politica

A Castel Giorgio l'opposizione di Marco Meatta presenta una mozione di sfiducia per il sindaco Peparello

venerdì 16 novembre 2012
A Castel Giorgio l'opposizione di Marco Meatta presenta una mozione di sfiducia per il sindaco Peparello

A Castel Giorgio, l'opposizione del gruppo di Marco Meatta chiede la sfiducia al sindaco Pier Luigi Peparello con una mozione.

Viste le pressanti richieste ricevute dai cittadini - afferma Marco Meatta, capogruppo di opposizione in consiglio comunale a Castel Giorgio - diffondo la bozza integrale della mozione di sfiducia al sindaco. Un documento preparato insieme ad alcuni consiglieri di buona volontà; sottolineando il vigore e l'impegno che ho sempre messo nel difendere l'interesse primario dei cittadini. Con questa mozione pongo all'attenzione di tutti, consiglieri e cittadini, la grave anomalia e paralisi amministrativa che sta vivendo oggi Castel Giorgio".

Di seguito il testo integrale della mozione di sfiducia:

MOZIONE DI SFIDUCIA AL SINDACO DEL COMUNE DI CASTEL GIORGIO (TR) PIERLUIGI PEPARELLO

Considerato che il Sindaco Pierluigi Peparello e' stato eletto con il 44,00% dei voti all'interno di una coalizione composta da Partito Democratico, SEL, Partito Socialista;
-ricordato che negli ultimi due anni si sono dimessi due consiglieri (Alex Trenta e Loredana Ceccariglia) e due asssessori (Claudio Serafinelli e Ceccarini Roberto) di provenienza SEL;
-ricordato che un consigliere eletto per surroga (Roberto Morucci) ha rinunciato all'incarico
- ricordato che il consigliere Valentina Guerrini si e' dimessa a distanza di due mesi dalla nomina e che pertanto il Consiglio Comunale e' composto da 12 membri invece dei 13 previsti, per esaurimento surroghe,
-ricordato che tre consiglieri si sono dimessi dalle commissioni consigliari negli ultimi mesi;
-ricordato che un mese e mezzo fa si sono dimessi il Vicesindaco (Sandro Focarelli, PD) e un assessore (Giampiero Tilli, Partito Socialista) motivando con la non condivisione del modo di amministrare e essendo ostacolati nelle proprie iniziative vista anche la volonta' del Sindaco di non applicare il PEG che avrebbe avuto come effetto una maggiore trasparenza di tutti gli atti dell' amministrazione;
-ricordato che l'ultimo Consiglio Comunale si e' espresso in seconda convocazione (a causa delle assenze nei consiglieri di maggioranza) su punti importanti come il Bilancio, l' Imu e il Piano D'Ambito senza una maggioranza qualificata;
-ricordato che la Giunta, oggi composta da soli tre membri, si e' espressa su questioni fondanti dell'azione amministrativa riunendo solo due membri (Sindaco e assessore esterno nominato dal Sindaco);
-ricordato che il consigliere Tilli e' uscito due giorni fa dal Gruppo di maggioranza;
ci aspettavamo (come logica conseguenza) pertanto le irrevocabili dimissioni del Sindaco.
Preso atto che il Comune deve affrontare nodi fondamentali per il proprio futuro amministrativo e che determinate scelte non possono essere il frutto di decisioni di un singolo e comunque con una così bassa rappresentativita' (oggi neanche un quinto dei votanti).
Considerato che il Consiglio comunale non puo' ulteriormente assistere passivo, solo per tutelare egoisticamente la propria sopravvivenza, ad un così grave degrado, senza farsi complice di una inaccettabile inerzia delle Istituzioni; a tutto danno della comunità e dei cittadini, che in noi hanno riposto le proprie naturali esigenze ed aspettative,
i sottoscritti Consiglieri comunali
CHIEDONO
la convocazione del Consiglio Comunale per discutere e approvare la Mozione di sfiducia al Sindaco Pierluigi Peparello.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità