politica

Minoranze: "Con Germani sta tornando la 'tela del ragno' fondata sulle clientele e sulla spesa facile"

mercoledì 18 gennaio 2017
Minoranze: "Con Germani sta tornando la 'tela del ragno' fondata sulle clientele e sulla spesa facile"

"Ormai è chiaro ed incontestabile: il vecchio sistema di potere fondato sulle clientele, sulle esternalizzazioni e sulla spesa pubblica senza freni e senza limiti è tornato. Dopo aver portato la città sull’orlo del baratro sociale ed economico e dopo averla strangolata per tre anni, al solo fine di anticipare i tempi di uscita dal pre-dissesto, Germani e la sua compagine di governo stanno rimettendo in piedi la “tela del ragno” per allungare i tentacoli delle clientele giocando sui bisogni e sulle necessità dei cittadini. Non si spiegherebbero altrimenti alcune proposte ed alcune affermazioni – gravissime – avanzate in questi giorni dal Sindaco e da alcuni membri dell'Amministrazione Comunale.

In un momento di crisi generalizzato, dove tutte le imprese, le attività commerciali ed artigianali fanno i salti mortali per mandare avanti le proprie attività, riteniamo inaccettabile che il Sindaco usi strumentalmente l’uscita dal pre-dissesto per promettere generici posti di lavoro in Comune. Riteniamo inaccettabile che il Sindaco strumentalizzi le aspettative e le esigenze di tutti coloro che sono in difficoltà e senza lavoro, promettendo genericamente che in un futuro prossimo il Comune di Orvieto assumerà personale. E’ una vergogna che dimostra che questo Sindaco è capace solo a 'promettere' anziché a fare concrete e reali riforme funzionali allo sviluppo e a costruire un progetto di prospettiva per la città. Ma c’è di più: da qualche tempo è ripresa la corsa alle privatizzazioni della gestione dei servizi comunali.

Come al solito, la sinistra a parole si dice contro le privatizzazioni ma quando amministra fa il contrario e privatizza senza limiti. In autunno sono stati privatizzati alcuni servizi dell’Ufficio tributi con costi annui pari a 42.000 euro e adesso esternalizzerà la gestione dei servizi dei parcheggi coperti al costo triennale di 420.000 euro riportati in gestione diretta dopo anni e anni di spreco di denaro pubblico. In buona sostanza si esternalizzano i servizi e si portano i dipendenti del Comune che in quelle strutture vi lavoravano dietro una scrivania. Siamo davvero al paradosso: da un lato, si promettono assunzioni in Comune e, dall’altro, vengono esternalizzati i servizi comunali pagando decine di migliaia di euro al mese in favore di società o cooperative per svolgere quello stesso servizio che facevano i dipendenti comunali. Invece di razionalizzare i costi per il personale e ottimizzare il lavoro dei pubblici dipendenti, l'Amministrazione Germani torna al vecchio amore basato sulla spesa pubblica per alimentare clientele e sacche di privilegi. Mentre fuori dal Palazzo la città sta soffrendo fortemente".

Gruppi Consiliari FI - IeT - GM

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire