politica

TeMa, botta e risposta in consiglio. Pino Strabioli prossimo all'ingresso nel CdA

lunedì 22 maggio 2017
TeMa, botta e risposta in consiglio. Pino Strabioli prossimo all'ingresso nel CdA

Se il cartellone della stagione teatrale del Mancinelli è già andato in archivio da qualche settimana, sembra avviarsi alla fase di conclusione anche la riorganizzazione che vede al centro di molti interessi - su tutti, quelli della politica - l'associazione TeMa. Non ancora ufficializzato ma ormai prossimo alla conferma, circola il nome dell'attore orvietano Pino Strabioli, da sempre affezionato al teatro della sua città e disponibile a entrare all'interno del CdA.

In consiglio comunale, intanto, dai banchi di minoranza il capogruppo del Gruppo Misto Andrea Sacripanti ha parlato di "scorrettezza" da parte del primo cittadino l'aver proceduto alla nomina, che gli compete, dei due membri nel cda della TeMa. “Rispetto a quando sfidò l’opposizione a condividere la scelta di un membro all’interno del cda – ha detto – il sindaco non ha dato seguito a quella sua idea e non ci ha chiamato a condividere questa scelta. Peraltro va ancora completata l’indicazione del socio benemerito. Forse, in questi tre anni, non è bastato al sindaco gestire malissimo la vicenda TeMa per cui di nuovo ha proceduto a nominare unilateralmente i membri del cda di sua competenza. Chiedo spiegazioni e ovviamente auguro buon lavoro ai nuovi membri.

Ovvero, Stefano Paggetti ed Emanuela Leonardi, nominati dal sindaco, Cristina Calcagni rappresentante dei soci ordinari e Roberta Mattioni, rappresentante dei soci amici. “Alla mia apertura sulla TeMa – ha affermato il sindaco Giuseppe Germani – ho ricevuto molta freddezza da parte della minoranza, quindi, vista la situazione all'interno dell'associazione, la decisione da parte mia è stata quella di assumere la risoluzione come previsto dallo statuto. Le nomine sono all’altezza della situazione e svolgeranno al meglio il lavoro che va fatto. Ho partecipato alle assemblee dei soci della TeMa sulla quale, più complessivamente, dovremo però aprire un confronto in quanto si tratta di un asset della cultura molto importante. Ora vanno messe in atto una serie di azioni per sanare la situazione economico-finanziaria dell’associazione. Spero di nominare anche il terzo rappresentante del Comune di competenza del sindaco. Conto di poterlo fare nei prossimi giorni".

I due finalisti di AmaTeatro 2017. Ad autunno le finali al Mancinelli

Commenta su Facebook