SCOPRI

Offerta Banner
99 euro per 30 giorni

politica

Sanità, viabilità e lago. Pd: "Tre priorità per il territorio del Trasimeno"

venerdì 2 novembre 2018
Sanità, viabilità e lago. Pd: "Tre priorità per il territorio del Trasimeno"

Otto Comuni, sessantamila abitanti, il quarto lago d’Italia, diversi centri storici medioevali ed un considerevole patrimonio storico, artistico, culturale ed ambientale sono le principali caratteristiche di un territorio che già a partire dagli anni settanta ha ravvisato la necessità di stare insieme e condividere modelli politici, istituzionali, organizzativi e gestionali comuni. La comunità del Trasimeno ben prima che la Regione Umbria, con L.R. n. 40 del 3 giugno 1975, provvedesse all’istituzione dei comprensori ai fini della formazione dei Piani Urbanistici Comprensoriali (redatti in conseguenza della costituzione dei Consorzi tra Comuni), aveva già nei fatti ravvisato la necessità di intraprendere un cammino futuro condiviso.

Prova ne sono tutte le esperienze che da allora si sono succedute, a partire dalla comune organizzazione, coordinamento e gestione dei servizi sociali e sanitari fatta dalla USL 6 in forza della L.R. n. 65 del 19 dicembre 1979. Questa esperienza in particolare, che prosegue ancor oggi più che positivamente all’interno dell’Unione dei Comuni del Trasimeno, ci ha consentito di accrescere e consolidare la consapevolezza di poter programmare e gestire bene alcuni tra i più importanti servizi che toccano da vicino la vita dei cittadini.

Su questa base si innesta e si vuole sviluppare il ragionamento politico del PD del Trasimeno in ordine alla necessità di garantire una adeguata possibilità di sviluppo al proprio territorio ed ai sessantamila abitanti che vi risiedono. Nel far questo il Pd del Trasimeno ha individuato tre priorità sulle quali concentrare la massima attenzione nelle settimane e nei mesi a venire: la situazione dei servizi sanitari e socio-sanitari, lo stato della viabilità regionale e provinciale, e in ultimo, ma non in ordine di importanza, il tema fondamentale del Lago Trasimeno con tutto quello che riguarda la gestione delle deleghe e delle competenze in via di trasferimento all’Unione dei Comuni.

Servizi sanitari e socio-sanitari
La Segreteria del PD del Trasimeno, dopo averne più volte dibattuto, ha sollecitato e condiviso le recenti e ripetute prese di posizione delle istituzioni locali nei confronti dell’Azienda USL Umbria 1 e della Regione Umbria, in ordine alla necessità di completare e rafforzare quanto prima possibile il processo di riqualificazione dei presidi di Castiglione del Lago e Città della Pieve. Completare e rafforzare per noi significa pretendere che si mantenga fede agli impegni assunti con atti formali solo pochi anni fa, e nel contempo sostenere il lavoro dei Comuni affinché assieme alla Regione si porti anche al Trasimeno lo stesso standard di servizi che vengono erogati nei restanti territori dell’Umbria. Ciò a partire dai servizi di emergenza urgenza che necessitano di un potenziamento, da una sufficiente dotazione di posti letto per acuzie e post acuzie, da un urgente e consistente intervento sull’edilizia dei vari distretti, e non in ultimo accrescendo e consolidando fino a necessità le dotazioni tecniche e professionali per soddisfare tutti i moderni bisogni della comunità (dalla diagnostica alla specialistica, fino ai servizi domiciliari), come indicato nel documento predisposto dall’Unione dei Comuni del Trasimeno a cui va il nostro totale sostegno. Insomma, il PD del Trasimeno, su questo tema, ritiene necessario uno sforzo straordinario della Regione affinché si superino rapidamente i ritardi del recente passato, e ciò al fine di dispiegare anche al Trasimeno una rete di servizi sanitari e socio-sanitari diffusa ed efficiente.

Viabilità
La qualità della vita dei propri cittadini e lo sviluppo o il successo di un territorio contiguo com’è quello del Trasimeno che funge da cerniera tra l’Umbria e la Toscana, dipendono anche da alcuni elementi fondamentali che servono alla vita di tutti i giorni, e tra questi vi è sicuramente la viabilità.  Lo stato di manutenzione delle maggiori infrastrutture viarie che collegano la parte sud-ovest, sud e sud-est del Trasimeno al capoluogo di Regione, all’autostrada A1, al Raccordo Perugia-Bettolle e alla rete ferroviaria italiana (anche in vista delle prossime fermate dell’Alta Velocità alla stazione di Chiusi-Chianciano Terme) sono un vero e proprio “tallone d’Achille” per la vita e lo sviluppo economico di una area che comprende la maggior parte dei Comuni del Trasimeno, i quali scontano una difficoltà aggiuntiva rappresentata appunto dalle cattive condizioni della Strada Statale 71 e delle Strade Regionali e Provinciali, su tutte la SR n. 220 "Pievaiola" e la SR 599 "del Trasimeno Inferiore"). A tale condizione va aggiunta anche la mancata e/o parziale realizzazione di importanti progetti già presenti nella programmazione regionale, come la Variante di Castiglione del Lago e i lavori per l’ammodernamento della SR n. 220 “Pievaiola”, che pur non essendo risolutivi avrebbero comunque alleviato le difficoltà quotidiane di molti cittadini e turisti. Non va meglio neanche per la viabilità Provinciale di tutto il Trasimeno, dove si è in presenza di una diffusa situazione di insufficienza sia per quanto riguarda le pavimentazioni che per la segnaletica orizzontale, con strade deformate e crepe diffuse che favoriscono la permeabilità delle acque non regimate nelle fondazioni stradali già di per se dissestate (con le frazioni ed i piccoli centri che più di tutti versano in una condizione di grave difficoltà).  Nella sostanza si è in presenza di una serie di problemi che riguardano le necessità primarie, come ad esempio quella di raggiungere rapidamente l’Ospedale S. Maria della Misericordia per effetto del tappo esistente nel tratto compreso tra Castel del Piano e San Sisto sulla SR n. 220 “Pievaiola”, ma anche esigenze ordinarie come spostarsi verso il capoluogo di Regione dove sono ubicati la maggior parte degli uffici e dei servizi.  Quanto sopra premesso il PD del Trasimeno chiede agli Enti competenti una immediata presa d’atto della difficile situazione attuale, che se da un lato richiede risposte urgenti per le prime necessità riguardanti la manutenzione, dall’altro impone una rilettura attenta delle reali esigenze di programmazione.  Occorre dunque stimolare l’ANAS affinché provveda quanto prima alla sistemazione della SS 71, almeno nei tratti più deteriorati, che la Regione e la Provincia diano corso senza indugio alle opere di ammodernamento già finanziate, e non in ultimo che le medesime prendano in esame la possibilità di migliorare la percorribilità della SR n. 220 “Pievaiola” anche nel tratto che da Tavernelle porta fino a Chiusi, al fine di dare respiro e nuove possibilità di sviluppo a tutta la Valnestore ed ai Comuni limitrofi.

Lago Trasimeno
Il Trasimeno ha bisogno dell’opera dell’uomo che da sempre è intervenuto sulle sponde e sulla regimazione delle acque per togliere come per accrescerne il bacino. Oggi la pesca come il turismo e fino a ieri l l’agricoltura vivono della sua presenza e della sua salute.
Dragaggi, taglio delle alghe, lotta ai chironomidi, cura delle sponde, manutenzione del bacino sono interventi essenziali e continui da cui non possiamo sottrarci e devono trovare risorse regionali e nazionali.
Definire nuove regole per consentire stabili interventi che non richiedono continue autorizzazioni burocratiche a privati e soggetti pubblici, per impedire che il canneto diventi bosco e che gli adduttori si colmino di sabbia e piante, oppure che il fondale continui ad innalzarsi attraverso la revisione del piano stralcio del Trasimeno che ha previsto i vincoli ma non adeguate norme e risorse.
È necessario l’aiuto della nostra Regione, alla quale chiediamo di intervenire sugli aspetti contingenti:
-          finanziando da subito la campagna 2019 contro i chironomidi;
-          chiedendo con la massima forza possibile lo sblocco delle risorse previste a livello nazionale dal precedente governo e già assegnate all’Umbria per un intervento di manutenzione straordinaria;
-          facendo con noi una battaglia per una normativa nazionale che consenta di trasformare le manutenzioni straordinarie in ordinarie con le relative risorse finanziarie;
-          prevedendo un progetto straordinario di interventi ambientali per il lago nella prossima programmazione Europea.

Al fine di approfondire questi argomenti che reputiamo prioritari, ma anche e soprattutto per trattare come necessario molti altri temi fondamentali per la vita e lo sviluppo del nostro territorio, il PD del Trasimeno ha inteso programmare lo svolgimento di una Conferenza Programmatica da tenersi prevedibilmente nell’ultima settimana di novembre 2018. Questo contributo ha dunque l’ambizione di stimolare in Umbria e nel Trasimeno l’avvio di una nuova fase che, grazie alla partecipazione attiva dei soggetti chiamati in causa, possa portare ad un confronto serrato, costruttivo e soprattutto capace di dare risposte ad alcune delle necessità più evidenti. Il PD del Trasimeno non può e non vuole chiudersi all’interno dei propri confini territoriali, perché ha bisogno dell’Umbria almeno quanto l’Umbria ha bisogno del Trasimeno, sia per dare risposte ai bisogni dei cittadini, ma anche per affrontare con maggiore forza le sfide future che ci attendono ad ogni livello.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 novembre

Volontari nei supermercati, torna la "Giornata Nazionale della Colletta Alimentare"

L'armatura etrusca della "Tomba del Guerriero" va in esposizione in Germania

L'Istituto "Dalla Chiesa" in evidenza al Young G7 di Terni

Al "Moby Dick" marionette e matite svelano i segreti di Pinocchio

"Agisci oggi per cambiare domani". L'impegno del Lions Club nella lotta al diabete

Insieme per contrastare il diabete, l'Azienda Usl Umbria 2 sottoscrive la convenzione con sei onlus

Omphalos Lgbti: "Crociata medioevale contro i libri sulle famiglie"

Caos treni, Marini: "Stiamo lavorando per tutta la regione. Frecciarossa da Perugia ma anche su Orte"

Consiglio comunale straordinario sul futuro della sanità locale

"Tartaruga mon amour". Festa a sostegno delle attività integrate dell'Asd Tartaruga Xyz

Riparte da Sipicciano il progetto "LibriLiberi" con il seminario "Libera la Voce"

Femminicidio, le consigliere di parità: "Occorrono più iniziative e più risorse"

Addio a Pier Augusto Breccia, il Maestro della Pittura Ermeneutica

Geotermia, acqua, rifiuti e discariche al centro di un incontro pubblico

Cresce l'attesa per "Orte in Cantina", percorso enogastronomico itinerante con vini di qualità

A Palazzo Coelli, l'ISAO promuove una Giornata di Studi su Ippolito Scalza

Maratona dell'Olio, "l'oro verde per promuovere le nostre bellezze"

Pavimentazione di Via Manzoni ripristinata entro il primo semestre 2018

Giornata di Studi dedicata a S.Bonaventua di Bagnoregio nell'ottavo centenario della nascita

"Una voce contro il silenzio. Jazz contro la violenza sulle donne" al Teatro Boni

Stefano Stellati confermato presidente dell'Unione Giovani Commercialisti

Festa dell'Albero 2017, oltre cento nuove piantumazioni per favorire il ritorno dello scoiattolo rosso

Al Teatro Caffeina, Francesco Caringella presenta "Dieci lezioni sulla giustizia"

Cgil, Cisl e Uil presentano le buone prassi per la salute e la sicurezza nei posti di lavoro

Storia dell'Arte all'Unitre, Donato Catamo svela il mondo di Pablo Picasso

Attesa finita, si inaugura la Complanare. Tappa per tappa, il lungo iter

Sostenibilità ambientale, obiettivo cardine del Piano d'Ambito Regionale

"La Piazzetta" porta in scena la commedia "Purga e Cioccolato"

Con Teatro Studio parte la rassegna di corti teatrali in Biblioteca

"Ma io non me la cerco mai!". Due giorni di appuntamenti con l'Associazione Battiti

I Carabinieri celebrano la Virgo Fidelis, patrona dell'Arma

"Orvieto, ripartiamo insieme". Microfono aperto a Palazzo dei Sette

Iniziativa del comitato AdessoOrvieto per Matteo Renzi con il sindaco di Fabro Maurizio Terzino

A Villa Faina di San Venanzo la mostra "La protesta nuda" del pittore Massimo Musicanti

Le donne uccise in Italia nel 2012

Le iniziative parlamentari

Allo Scalo niente luminarie natalizie ma aiuti concreti agli alluvionati

Presso il Palazzo di Maria Bambina incontro su "Iniziazione cristiana di stile catecumenale"

Pane, Olio e Fantasia. Il programma

Al ridotto del Mancinelli grande emozione per la prima del progetto nazionale "Nati per la Musica"

Dal SII oltre 800mila euro di investimento per l'emergenza. Depuratori e impianti di distribuzione: "nessun problema di potabilità"

Dissesto idrogeologico, riunione Regioni-Ministro Ambiente. L'assessore Rometti: "Bene l'impegno del Ministro"

Avviata in Comune la raccolta di firme a sostegno dell'iniziativa referendaria sulle indennità spettanti ai parlamentari

Assistenza e consulenza sulle auto alluvionate

Iniziativa di solidarietà privata

Agevolazioni per acquisti di ferramenta ed utensileria

Il MaxiGiuli riapre sabato 24 novembre

La ORA di Fausto Paradiso operativa con le revisioni, officina in riapertura

La COAR della famiglia Anselmi ha riaperto ed è operativa

Assistenza gratuita sui pc alluvionati

La Autoforniture della famiglia Sborra operativa con servizio consegna ricambi

Danni per oltre 220 milioni di euro dalle alluvioni. La presidente Marini in Commissione Ambiente alla Camera

Alluvione. Come potremmo limitare i danni?

Olio consapevole con l'Associazione L'Albero di Antonia

Fine settimana dedicato all'olio. A Ficulle c'è "OlioDiVino"