politica

Gnaganrini: "Non pensiamo che Orvieto sia un autogrill tra Roma e Firenze"

venerdì 15 agosto 2014
di Massimo Gnagnarini
Gnaganrini: "Non pensiamo che Orvieto sia un autogrill tra Roma e Firenze"

Proprio questo , a me sembra, sia diventata almeno in parte la nostra città per la mancanza di una qualunque politica turistica e per la supina accettazione del “vivi e lascia vivere fin che dura”, da parte di chi finora ha rinunciato a esercitare una doverosa responsabilità di governo nel più importante settore della nostra economia locale.Le prime vittime sono proprio i nostri operatori e le aziende cittadine, almeno una parte di esse, costrette ad accettare condizioni capestro imposte loro da tour operator che non si fanno scrupoli dallo spedirci gruppi di dieci o anche meno persone che arrivano in escursione a Orvieto perfino su bus granturismo da 50 posti per consumare un voucher che vale la visita alla città e un pranzo in rinomati ristoranti della città. Non si sa all’origine quanto paghi il turista per quel voucher sappiamo però che al ristoratore orvietano spesso non vanno oltre i 10/12 euro e sappiamo pure che la condizione imposta è che quei bus siano lasciati liberi di scorrazzare e di sostare in città senza pagare nulla.

La crisi economica c’entra come i cavoli a merenda.

Qui stiamo assistendo al saccheggio della città da parte dell’industria turistica nazionale e multinazionale che in Orvieto ha trovato il ventre molle di una nicchia di mercato dove realizzare i propri maggior profitti.

Il ritocco operato su quelle che erano le ridicole tariffe di sosta dei bus turistici è anche un primo messaggio rivolto a chi attualmente muove le fila dei flussi turistici che impattano sulla nostra città.

Vogliamo cambiare e riappropriarci di quel valore svenduto e che appartiene a tutti gli orvietani.

Ai nostri operatori alberghieri e della ristorazione assicuriamo il nostro impegno e cospicue risorse finanziarie da spendere nella Promozione già dal corrente anno e ancora maggiori per programmare la prossima stagione. Ce n’è abbastanza per poter scegliere a chi e come “vendere” la città.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità