politica

Collette, luminarie e schermaglie a distanza. Aspettando Natale...

sabato 1 dicembre 2018
Collette, luminarie e schermaglie a distanza. Aspettando Natale...

A una manciata di settimane da Natale, ad accendersi prima ancora delle luminarie sono le polemiche. Se ne è avuto conferma in Consiglio Comunale, con la discussione dell'annunciata interrogazione presentata dal capogruppo di "Identità e Territorio" Stefano Olimpieri in merito alla richiesta di contributi per le illuminazioni natalizie da parte del Comune. Questa la risposta dell’assessore Alessandra Cannistrà, assente, letta dall’assessore Roberta Cotigni:

“Veniamo da una stagione turistica fortunata in termini di presenze a Orvieto, che certamente si è prolungata grazie a un tempo meteorologico particolarmente favorevole ma anche a una programmazione efficace che ha riscosso interesse e consensi importanti per fidelizzare i visitatori. Si tratta ora di rilanciare e sfruttare il tempo che precede il grande appuntamento internazionale di Umbria Jazz per accoglierlo al meglio. Dal 28 dicembre prossimo fino al 1° gennaio 2019, Orvieto ospiterà per  il 26°anno consecutivo il Festival UJW con un programma artistico stimato di grande qualità e appeal e che, come noto, impegna il Comune con oneri di sedi, servizi, fund raising e organizzazione che moltiplicano la quota del comunque rilevante finanziamento diretto al festival.

L’Amministrazione ha riservato un ulteriore budget per realizzare nel periodo 06.12.18–06.01.19 una serie di interventi illuminotecnici inediti e originali, valutati nell’ambito di un gruppo di lavoro partecipato e in parte sperimentati lo scorso anno nel progetto ‘ScelgOrvieto’con generale apprezzamento e buon effetto anche sui social. Si è pensato quindi di potenziare nel numero e nella qualità gli interventi di luci diffuse, illuminazione artistica e proiezioni dinamiche, volti a esaltare la suggestione dei luoghi che fanno “scegliere Orvieto” e a comunicare l’emozione di vivere la bellezza unica della città. Come lo scorso anno, l’Amministrazione curerà anche il  miglioramento dell’arredo urbano e delle fioriere del centro con ciclamini rossi.

Ma per completare e legare insieme questi interventi, nel recente incontro con gli operatori commerciali di negozi, ristoranti e bar del centro storico, per iniziativa di alcuni commercianti si è preso in considerazione di realizzare anche una illuminazione tradizionale lungo le vie e le piazze della rupe, con l’albero di Natale in Piazza della Repubblica, attraverso una sottoscrizione di €. 70,00 sull’esempio di quanto avviene nei quartieri di OrvietoScalo, Ciconia e Sferracavallo.

L’Associazione Comitato dei Quartieri Orvieto, che già coordina il circuito dei Presepi e il calendario eventi, si è  resa disponibile a collaborare a una campagna di raccolta fondi rivolta a tutti coloro che amano Orvieto e hanno a cuore la sua bellezza, a imprese e privati che possono essere i testimonial della città e diffondere così il messaggio: a Natale Innamorati di Orvieto. Anche l’Associazione “Orvieto per Tutti” che fin dallo scorso anno ha collaborato alle iniziative delle festività ha dato la propria disponibilità a promuovere l’iniziativa attraverso la propria rete WiFi-free del progetto Centro Commerciale Naturale. 

Personalmente credo che sia un segnale importante quello che è venuto dall’incontro di giovedì scorso. Gli operatori commerciali e del turismo hanno mostrato di aver apprezzato l’impegno dell’Amministrazione a corrispondere alla richiesta di creare appuntamenti di qualità che facciano da ponte tra la stagione turistica estiva e le festività natalizie che incorniciano il Festival UJW. Iniziative come Orvieto Cinema Fest, il Festival dei Diritti e Maratona dell’Olio. Quest’ultima esperienza ritengo sia stata davvero positiva sia considerato il riscontro di pubblico, sia l’attenzione delle istituzioni, Regione, MIPAAF e Mibac e, in modo trasversale, anche i membri di Minoranza del Consiglio Comunale intervenuti ad applaudire e complimentarsi. Ma è stata sopratutto occasione per un’opportuna riflessione sul fatto che un evento sulle produzioni di territorio e sull’agroalimentare di qualità si configura come la risposta più giusta per prolungare l’offerta turistica valorizzando attraverso la stagionalità autunnale il paesaggio produttivo di questa terra e il racconto, fino ad ora non valorizzato, che ne fanno tante aziende che ne sono presidio attivo.

Dopo tanta partecipazione, ci saremmo aspettati un atteggiamento costruttivo e responsabile da parte della Minoranza di governo della città. Avremmo voluto poter contare, nel rispetto dei ruoli, in un contributo propositivo che pone al centro la città, il suo patrimonio e la sua immagine. Al contrario, si assiste alla solita messa in scena di un copione logoro e improduttivo che ha come unico obiettivo quello di mantenere una posizione di retroguardia, aggressiva su una critica senza contributi. Il no, fine a se stesso da parte di chi oggi guarda con sospetto inesistente spiazzato dalla condivisione costruita gradualmente, con l’ascolto e con l’impegno su un progetto di comunità volto a rendere possibile insieme una Città migliore.

Sospetto e paura del nuovo, di qualcosa che non si è mai sperimentato direttamente, che porta ad accanirsi perfino contro i buoni propositi per il Natale, senza preoccuparsi di prendere le dovute informazioni o attendere la sede del CC per le risposte all’interrogazione; porta a sollecitare la stampa con illazioni e congetture che hanno l’unico obiettivo di stroncare e screditare un’iniziativa spontanea, trasparente, partecipata ed efficace che merita invece di essere valorizzata e sostenuta. Questo disinteresse per la verità, anche in un caso di questo tenore, è il sintomo di una visione strumentale dell’impegno nella cosa pubblica, impegno che viene piegato agli interessi di parte anziché avere a cuore il bene di una comunità e la realizzazione della comune felicità che passa attraverso il condividere la dimensione della vita comune. ScelgoOrvieto è infatti solo questo: una chiamata a collaborare ognuno per il suo ruolo come volontari per la nostra Città, per il patrimonio di storia, cultura, tradizione, consuetudini e perfino modi di dire, che ci appartiene e in cui ci riconosciamo e che ci rende piacevole vivere qui e insieme. Un attivismo declinato da una costellazione di individualità diverse, tanto animata su Facebook e sui social così come nelle associazioni e nei cantieri di esperienze nuove, che vogliono partecipare, esprimersi.

E’ chiaro che questo richiede un percorso, lungo e impegnativo, che però ognuno di noi, al proprio turno nel governo può tentare. Con l’impegno ad ascoltare, comprendere le esigenze della propria comunità e concretizzare risposte. Un percorso che non si esaurisce in poche banali battute di politica facile, quella del metodo tutti contro tutti, che scredita anche ciò che di buono si progetta e si concretizza pur di alimentare quella contrapposizione strumentale e stereotipata tra amministratori e cittadini. Come se questo servisse a qualcosa se non a danneggiare quel tessuto connettivo sociale che ci aiuta a vivere meglio, che serve a integrarci, armonizza e unisce rendendo possibile e talvolta gradevole la convivenza. Perché invece non abbandonare gli schemi e confrontarsi con maturità sulla dimensione della vita comune, quel luogo che fa di molti un insieme, una comunità, e farne concreto obiettivo di azione: la filosofia ci insegna che questo è la politica. Dal dire al fare”.
 
Insoddisfatto, Olimpieri. "Un lungo intervento filosofico - ha detto - su cosa serve per il Natale ad Orvieto, fatto per tramite dell’Assessore Cotigni ma che non dà alcuna risposta alla mia interrogazione. La forma scelta per la richiesta di contributi agli operatori, ribadisco, è molto grave".
 

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 febbraio

Il Treno Verde di Legambiente e FS fa tappa in Umbria. A bordo, l'economia circolare

GamberoRosso - Il vino, di generazione in generazione. L'Orvieto

TouringClub - Le più belle città sotterranee in Italia - regioni del Centro

L'esordio in campionato di Simone Mari (Orvieto Fc) regala subito due goal

Lei espone quadri astratti di anima

"M'illumino di meno". Ecco dove la condivisione accende il risparmio energetico

La Zambelli Orvieto disputa un'amichevole contro Sant'Elia Fiumerapido

Per Orvieto città sicura, Spagnoli (Consap): “Telecamere, giustizia più severa e risorse a forze dell’ordine”

“Orvieto Sicura” che fine ha fatto il progetto?

CNA: "Dalla fusione dei Comuni tante risorse all'Umbria"

Le sculture esterne della Collegiata in un video promozionale a scopo turistico

Comune all'opera per lo "Street Music Festival 2017". A giugno, la settima edizione

Una barba bianca, da grigia che era

Conclusi i lavori al cimitero di Asproli-Porchiano, in partenza a Torregentile

Verdecoprente, il bando scade l'8 marzo. Spettacoli di residenza artistica in sei Comuni

Potatura in corso, senso unico alternato a Canale

Tecnici al lavoro, interruzione di energia elettrica per un'ora nel centro storico

Parterre di mute internazionali per il 31esimo campionato Sips su cinghiale

Sisma e agricoltura, erogati da Agea oltre 28 milioni di euro

Meningite: 23enne ricoverata a Terni, attivata la profilassi

Effetti post sisma sul turismo: minoranze chiedono sgravio su Imu, Tasi e Tari

Nel Cremonese, l'ultimo saluto a monsignor Carlo Necchi

La pineta

Casa di Riposo "San Giuseppe", a giorni il bando europeo per la gestione

Rifiuti, Camillo: "Il sindaco eviti strumentalizzazioni politiche"

Province, azzerati dalla Conferenza Unificata i tagli 2017

Carta Tutto Treno, raggiunto l'accordo con Comitati pendolari e Federconsumatori

Accordo riparto Fondo sanitario nazionale, all'Umbria oltre 1,6 miliardi di euro

Quaresima Eucaristica, il calendario delle celebrazioni

Sì del Consiglio dei Ministri al decreto legge, previste forme di cooperazione rafforzata

Anci: "Ai sindaci più poteri per garantire ordine pubblico e qualità della vita ai cittadini"

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Terremoto e rinascita il tema delle infiorate