politica

Situazione politica a Castel Giorgio. I consiglieri Garbini e Carraro commentano le dichiarazioni di Giovannetti

giovedì 3 gennaio 2013
Situazione politica a Castel Giorgio. I consiglieri Garbini e Carraro commentano le dichiarazioni di Giovannetti

I consiglieri di minoranza Andrea Garbini e Paola Carraro (Gruppo consiliare "Cambiamo Castel Giorgio" commentano, con una nota, le dichiarazioni del segretario provinciale del PD, Mario Giovannetti, in merito alla situazione politica creatasi a Castel Giorgio con l'uscita dalla maggioranza degli ex assessori Tilli e Focarelli, quest'ultimo aderente al PD.

"Nel leggere le considerazioni del segretario provinciale del PD di Terni - affermano - che non conosce neanche la strada per arrivare a Castel Giorgio, emerge chiaramente lo stato di disintegrazione nel quale versa il centro sinistra provinciale e locale. L'elogio che viene fatto verso la Giunta Peparello rappresenta il solito metodo con cui la sinistra considera i territori marginali: un tempo era la sinistra orvietana che dettava il compito a quella di Castel Giorgio, oggi il compito lo deve dettare obbligatoriamente la grande 'mamma' ternana, vista la scoppola presa ad Orvieto e vista anche la gravissima situazione che vive il centro sinistra sull'Alfina".

Secondo Garbini e Carraro, con l'intervento di Giovannetti la sinistra di Castel Giorgio ha dimostrato "di essere commissariata e di essere assolutamente priva di qualsiasi tipo di sovranità a casa propria. L'elogio all'operato di Peparello - continuano - non è solo la dimostrazione della sudditanza verso Terni, ma è anche la chiara rappresentazione che la dirigenza ternana non conosce niente della situazione di Castel Giorgio e crede ancora di stare nell'URSS degli anni '70, dove quello che diceva il grande capo del Soviet era legge. La crisi del centro sinistra di Castel Giorgio, oltre a venire da lontano, è molto più complessa e molto più profonda di come la si vuole rappresentare. Sarebbe troppo facile affermare che queste contrapposizioni, lacerazioni, dimissioni, scontri siano la conseguenza di lotte di potere finalizzate a nuovi assetti. Quello che è successo in questi tre anni e mezzo e quello che sta succedendo in questi giorni è la chiara rappresentazione di una endemica incapacità a governare e a farlo soprattutto per il bene di tutta la nostra comunità".

"Lo sappiamo bene e lo sanno tutti - affermano - che Peparello, Tilli, Focarelli, insieme a qualche altro che muove i fili da dietro ma non ha il coraggio di esporsi, sono fatti della stessa pasta e stanno sullo steso livello. Sono tutti facce della stessa medaglia e nessuno di loro può o deve chiamarsi fuori dai fallimenti politici e amministrativi degli ultimi anni. Di fronte a questa paradossale situazione, ci permettiamo di dare un suggerimento: la vera questione, caro segretario, non riguarda le piccole beghe di paese o le lotte di potere (ma quali lotte!!); così come le pagelle date da 140 chilometri di distanza su come si è amministrato non bastano più. La vera questione che sta alla base di questa penosa e patetica situazione è la totale incapacità nel fare politica e nell'amministrare. E' questo il motivo che sta decomponendo una 'pseudo' classe dirigente che ha sempre vissuto di luce riflessa e ha sempre subito il tutoraggio da Orvieto. Oggi i tutor non ci sono più, specialmente se stanno a piazza Tacito. In conclusione facciamo una profezia: in extremis i vari Tilli, Peparello e Focarelli troveranno una soluzione rabberciata fondata sulla spartizione delle candidature alle prossime elezioni. Loro saranno soddisfatti, Castel Giorgio molto meno".

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 gennaio

L'Italia dei piccoli centri. Amiata e Maremma nel volume monografico di "Testimonianze"

Notte di sangue sull'Autostrada del Sole, muore un trentenne

Nuova seduta per il consiglio comunale. L'ordine del giorno dei lavori

La Vetrya Orvieto Basket attende il Basket Bastia al PalaPorano

La Zambelli Orvieto non si fida della trasferta a Castelfranco

Poste, recapito a giorni alterni, la protesta in Parlamento. Verini (Pd) al Governo: "Rivalutare la scelta"

A Norcia partono i lavori per la scuola elementare

Operazione interforze sul territorio, in arrivo nuovi controlli

Rifiuti, nuova eco-piazzola intercomunale Guardea-Alviano

Riparata la fontanella alla spina danneggiata dal ghiaccio

Gli studenti tuderti alla scoperta del "geometra del futuro"

Vertenza Unicoop Tirreno, dieci posti di lavoro a rischio in Umbria

Gestione impianti termici, in vigore le nuove disposizioni regionali

Coding, in biblioteca prendono il via i corsi per i ragazzi delle scuole medie

Scomparso a 89 anni il Maestro Nino Caruso, l'artista era molto legato alla città

In Via della Misericordia II, aprono Sartoria MIR e Open space di co-working

Le Fiamme Gialle intercettanto un carico di vestiti e accessori con marchi contraffatti

Wine Research Team: una "potatura intelligente" per un prodotto di qualità e piante sane

Lavori edili alla Caserma "Nino Bixio", sosta vietata in Piazza Guerrieri Gonzaga

Sistemazione idraulica del Carcaione, chiude il parcheggio con ingresso da Via delle Mimose

Pulizia programmata delle piazze del centro storico, modifiche alla sosta

L'olio d'oliva è protagonista al centro commerciale Porta d'Orvieto

Lo vidi

"Giobbe o la tortura dagli amici". Il Medioevo va in scena a Palazzo Filippeschi Simoncelli

"Zona 30" a Sferracavallo, si può fare

No alle dimissioni, ma sulla Cecchini il sindaco è chiaro: "scivolone istituzionale"

Differenziata: polemiche e quesiti bipartisan, cittadini e commercianti protestano

Piedibus, il Comune ci riprova: sarà buona la seconda?

La Zambelli Orvieto ha una nuova tigre, è la schiacciatrice Martina Escher

De Francesco "Sette...bellezze", il bomber che fa sognare Orvieto e l'Orvietana

Calendario venatorio, il Governo fissa al 21 gennaio la chiusura per tre specie

Carnevale di Ronciglione tra i 10 più belli d’Italia

Torna su Rai3 "Per un pugno di libri" con i ragazzi del Liceo Classico

Senso unico alternato sulla SP 52 Fabro-Parrano

Cramst: Balli, suoni e sapori da Carnevale alla Festa delle Donne

Seconda edizione del concorso di poesia e narrativa "Saverio Marinelli"

Il cardinale Ennio Antonelli incontra il clero della diocesi di Orvieto-Todi

Area camper a Città della Pieve, partiti i lavori. Ecco il progetto

Il Comune bene comune. Per la tutela dell'autonomia comunale, del territorio e della democrazia

Al Teatro Mancinelli arriva il "Decamerone" di Stefano Accorsi

"Un Mondo Incredibile" al Centro Viva. Torna il laboratorio di teatro e pensiero

Comune e Fondazione Cro riscoprono Giuseppina Anselmi Faina. Presto una pubblicazione sull'artista

L'Opera del Duomo presenta il restauro dei mosaici della facciata

Zalone e la nonna che torna al cinema. Aneddoti e retroscena di un successo

Gianni Pontillo al Teatro "Il Mascherone" con "Politicamente bugiardi"