politica

"Da Castiglione in Teverina a Orvieto, 50 metri di vergogna e pericolo"

martedì 4 dicembre 2018
"Da Castiglione in Teverina a Orvieto, 50 metri di vergogna e pericolo"

"Una volta il passaggio di confine tra le province di Terni e Viterbo era facilmente individuabile dallo stato di tenuta del manto stradale delle strade di collegamento". A dirlo, i consiglieri comunali di Castiglione in Teverina Giuseppe Legnini, Silvano Chiamante e Riccardo Brachetta.

"Se andavi in macchina verso Orvieto - sottolineano - erano i pneumatici che cessavano di ringhiare ed i sedili dei passeggeri che non sobbalzavano più a dirti che eri in Umbria: strade ben asfaltate, segnaletica orizzontale ineccepibile, manutenzione di scoli e cunette accurata: un esempio di buona amministrazione.

Viceversa, quando entravi nel Lazio, le buche o le pozzanghere o l’asfalto consunto, davano al contrario un segno di pessima manutenzione. Oggi non è proprio successo il contrario tra Terni e Viterbo, ma il tratto di congiunzione delle due strade provinciali (SP 5 Teverina con la SP 46 Tordimonte) nel territorio Orvietano è ormai irriconoscibile: buche che ad ogni pioggia si approfondiscono, asfalto sbriciolato, cunette colme segnaletiche scomparse, auto costrette a passare in parte sulla banchina per evitare le buche.

Insomma, cinquanta metri di vergogna e soprattutto di un pericolo per la viabilità di chi ci passa. Se si aspetta l’incidente per intervenire vuol dire che lo scadimento della pubblica amministrazione locale, contrassegnato dalla distruzione delle provincie, segna un ulteriore gradino del degrado e dell’incuria di cui qualcuno dovrà pur farsi carico".

 

Commenta su Facebook