politica

Sacripanti (FdI-An) punta il dito su costi di sindaco e assessori per le sedute della giunta

mercoledì 18 novembre 2015
Sacripanti (FdI-An) punta il dito su costi di sindaco e assessori per le sedute della giunta

"A seguito del dibattito consiliare sull’assestamento del bilancio 2015 - afferma Andrea Sacripanti (FdI-An) - ritengo necessarie alcune precisazioni in merito al mio intervento sui costi della politica ed in particolare sulla quantità e sulla durata delle riunioni della Giunta comunale per le quali sono previsti le assenze retribuite dei componenti dai rispettivi luoghi di lavoro e i rimborsi per le spese di viaggio.

Ormai è a tutti noto che nel bilancio preventivo 2015 risultano inseriti complessivamente 97 mila euro tra i rimborsi chilometrici ed autostradali, quantificati esattamente in 12 mila euro, e i costi dovuti alle assenze degli amministratori, ben 85 mila euro, per il rimborso dovuto alle società private presso cui lavorano il Sindaco e gli Assessori per le giornate in cui si assentano per partecipare alle riunioni di Giunta o a consigli e commissioni".

"Il mio intervento, nell’ambito del dibattito consiliare sul bilancio - dice - ha evidenziato come dal giorno dell’insediamento dell’attuale amministrazione ad oggi, si siano svolte in media ben 8 riunioni di Giunta al mese con una durata, almeno per l’80% delle sedute, di circa 8 ore ciascuna. Per evitare che si diffondesse il sospetto, peraltro legittimo e fondato, che tali riunioni servissero agli amministratori soltanto per giustificare le loro assenze dal lavoro, ho chiesto le motivazioni per cui la Giunta si riunisse due volte a settimana e con una durata media giornaliera così estesa, visto che in altri Comuni ben più grandi e complessi del nostro, si prenda ad esempio il Comune di Perugia, la Giunta si riunisce in media una volta a settimana con una durata giornaliera di circa 3 ore.

In buona sostanza, ho chiesto esplicitamente quali fossero le esigenze che giustificassero un calendario così denso di riunioni e quali atti richiedessero il protrarsi di ciascuna seduta così a lungo, visto che la maggior parte dei provvedimenti discussi ed adottati dalla Giunta, come è visibile anche sul sito del Comune di Orvieto, sono attribuzioni di patrocinio non oneroso ed atti tecnici che vengono redatti preventivamente dagli Uffici competenti".

"Ritenevo e ritengo legittimo - aggiunge - che un Consigliere comunale chieda conto del funzionamento degli organi politico-amministrativi, specialmente quando questi organi gravano sulle tasche dei cittadini per ben 97 mila euro! Purtroppo i miei interrogativi non hanno ricevuto alcuna risposta nel merito né dal Sindaco, né dall’Assessore al bilancio, mentre la Vicepresidente Cotigni, a difesa del suo “indiscutibile” Assessore Gnagnarini, ha affermato che siccome quest’ultimo è presente a Orvieto il martedì e il giovedì, le riunioni di Giunta vengono organizzate, oserei dire a prescindere, in questi due giorni.

Insomma i Cittadini orvietani devono pagare senza avere il diritto di conoscere il perché di così tante riunioni e le motivazioni per cui queste riunioni durino così a lungo. Ultima precisazione. La Consigliera, nonché vicepresidente del Consiglio comunale, Cotigni ha tentato di controbattere alle mie dichiarazioni sostenendo che anche io rappresento un costo per l’amministrazione specialmente quando convoco la mattina, anziché il pomeriggio, la Commissione Controllo e Garanzia che presiedo".

"Nella sua alta carica - conclude Sacripanti - la Vicepresidente dovrebbe sapere che la mia Commissione, per la quale è previsto per i componenti il solo gettone di presenza pari a 21 euro lordi, si riunisce in media soltanto una volta al mese e che il sottoscritto, in quanto dipendente pubblico, non costa nulla al Comune di Orvieto che non deve rimborsare nemmeno un centesimo al mio datore di lavoro, un’amministrazione statale, nei giorni o nelle ore in cui mi assento dal servizio per i miei impegni istituzionali, contrariamente a quanto accade per Sindaco e Assessori dipendenti di Enti privati che, è bene ribadirlo, pesano sul bilancio comunale per ben 97 mila euro.

Invito, pertanto, sia la Consigliera, nonché Vicepresidente, Cotigni sia tutti gli altri Consiglieri di maggioranza, che si mostrano così accorti e preoccupati per l’incidenza del sottoscritto sul bilancio comunale, pari a zero, a sollecitare i propri rappresentanti dell’esecutivo cittadino a concentrare le riunioni di Giunta sia nei giorni che nei tempi di durata, come avviene, peraltro, in molti altri Comuni. Questo determinerebbe una sostanziosa riduzione dei costi della politica, anche se comporterebbe, ahimé, una maggior presenza di Sindaco e Assessori nei rispettivi luoghi di lavoro".

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità