politica

Slitta l'approvazione del bilancio previsionale 2013. Minoranza sul piede di guerra

lunedì 25 novembre 2013
Slitta l'approvazione del bilancio previsionale 2013. Minoranza sul piede di guerra

Come era nell'aria, maggioranza e giunta alla fine hanno optato per il ritiro di tutti i documenti inerenti il bilancio di previsione 2013 - elenco triennale 2013/2015 delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare; approvazione delle aliquote e della detrazione IMU per l'anno 2013; addizionale comunale all'IRPEF (conferma aliquote per l'esercizio finanziario 2013); approvazione del programma degli incarichi di collaborazione autonoma (anno 2013); ricognizione delle partecipazioni societarie; bilancio annuale di previsione per l'esercizio 2013; relazione previsionale e programmatica per il triennio 2013/2015; bilancio pluriennale per il triennio 2013/2015 e applicazione del disavanzo di amministrazione 2012 e adozione del provvedimento di riequilibrio del Bilancio 2013 - che verranno ripresentati entro le scadenze di legge.

Alla base della decisione, arrivata dopo quasi un'intera giornata di lavori, c'è l'interpretazione della normativa vigente resa dalla Corte dei Conti relativamente alla possibilità di coprire il disavanzo di amministrazione con le vendite immobiliari che sostanzialmente stabilisce che non è più consentito l'utilizzo di vendite per coprire i disavanzi correnti di amministrazione, e pertanto, lo strumento oggi messo a disposizione delle pubbliche amministrazioni è la procedura di riequilibrio pluriennale.

"I revisori dei conti - ha spiegato l'assessore Piergiorgio Pizzo - hanno ben svolto il loro lavoro allineandosi, nella loro relazione al bilancio, alla decisione della Corte di conti. E così farà l'Amministrazione cercando di far proprie le osservazioni dei revisori. Non ci sono incongruità in questo percorso, in quanto, tenendo conto delle richieste pervenute nella fase di partecipazione del bilancio, l'Amministrazione si era riservata la possibilità di agire a beneficio delle imprese che nel 2012 erano state vittime dell'alluvione e ad intervenire miratamente su alcune categorie sociali. Pertanto, tali fondi verranno utilizzati, se necessari, per rivedere le stime delle poste in entrata".

"Durante lo svolgimento della seduta - hanno affermato a margine Giuseppe Germani (Pd), Evasio Gialletti (Psi) e Cecilia Stopponi (Prc) - la maggioranza ha fatto ostruzionismo alle proprie proposte, a dimostrazione della difficoltà e imbarazzo a trattare un bilancio che si conferma un grande bluff. Nonostante la mancata trattazione in commissione del "Piano delle Alienazioni" e la disponibilità da parte della minoranza di svolgere una commissione, durante il Consiglio, per completare l'iter dell'atto, la maggioranza strumentalmente si aggrappa al regolamento per allungare i tempi di un fallimento politico che è ormai a tutti palese. Il successivo rinvio della discussione sul bilancio 2013 conferma l'inadeguatezza del piano che la Giunta ha proposto al Consiglio Comunale".

"A cinque giorni dal termine ultimo per l'approvazione del Bilancio Previsionale 2013 - hanno aggiunto - riteniamo che non ci sia più tempo per costruire una proposta alternativa a quella già presentata e bocciata inesorabilmente dagli organi di controllo.  A tutela dell'Istituzione Comunale e di tutti i cittadini abbiamo chiesto al Segretario Generale, al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale di provvedere a dare corso immediato alle procedure di comunicazione di quanto accaduto nella seduta consiliare odierna e, nello specifico, della mancata approvazione del bilancio di previsione per l'anno 2013 del Comune di Orvieto, alla Prefettura ed agli Organi preposti al controllo per l'assunzione di tute le determinazioni di competenza che essi riterranno opportuno adottare. Nei prossimi giorni ci riserviamo di compiere ulteriori atti e di spiegare più approfonditamente le conseguenze delle azioni prodotte dalla giunta Concina".

Pubblicato da sergio casasole il 25 novembre 2013 alle ore 22:04
Se è vero come è vero, che siamo prossimi a cadere nel baratro, tanto vale avere il coraggio del fallimento e tornare alle urne, cosi da ridare a questa martoriata orvieto, una vera amministrazione lungimirante e competente, so bene che sarà molto difficile trovare persone all'altezza della situazione, che siano di destra o di sinistra, questa purtroppo è la realtà.
Mancano i veri politici e, mancano le persone che hanno a cuore le sorti di questa Città, troppi errori nel passato remoto, (si è voluto viaggiare in ferrari sapendo di non aver soldi per la benzina) e troppo poco realizzato nel presente, ci si aspettava un piccolo cambiamento di rotta, purtroppo nulla è successo e, forse sarebbe stato molto più logico e comprensivo commissariare il comune nell'ottobre 2009, anche perchè non noto differenze tra un eventuale commissario e attuale amministrazione ( non perchè la vecchia amministrazione sia da ricordare in positivo, con tutti i guai
che ha combinato). Quindi cari politici (se ci siete) lavorate con serietà senza cercare soltanto visibilità, altrimenti tornate a lavorare cosi da non prendere per i fondelli i cittadini.
Pubblicato da Massimo Gnagnarini il 26 novembre 2013 alle ore 00:41
Trovo intollerabili queste dichiarazioni da parte dell'amministrazione. Far credere che il predissesto sia lo strumento messo a disposizione dalla legge in sostituzione delle vendite per far quadrare i conti è quanto di più mistificatorio e puerile si possa inventare. E' un'offesa all'intelligenza e alla buona fede dei cittadini.
Il solo pensare poi di utilizzare le poche risorse messe a disposizione dalla Regione per i danni dell'alluvione allo scopo di tappare qualche buco minore della voragine del Bilancio, come lascia intendere l'assessore Pizzo, dovrebbe farci temere per la sua incolumità fisica a fronte delle immaginabili reazioni.
Dovono capire che far quadrare il bilancio non è come trovare la soluzione al cubo di Kubrik dove basta trovare la sequenza giusta dopo aver provato e riprovato.
I soldi che mancano e sono 8Mln di deficit + 3 Mln scoperti dai revisori se non sono stati trovati da gennaio a novembre come si può pensare di trovarli nei prossimi 15 giorni.
Devono sapere, questi improbabili amministratori del Comune, che il predissesto e il Piano di riequilibrio pluriennale è praticabile solo dopo aver approvato il bilancio corrente del 2013 nel rispetto delle leggi in vigore.
Impossibile farlo allo stato attuale dei fatti. Ergo prendetevi un bel respiro, espirate lentamente, aprite gli occhi e tornate alla realtà. Dietro l'angolo c'è il dissesto.
Pubblicato da Davide orsini il 26 novembre 2013 alle ore 03:51
Il bilancio comunale naufraga per manifesta incapacita' di questa giunta e della maggioranza rabberciata che la sostiene, e Pizzo dove va a pescare la soluzione? Facile, propone che i fondi destinati alle agevolazioni per le imprese colpite dall'alluvione siano utilizzati per rivedere le stime del bilancio. Cioe' sbaglia lui e pagano gli alluvionati. ma tu guarda che soluzione originale. Verrebbe da chiedersi se un po' di vergogna almeno la provano.
Pubblicato da Leonardo Brugiotti il 26 novembre 2013 alle ore 09:16
“La pervicacia con cui la minoranza continua a creare situazioni di difficoltà nonostante la chiarezza del percorso seguito oggi non è corretta – ha affermato Toni Concina per tutta risposta – Abbiamo predisposto un bilancio corretto – ha insistito – i due fatti nuovi dei pareri non favorevoli di revisori e Corte dei conti ci obbligano, però, ad una rivisitazione del bilancio che sottoporremo al consiglio nel giro di pochi giorni. Qui non ci sono interessi da difendere, c’è solo un gravoso impegno quotidiano. Non creiamo ulteriori dissapori di cui non c’è alcun bisogno” ha concluso il sindaco nel tentativo di abbassare i toni.

PAROLE...PAROLE...PAROLE...Il principe della comunicazione verbale e non verbale continua a propinare parole e mai fatti, se non quelli negativi. La tragicommedia consumata ieri in consiglio comunale dimostra solamente una cosa, inequivocabile ed incontrovertibile...la giunta Concina e soprattutto il sindaco hanno un solo ed unico obbiettivo, che non è quello del bene e dell'interesse pubblico, bensì il mantenimento dei propri posti...ordine del giorno perenne...continuare a sedere comodamente nel palazzo del governo cittadino. E' duro infatti per Tony Concina vedere che il suo " Buen retiro " orvietano da pensionato d'oro, gli stia diventando ostile; è duro non poter più appagare il proprio ego, venendo meno tagli di nastri, concerti ed inviti. E' duro constatare che Orvieto non si risana con le chiacchiere, le barzelette le "battutine" e il...volemose bene...o...tutti den'sentimento...Mi sono chiesto come facesse Tony Concina a governare senza reali riferimenti nel Governo Centrale; un uomo che, come lui ha sempre detto di essere, avrebbe dovuto portare nella nostra città l'interessamento di Ministri, Senatori ed alti personaggi politici, ma non si è visto mai nessuno ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti e sono evidenti a tutti. Quello che Concina aveva preso come il "paese dei balocchi" ha risposto come doveva e,come nella favola di Pinocchio (anche lui specialista in bugie), tutti i protagonisti si sono trasformati in asinelli...ora tergiverseranno per altri quattro giorni, ma ormai sta per arrivare MANGIAFUOCO.
Saluti Collodiani...Leonardo Brugiotti

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 maggio

TeMa, botta e risposta in consiglio. Pino Strabioli prossimo all'ingresso nel CdA

Con Italia Nostra, nei luoghi etruschi e templari tra Bardano e Rocca Ripesena

Bagno di folla ad Acquapendente per i Pugnaloni. Al Gruppo Sant'Anna, l'edizione 2017

Bocciato dal Tar il bando sulla gestione dei servizi dei parcheggi. Minoranza: "Ennesima figuraccia della Giunta Germani"

Unitre, eletto il nuovo direttivo. Alla prima riunione, la formalizzazione degli incarichi

Palermo chiama Italia...e il "Dalla Chiesa" risponde: "Presente!"

La Scuola Primaria di Orvieto Scalo festeggia...al sicuro

Dedicata delicata

Parte a ottobre la terza edizione di Master Luce in comunicazione territoriale per lo sviluppo turistico

"Todi Fiorita", si chiude nella luce e nella musica l'edizione 2017

Settima edizione per "Venerdì Orvietani in Ostetricia e Ginecologia"

Giardino, una sera

"Armonie Solidali". In scena al Teatro Boni uno spettacolo musicale di beneficenza

Due giorni di appuntamenti a Torre Alfina nel nome di San Bernardino

La radioattività naturale dell'Umbria: presentato lo studio della Regione e dell'Istituto nazionale di fisica nucleare

Servizi scolastici di mensa e trasporto. Aperte le richieste per il nuovo anno 2017/2018

Nuovo dirigente alla Squadra Mobile di Terni, arriva il commissario capo Davide Caldarozzi

Riconoscimento nazionale per Francesco Barberini. La LIPU premia l'aspirante ornitologo

I due finalisti di AmaTeatro 2017. Ad autunno le finali al Mancinelli

Edilizia: mobilitazione dei lavoratori umbri per pensioni, lavoro, contratto e ricostruzione

Delegazione cinese in visita alla Provincia. Incontro su istituzioni, trasparenza e controlli

Università USA al Centro Studi: il console generale saluta l'avvio della Summer School

Al Palazzo dei Sette va in mostra la "Pittura Ermeneutica" di Pier Augusto Breccia

Nove giorni di dolci tentazioni con I Gelati d'Italia 2017

"Lea Pacini ed il Corteo Storico: quando a Orvieto sfila la Storia", tutti i premiati

In archivio la sesta "Giornata dello Sport". Basket, tennis, pallavolo e calcio per gli alunni della scuola primaria

Guardea Paese Cardioprotetto. Tra la scuola e il campo da calciotto, arrivano defibrillatore e teca

"San Sebastiano in Festa", seconda edizione. Cultura, enogastronomia e Palio del Carciofo

La scuola Giovanni XXIII di Fabro tra i premiati regionali del concorso "Play Energy Enel"

Tre giorni per visitare e conoscere i Nidi Comunali

Corso di compostaggio domestico a Sferracavallo promosso da Cosp Tecno Service e Comune

L'Asds Majorana va alla scoperta dei sentieri dislocati intorno al Castello di Corbara

Nella Sala delle Muse di Palazzo Corgna, apre la mostra "Mia"

Gli alunni dello Scientifico devolvono alla Chianelli il premio di "Lettura Dantesca"

La Azzurra Orvieto e coach Romano ancora insieme

Morto in Ospedale, medici prosciolti

“Vanno bene i campi di calcio, ma almeno pulite le aree per bambini”

"Ludi alla Fortezza", svelato il programma. Tre giorni a tutto Medioevo

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni