politica

Al Cimitero Nuovo iniziati i lavori di messa in sicurezza dei loculi

venerdì 13 gennaio 2017
Al Cimitero Nuovo iniziati i lavori di messa in sicurezza dei loculi

Sono iniziati da qualche giorno i lavori di manutenzione al Cimitero Nuovo Urbano di Todi, una delle 18 aree cimiteriali presenti sul territorio comunale. Gli interventi, pari ad un investimento di 30.000 euro interamente finanziato con risorse comunali, prevedono la messa in sicurezza di tre blocchi di loculi, realizzati intorno agli anni ’60, ubicati sul lato destro dell’ultimo viale di sinistra. L’intervento consiste nella rimozione di tutte le parti pericolanti e nella posa in opera di elementi protettivi.

Sul fronte dell’edilizia cimiteriale, altro cantiere in attività è quello del cimitero frazionale di Asproli-Porchiano, dove procedono i lavori per la realizzazione di 50 nuovi loculi, suddivisi in due blocchi modulari da 25 elementi ciascuno, per un investimento di 113.000 euro. Oltre alle nuove strutture, posizionate a sinistra e a destra dell’attuale ingresso, saranno effettuate opere idrauliche per la canalizzazione delle acque meteoriche per il loro allontanamento all’esterno del cimitero.

Tra gli interventi programmati sulle aree cimiteriali, è stata aggiudicata la gara e sono iniziate le operazioni propedeutiche all’avvio del cantiere per realizzare nuovi loculi anche nel cimitero frazionale di Torregentile per un investimento di 60.000 euro. Nelle prossime settimane partiranno i lavori per costruire un gruppo di 20 nuovi loculi nell’area sud-ovest del cimitero in prossimità del muro perimetrale, un sistema di smaltimento delle acque piovane ed un nuovo impianto elettrico per l’illuminazione delle lampade votive della nuova struttura.

“Con questo intervento sul Cimitero Nuovo Urbano – commenta l’Assessore Manuel Valentini - diamo una risposta concreta ad un problema molto sentito da anni dai cittadini. Si tratta di un primo importante provvedimento in vista di altri lavori che verranno fatti, per i quali stiamo cercando di reperire le risorse necessarie, partendo da una condizione di sicurezza”.

Fonte: Comune di Todi

Commenta su Facebook