politica

Alta Velocità, Galgano (CI): "Frecciarossa per Milano già con orario invernale, è urgente"

giovedì 16 novembre 2017
Alta Velocità, Galgano (CI): "Frecciarossa per Milano già con orario invernale, è urgente"

“La sperimentazione sull'anticipo del Frecciarossa per Milano da Arezzo a Perugia deve partire da subito, in concomitanza con l'entrata in vigore dell'orario invernale. Abbiamo già perso troppo tempo: si pensi, infatti, che da quando il ministro Delrio – rispondendo ad una mia interrogazione proprio sull'Alta velocità in Umbria – ha dichiarato la propria disponibilità a convocare Trenitalia e Italo per valutarlo, è trascorso quasi un anno. Un’eternità, se consideriamo che la Basilicata, nel 2016, ci ha messo solo tre mesi per disporre dei collegamenti veloci. E’ davvero arrivato il momento di chiudere le trattative e far partire i Freccia da Fontivegge”.

A chiederlo è Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, che torna sulla questione dell'allaccio dell'Umbria all'Alta velocità. “Noi lo sosteniamo da sempre che il bacino di utenza c'è, oggi Trenitalia stessa ci dà ragione – continua – annunciando che si sono dovuti aumentare i posti sui Freccialink per Firenze che, tra l'altro, non sono affatto efficienti. Figuriamoci se si mette a disposizione dei viaggiatori un Frecciarossa per Milano quanto può incrementarsi il flusso degli utenti.

Ovviamente il treno, da solo, non basta. Una volta ottenuto, va riempito. Per questo torniamo a chiedere alla Regione di predisporre, fin da ora, un apposito piano di marketing territoriale per mettere a pienamente a frutto questo nuovo, primo collegamento tra l'Umbria e il Nord Italia. Ovviamente – conclude la deputata - auspichiamo che non siano necessario un altro anno per metterlo appunto. Gli umbri, infatti, hanno già perso troppo in termini di benessere, ricchezza e lavoro. Dobbiamo andare veloci e dimostrare che funziona per ottenerne altri. Le infrastrutture, infatti, sono una leva indispensabile per risollevare la nostra economia”.


Questa notizia è correlata a:

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Commenta su Facebook

Accadeva il 27 maggio