politica

Incontro tra Comune e albergatori. Dagli introiti della tassa di soggiorno, nuova linfa al turismo

mercoledì 18 gennaio 2017
Incontro tra Comune e albergatori. Dagli introiti della tassa di soggiorno, nuova linfa al turismo

Con l’uscita anticipata dallo stato di predissesto finanziario viene a cessare per il Comune di Orvieto l’obbligo di mantenimento della Tassa di Soggiorno a suo tempo istituita (2013) come misura principale del Piano pluriennale di rientro dal deficit. Sulla questione si è svolto martedì 17 gennaio un incontro tra la Giunta comunale, rappresentata dall’Assessore al Turismo, Andrea Vincenti e dall’Assessore al Bilancio, Massimo Gnagnarini, e i rappresentanti delle categorie degli operatori alberghieri e delle altre tipologie di strutture ricettive che operano sul nostro territorio.

L’orientamento emerso dalla riunione, ampiamente condiviso, è stato di considerare ormai strutturale l’applicazione della tassa e l’opportunità del suo mantenimento alle vigenti tariffe distinte per tipologia di struttura ricettiva.  In questa ottica di sviluppo e miglioramento dei servizi, l’Amministrazione si è impegnata a garantire l’impiego di significative maggiori risorse finanziarie rivenienti dalla tassa di soggiorno, da destinare a nuovi progetti e a nuovi eventi, turisticamente attrattivi, da creare e calendarizzare nel prossimo triennio, la cui copertura finanziaria troverà puntuale riscontro già nel prossimo Bilancio di previsione 2017–2019.

In un clima di costruttiva collaborazione, la riunione è proseguita con la puntualizzazione di alcune delle criticità più urgenti e delle relative soluzioni che l’Amministrazione intende adottare, tra cui la riorganizzazione del sistema dei taxi, la fornitura di una apposita piattaforma on line per il disbrigo degli adempimenti di legge e per il versamento dell’imposta da parte degli operatori, nonché la definizione di uno specifico regime tariffario di parcheggio riservato agli ospiti delle strutture ricettive. Nel mese di febbraio avrà quindi luogo la presentazione ufficiale dello studio del sistema turistico orvietano, condotto con la collaborazione di esperti della Facoltà di Economia dell’Università di Perugia, sulle cui basi l’Amministrazione intende avviare la fase operativa di rilancio della promozione turistica e del marketing territoriale.

Fonte: Comune di Orvieto

 


Questa notizia è correlata a:

Bando Ccn, pubblicata la graduatoria provvisoria. Orvieto per Tutti: "Un altro passo avanti"

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire