politica

Decoro urbano nel centro storico, passa la mozione. Ecco cosa prevede

sabato 18 luglio 2015
Decoro urbano nel centro storico, passa la mozione. Ecco cosa prevede

Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità la mozione d’iniziativa dei Cons.ri Tiziano Rosati (SEL) e Lucia Vergaglia (M5S) – emendata dal Presidente, Angelo Pettinacci (PD) sulla scorta delle risultanze del dibattito, con la quale viene chiesto all’Amministrazione di operare rispetto ai seguenti punti:

- rimozione o rimodulazione di tutti i dissuasori di sosta disseminati a decine in ogni angolo della città, in particolare quelli in cemento o meglio conosciuti come “panettoni” di cemento dal momento che “in nessun centro storico che si rispetti è possibile vedere una diffusione così massiccia di manufatti in cemento che costituiscono in alcuni casi dei veri e propri ostacoli, rischiando di creare situazioni di pericolo e quindi anche barriere architettoniche per disabili, anziani e carrozzine impedendo altresì la migliore pulizia e spazzatura delle vie del centro storico. Ovvero: non si abbia paura della sosta selvaggia. Un piano accorto e progressivo, accompagnato da una vigilanza più mirata, sarà lo strumento migliore per educare i cittadini al rispetto della loro città”.

- rimozione o rimodulazione dei dissuasori di velocità in tutte le vie pavimentate con sanpietrini. “Trattandosi di orrendi manufatti in gomma che assolutamente non possono convivere con una via o un vicolo pavimentati e che cercano di richiamare un ambiente medievale. La cosa strana è che gli stessi sono stati posti in strade strette (in alcuni casi a doppio senso) che richiedono già una velocità molto contenuta”.

- manutenzione più attenta e consona delle vie pavimentate evitando assolutamente che i sanpietrini mancanti vengano sostituiti con colate di catrame. Con questo tipo di intervento si rischierebbe di far tornare le vie di Orvieto così come erano negli anni ’70 prima del risanamento.

La mozione illustrata dal Cons. Tiziamo Rosati attraverso il contributo di immagini fotografiche, muove dal fatto che “la Giunta ha preannunciato da tempo l’elaborazione di un piano per un nuovo sistema di circolazione e di sosta nel centro storico teso a rendere la città più vivibile e più attraente. Tale iniziativa appare di fondamentale importanza perchè la città di Orvieto, per la sua storia e la sua bellezza, merita maggiore rispetto e minore violenza. Da non dimenticare poi che questa città negli anni ’80 ha potuto usufruire di ingenti finanziamenti statali tramite la legge speciale per Orvieto e Todi che hanno consentito un risanamento strutturale che ha ridato alle vie, ai vicoli e alle piazze un nuovo splendore. Pertanto è nostro compito rispettare quanto è stato fatto e operare perché quel risanamento non degeneri nel degrado e nell’incuria”.

Ampia sintesi del dibattito è disponibile sul sito del Comune di Orvieto.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità