politica

Allarme sicurezza, Sacripanti chiede al sindaco che fine ha fatto il progetto delle telecamere di sorveglianza

sabato 16 agosto 2014
Allarme sicurezza, Sacripanti chiede al sindaco che fine ha fatto il progetto delle telecamere di sorveglianza

Che fine ha fatto il progetto per l'installazione delle telecamere di sorveglianza votato dall'amministrazione Concina?. La domanda del capogruppo di Fdi - An, Andrea Sacripanti, al primo cittadino, Giuseppe Germani e all'amministrazione, è chiara e concisa, specialmente in questo periodo in cui episodi di vandalismo e reati vari sembrano essere aumentati sia nel Centro Storico sia nei quartieri sotto la rupe.

"La precedente Giunta comunale - ricorda Sacripanti nell'interrogazione presentata al sindaco - ha approvato, con delibera n. 10 del 30.01.2014, il progetto Orvieto Sicura 2014 teso a rafforzare il sistema di videosorveglianza in alcuni zone della Città; per prevenire atti vandalici e per garantire ai cittadini un maggior controllo nel caso di episodi di microcriminalità".

L'intenzione del progetto, continua Sacripanti, era quella di realizzare "un sistema integrato di videosorveglianza per il controllo ed il monitoraggio territoriale del Comune di Orvieto e fa riferimento alla normativa vigente che amplia i poteri e le competenze dei Sindaci in materia di intervento, prevenzione e contrasto per garantire la sicurezza sul territorio, relativamente alle situazioni urbane di degrado quali: lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l’accattonaggio ed i fenomeni di violenza legati all’abuso di alcol, le situazioni di danneggiamento al patrimonio pubblico e privato l’incuria, il degrado e l’occupazione abusiva di immobili, l’abusivismo commerciale e l’illecita occupazione di suolo pubblico; i comportamenti, come la prostituzione in strada e l’accattonaggio molesto che offendono la pubblica decenza e turbano gravemente l’utilizzo di spazi pubblici". Per realizzare il progetto, che prevede l’installazione di 24 postazioni di controllo, equamente distribuite tra periferia e centro storico, la giunta Concina aveva individuato una serie di bandi europei ai quali partecipare per reperire i fondi necessari.

Evidenziando il fatto che l'installazione delle telecamere di sorveglianza "non sia più rinviabile, anche alla luce degli ennesimi atti vandalici verificatisi in questi giorni, misure volte a contrastare fenomeni di inciviltà che rendono la vita dei cittadini sempre meno sicura e la Città di Orvieto sempre più degradata, anche e soprattutto agli occhi dei turisti che la visitano", Andrea Sacripanti, capogruppo di Fdi - An chiede all'amministrazione Germani di sapere:"se l’attuale Giunta sia intenzionata a sostenere il progetto Orvieto Sicura 2014". E "in che tempi, in quale modalità; e con quali risorse finanziarie intenda darne attuazione" e anche "se ritiene opportuno, come ipotizzato dalla precedente Amministrazione, finanziare il sistema di videosorveglianza con fondi europei oppure attraverso altri canali di finanziamento"

Commenta su Facebook