politica

Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

lunedì 23 gennaio 2017
Terremoto, Rifondazione si appella al Consiglio Regionale: "Riappropriamoci di un intervento autonomo come nel 1997"

L'Europa ha indicato a più riprese nella ricostruzione umbra del terremoto del 1997 il modello da seguire, un modello democratico gestito dalle comunità e dalle Istituzioni locali capace di evitare infiltrazioni e soprattutto di raggiungere risultati concreti. In effetti il territorio giocò allora un ruolo centrale: vennero consegnati non solo moduli abitativi ad uso di singole famiglie, ma dopo una settimana arrivarono pure strutture per gli animali.

Oggi invece continuiamo a trovarci anche nella nostra regione nel dramma: tendopoli, contributi per un’autonoma sistemazione e alloggi in container. E’ stata completamente persa di vista dal governo regionale la necessità di buona parte della popolazione di rimanere sul proprio territorio per i più svariati motivi, da esigenze lavorative, fino al mantenimento degli animali da allevamento. La Regione dell’Umbria, dopo aver accettato la nomina di un commissario ad acta, ha del tutto rinunciato a giocare un ruolo positivo ed autonomo rispetto al governo nazionale. E' una situazione inaccettabile.

Per questo ci appelliamo alla Presidente del Consiglio Regionale dell'Umbria Donatella Porzi affinché si produca uno scatto d’iniziativa politica e di mobilitazione capace di riappropriarsi delle decisioni e di dare alle reti di intervento fatte di amministratori locali, di volontariato, di comitati dei terremotati, un ruolo importante e decisivo per affrontare la situazione e per la ricostruzione. Le cittadine e i cittadini, le comunità locali in genere non possono più aspettare. Per questo continueremo anche a sostenere tutte le azioni concrete che possano dare un sostegno alle popolazioni, così come abbiamo fatto e così come stiamo facendo supportando lo straordinario lavoro delle Brigate di Solidarietà Attiva.

Enrico Flamini, Segretario Regionale di Rifondazione comunista dell’Umbria

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire