ai gestori le normative e per quanto riguarda Borgo Giglione abbiamo chiesto al gestore di presentare entro tre mesi, termine che scadrà a metà gennaio, un progetto di consolidamento, nell’ottica del principio di precauzione circa il sussistere di problemi di stabilità, e il gestore a sua volta ha confermato l’invio. Un progetto – ha ribadito – che siamo pronti a cofinanziare con 1 milione di euro per dare una svolta a un ‘empasse’ che ha messo in difficoltà il sistema rifiuti e consentire nel 2019 la riapertura parziale della discarica”.

“La Regione fa la sua parte perché si tratta di una discarica pubblica e la riattivazione è importante – ha detto – così come gli uffici regionali hanno approvato il progetto di revamping che andrà a risolvere le criticità dell’impianto di Ponte Rio, ma i gestori e gli stessi Comuni del sub Ambito, a cominciare da Perugia, devono porsi per primi il problema di una discarica non attiva, di impiantistica obsoleta, della necessità di far ricorso ad accordi interregionali”.      

Quanto all’accordo interregionale con le Marche per lo smaltimento di rifiuti urbani, l’assessore ha ricordato innanzitutto che “si tratta soltanto di 10mila tonnellate a fronte di una produzione di 450mila tonnellate. Immaginiamo che verrà chiesta una proroga e avremo comunque la prospettiva anche di accordi fuori per la collocazione del Css, il combustibile solido secondario la cui produzione è prevista dal Piano regionale”.

“In Umbria – ha rilevato –, pur tra difficoltà, il sistema regionale ci permette di garantire una gestione virtuosa senza incenerire i rifiuti, mandarli all’estero o lasciarli in strada, così come avviene in altre parti d’Italia. Se rispetto alla situazione del 2015 è stato fatto un balzo in avanti, è merito dei cittadini che fanno la raccolta differenziata e complessivamente dei gestori e dei Comuni. Stiamo andando avanti, meglio che nel passato, e gli obiettivi che ci siamo posti, in linea con quelli europei, sono raggiungibili, ma a patto che ognuno faccia la sua parte”.

Alla conferenza stampa, insieme all’assessore Fernanda Cecchini, hanno preso parte il direttore regionale all’Ambiente, Ciro Becchetti, il dirigente del Servizio regionale Autorizzazioni ambientali Andrea Monsignori, e Michele Cenci, del Servizio regionale Qualità dell’ambiente e rifiuti. Nella delibera approvata dalla Giunta regionale si confermano per ciascun Comune gli obiettivi di raccolta differenziata, con particolare riferimento all’obiettivo del 72,3% di raccolta differenziata entro il 2020.

Si stabilisce, tra l’atro, per i Comuni che non hanno provveduto a completare la riorganizzazione dei servizi di raccolta domiciliare e che nel 2018 non hanno raggiunto l’obiettivo di raccolta differenziata del 65%, che sono comunque tenuti a conseguirlo nel 2019, e in ogni caso che i gestori, nelle more della approvazione del Piano d’Ambito Regionale, sono tenuti a presentare entro il 30 giugno 2019 un piano di riorganizzazione dei servizi di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani e assimilati al Comune di competenza e all’Auri. L’Auri è tenuta all’approvazione entro il 31 luglio 2019.

La Giunta regionale formula all’Auri la raccomandazione di accelerare il processo di coordinamento dei flussi dei rifiuti e l’ottimizzazione dell’uso degli impianti regionali anche al fine di incrementare l’efficienza del sistema regionale e quindi del contenimento dei costi, promuovendo altresì ogni possibile iniziativa volta ad incrementare il recupero ed il riutilizzo di materia;

Si riconoscono i volumi disponibili nelle discariche regionali quali riserva strategica regionale, da preservare con ogni ulteriore azione di contenimento dello smaltimento in discarica, e si ribadisce il principio di prevalenza, nell’accesso agli impianti umbri, dei rifiuti urbani provenienti dal circuito umbro, rispetto a quelli di provenienza extraregionale. I gestori del sub-ambito 2 vengono sollecitati ad accelerare le iniziative necessarie per la riattivazione, nel rispetto delle norme e della tecnica, dell’impianto di Borgo Giglione;

Si stabilisce che a partire dal 2019 i Comuni che non hanno raggiunto gli obiettivi derivanti dalla politica nazionale e regionale in materia di raccolta differenziata (65% e 72,3%) e che hanno destinato al conferimento in discarica un volume di rifiuti eccedente quello loro assegnato, sono tenuti al versamento di un contributo ad Auri per il finanziamento della nuova impiantistica necessaria al raggiungimento degli obiettivi regionali, in particolare funzionali al recupero di particolari tipologie di materiali anche sulla base di specifiche esigenze regionali. La delibera regionale è stata trasmessa all’Auri, ai Comuni e ad Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) Umbria.

Fonte: Regione dell'Umbria

 


Questa notizia è correlata a:

Discarica e igiene ambientale, la Fit Cisl Umbria chiede un incontro alle istituzioni

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 maggio

Il tramonto della Rupe, la storia di Margherita Aldobrandeschi tra le "Donne di potere"

Da Bolsena a Orvieto per la 22esima edizione della Marcia della Fede

Sosta vietata

Festa grande per i 40 anni del gruppo sportivo "Colonnetta Calcio"

"Allerona Petit Tour". Tra i sentieri e le strade del vino in mountain bike

Piloti orvietani pronti alla sfida sulle Alpi Carniche

I Comuni del Sistema Bibliotecario "Lago di Bolsena" e il ricordo della Grande Guerra

Ciao Sergio, "Sit tibi terra levis"

Eseguiti altri interventi di pulizia della rupe. "Linea dura contro chi abbandona rifiuti"

Via ai lavori lungo la Strada della Stazione. Prorogati quelli in Via Alberici e in Via Ghibellina

Buone pratiche per la prevenzione dei fenomeni infortunistici, protocollo d'intesa tra Usl e Inail

Il Centro socio-riabilitativo "Capotorti" partecipa a "Marelibera" 2018

Giacomo Gusmano nominato presidente della Sezione di Terni dell'Ancri Umbria

Angelo D'Acquisto a Taormina. Lo chef rappresenta l'Umbria a "Cibo Nostrum"

Pino Strabioli alla giornata di chiusura del progetto scuola "A spasso con Abc"

Carenza di personale sanitario. Zeno (Pci): "La situazione è grave"

Nasce "Cantiere Orvieto". Emilio Casalini presenta "Cantieri di Narrazione Identitaria"

Gino Roncaglia presenta il libro "L'età della frammentazione. Cultura del libro e scuola digitale"

Meeting di cosplayer, arrivano i protagonisti di "Assassin's Creed" e "Il Trono di Spade"

"UmbriaMiCo - Festival del Mondo in Comune". Sei città, un intreccio di eventi

"Rilanciare la stagione della prevenzione strutturale per aumentare la sicurezza"

L'Orvietana libera Fatone, non sarà lui il tecnico per il prossimo campionato

Civita di Bagnoregio protagonista alla Biennale di Architettura di Venezia

Chi vincerà le elezioni regionali in Umbria

Premio "OrvietoSport" 2015. Tutti i premiati, le menzioni speciali

"Orvieto in Fiore", anche senza sole. Al S.Maria della Stella il Palio della Palombella

Grazia Di Michele in visita a "Oltre la finestra". Allestimento prolungato fino al 2 giugno

Falsi maiali biologici, nel mirino un allevamento orvietano

Al Palazzo dei Congressi convegno su "Cento Anni di Grande Guerra in Italia"

Servizi intensificati in occasione della Pentecoste. Denuncia e foglio di via per due nomadi

L'Asd Tennis 90 organizza l'edizione 2015 del Circuito dell'Olio

Francigena Marathon da Acquapendente a Montefiascone. Oltre 700, gli iscritti online

La tre giorni didattica inserita nel progetto "Approccio multidisciplinare al sito archeologico di Carsulae" fa centro

Carta costituzionale e bandiera italiana ai 18enni per la Festa della Repubblica

Castel di Fiori profuma per l'edizione 2015 di "Archeoflora"

Seconda edizione per il mercatino delle eccellenze

Cena elettorale a San Venanzo, al centro del dibattito il degrado della SS 317

In tanti alla "Giornata della Salute". Parola d'ordine: prevenzione

Amanda Sandrelli al Mancinelli per "Oscar e la dama in rosa"

Posti ancora disponibili per il seminario teatronaturale#01

Oggi i funerali di Beatrice Orsini

Incontro al Palazzo dei Sette su "Droga, doping e adolescenza. Che fare?"

Al Palazzo del Popolo, via al convegno "I linguaggi del corpo alla luce del contributo delle Neuroscienze e della Esperienza Ipnotica"

Sottoscritti i contratti di locazione del Belvedere e di comodato gratuito per l'ex scuola di Corbara