politica

Beni culturali, parte il primo programma post-sisma per 20 milioni di euro

lunedì 17 luglio 2017
Beni culturali, parte il primo programma post-sisma per 20 milioni di euro

“Ora, a soli dieci mesi dagli eventi sismici di ottobre, parte in Umbria la ricostruzione di un consistente patrimonio culturale danneggiato dal terremoto, a partire dalle Chiese, per un importo complessivo di oltre 20 milioni di euro. L’auspicio è che per le Chiese oggetto degli interventi, le si possa restituire al culto entro la fine dell’anno”. E’ quanto ha affermato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, nel corso della conferenza stampa svoltasi lunedì 17 luglio a Perugia, a Palazzo Donini, convocata per fare il punto sugli interventi di messa in sicurezza e restauro dei beni culturali mobili danneggiati dagli eventi sismici, presente l’assessore regionale alla cultura, Fernanda Cecchini, cui hanno partecipato anche la soprintendente archeologia, belle arti e paesaggio dell’Umbria e coordinatore dell’Unità di Crisi dell’Umbria per il MiBACT, Marica Mercalli, il direttore generale della Fondazione Cassa Risparmio Firenze, Gabriele Gori, e Marco Ciatti, Direttore dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Nella corso dell’incontro con i giornalisti, infatti è stato illustrato anche il preziosissimo lavoro già svolto, e in corso di svolgimento sia presso il deposito della Regione di Santo Chiodo (Spoleto) sia in alcuni siti dell’area interessata dal sisma, da parte dei restauratori beneficiari delle borse di studio messe a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze sulla base di un accordo con l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze.

“Con le ordinanze ‘23’ e ‘32’ (vedi allegati) potranno partire subito - ha affermato Marini - lavori di ricostruzione di ben 38 Chiese, la maggior parte delle quali ubicate nell’area del cratere, per un importo complessivo di 11 milioni di euro. Si tratta di strutture che non hanno subito danni gravissimi e per questo rapidamente riparabili, per poterle restituire al culto il prima possibile. C’è poi l’altro programma di primi interventi per opere pubbliche danneggiate dal sisma, per 9 milioni di euro”.

La presidente Marini ha anche riferito che le risorse che verranno destinate all’Umbria, derivanti dalla campagna di donazioni con gli “SMS solidali” (4 milioni di euro), la Regione, d’intesa con i sindaci, li destinerà soprattutto per la realizzazione di “centri di comunità” (strutture destinate all’aggregazione sociale, ma con funzioni di emergenza e protezione civile, in tredici località della Valnerina), la dotazione delle scuole di tecnologie ed altri materiali per la didattica, e infine per il restauro di beni mobili delle stesse Chiese interessate dagli interventi, per una più funzionale riapertura al culto.

“Al momento – ha affermato la soprintendente Mercalli - sono arrivate a 6 mila le opere ricoverate nel deposito di Santo Chiodo, una struttura unica in Italia, realizzata con grande preveggenza dalla Regione Umbria, con la quale stiamo collaborando per la messa in sicurezza del maggior numero di opere, e per il loro restauro, grazie alla collaborazione con l’Opificio di Firenze e la generosità della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, che sta finanziando le borse di studio per le restauratrici. Vorrei cogliere questa opportunità per precisare che non operiamo alcuna selezione delle opere da recuperare e mettere in sicurezza, bensì cerchiamo di salvare quante più opere possibili, danneggiare dal sisma. Ed in alcuni casi si tratta di interventi di recupero molto complessi, da realizzare dopo aver messo in sicurezza gli edifici pericolanti”.

“Con la promozione di questo progetto – ha dichiarato il Direttore generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze Gabriele Gori - la Fondazione conferma il suo nuovo modello di intervento basato sulla messa a sistema e sulla valorizzazione delle eccellenze del nostro territorio, ed in questo caso nel territorio della Valnerina. Lo scorso anno, per la costruzione della nuova scuola antisismica a Cittareale, nel Lazio, abbiamo condiviso il progetto con Unicoop Firenze e con la Misericordia di Firenze, la prima istituzione al mondo nata con lo scopo di aiutare il prossimo. In questa occasione, invece, è stata interessata un’altra eccellenza fiorentina unica a livello internazionale, il nostro Opificio delle Pietre Dure. Abbiamo così dimostrato come sia possibile, facendo rete, rispondere ad una emergenza del Paese, perché le opere culturali danneggiate nelle regioni del centro Italia e della Valnerina, dove opera il nostro progetto, rappresentano un patrimonio di tutti. La Fondazione farà di tutto per mantenere alto questo primato e condividere questo capitale di saperi che sostiene nel proprio territorio di riferimento siano esportati nel momento del bisogno. Un particolare ringraziamento va ai giovani che stanno lavorando assieme al personale della soprintendenza con grande entusiasmo e competenza. E’ anche per loro e per il loro futuro che abbiamo voluto questo progetto”.

“Subito dopo gli eventi sismici l’attenzione dell’Opificio pietre dure – ha detto il direttore dell’Opificio Ciatti - si è concentrata sullo splendido deposito, antisismico e mirabilmente attrezzato, di Santo Chiodo di Spoleto, dove la Soprintendenza, grazie alla collaborazione della Regione Umbria, con grande abnegazione stava gestendo la raccolta, sempre più sterminata dei beni colpiti. Il progetto che si è immediatamente imposto nella nostra mente è stato di cercare di replicare a Spoleto il modello del deposito-cantiere di Sassuolo, vista l’assoluta positività di tale esperienza. Oltre a questo l’O.P.D. si è assunto l’impegno del restauro diretto di un numero limitato di opere, che sono state trasferite nei laboratori dei settori dei dipinti mobili, bronzi, oreficeria e sculture lignee dell’Istituto, come testimonianza concreta della solidarietà dell’O.P.D. e del suo personale nei confronti delle comunità colpite. Tutto questo rappresenta il contributo che l’O.P.D. ha cercato, con la massima buona volontà e secondo le proprie competenze e possibilità, di fornire per la conservazione e la trasmissione al futuro del patrimonio storico-artistico dell’Umbria: un dovere istituzionale ed etico da compiere, pur dovendolo realizzare insieme alla consueta programmazione dei restauri e agli altri impegni in corso, e da sviluppare in collaborazione con gli enti di tutela e le istituzioni del territorio”.

La presidente Marini, a nome di tutta la comunità umbra ed in particolar modo delle popolazioni della Valnerina, ha infine rivolto parole di sincera gratitudine a tutti “per a qualificatissima opera di concreta solidarietà, finalizzata al recupero del nostro straordinario patrimonio culturale ed artistico così duramente ferito dagli eventi sismici”.

Fonte: Regione dell'Umbria

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte