politica

La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato emergenza

giovedì 15 novembre 2012
La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato emergenza

La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ha formalizzato la richiesta al Governo di riconoscimento dello "stato di emergenza" per i territori regionali maggiormente colpiti dagli eventi alluvionali.

In una lettera inviata al presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Monti, la presidente Marini scrive che "le consistenti e copiosissime precipitazioni verificatesi nei giorni 11, 12 e 13 novembre 2012 in gran parte dell'Umbria e le conseguenti frane ed esondazioni di fiumi e corsi d'acqua, hanno duramente colpito le infrastrutture viarie, pregiudicandone la viabilità, gli edifici privati, con una parte dei cittadini fuori dalle proprie abitazioni, nonché numerose attività produttive, commerciali, artigianali, industriali e agricole, oltre a compromettere gravemente l'efficienza del reticolo idrografico e delle connesse opere idrauliche". Un riconoscimento dello "stato di emergenza" che si rende necessario per il fatto che, scrive la presidente, "non sussiste la possibilità di superare l'emergenza mediante mezzi e poteri ordinari".

"Ritengo positivo - afferma la presidente della Regione - che la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati abbia già approvato un emendamento che stanzia delle prime risorse destinate ai territori colpiti dalle alluvioni, per far fronte alla gestione dell'emergenza. Seguo inoltre con particolare attenzione le dichiarazioni del sottosegretario ai rapporti con il Parlamento, Giampaolo D'Andrea, sia in merito alla necessità di un provvedimento legislativo specifico, consapevoli che non si può intervenire in una situazione così rilevante di danni al complesso delle infrastrutture pubbliche, a tutte le attività produttive, con strumenti di tipo ordinario".

"Voglio altresì ribadire - sostiene la presidente - che occorre comunque un quadro normativo e finanziario di livello nazionale in grado di garantire tre ambiti di intervento: quello relativo alle imprese agricole interessate dagli eventi alluvionali in un territorio molto esteso che riguarda il territorio regionale da nord a sud; il settore delle attività economiche e produttive sia industriali che artigianali e l'ambito istituzionale per ciò che riguarda i danni ai beni e strutture pubbliche".

In questo senso, "auspico che Governo e Parlamento traducano in provvedimenti legislativi quanto annunciato dal sottosegretario D'Andrea, e che le competenze per la gestione degli interventi in una fase molto complessa vengano messe in capo alle Regioni".

"Auspico che Governo e Parlamento, nel definire una specifica norma di legge - afferma la presidente Marini - non si limitino al pur indispensabile intervento finanziario, ma consentano anche l'accelerazione per la realizzazione di quelle opere a difesa dei centri abitati a rischio e di tutela del sistema idraulico e idrogeologico del territorio, anche attraverso una semplificazione normativa. Così come accanto alla certezza delle risorse finanziarie, sarebbe importante che tali risorse vengano svincolate dal Patto di stabilità. Occorre, inoltre - conclude la presidente della Regione Umbria -, che i provvedimenti statali garantiscano la possibilità di adeguati interventi sul versante del sistema economico nel suo complesso, fortemente danneggiato, al fine di consentirne una rapida ripresa".

Commenta su Facebook

Accadeva il 13 dicembre

Ludovico Cherubini strepitoso a Spoleto, fa suo l'Open Regionale Assoluto di Spada Maschile

Mostra collettiva d'arte per gli studenti del Gordon College

A grande richiesta al Mancinelli torna per il sesto anno "Canto di Natale"

All'Unitus si parla di "Evoluzione delle tecnologie in ambito digitale" e "Project Management"

Promozione della lettura, sì della Regione allo schema di protocollo d'intesa con l'Associazione italiana biblioteche

"Disagio e pregiudizio minorile", convegno in sala consiliare su bullismo e violenza

Un aquilone, forse

Di fiori

Il colonnello Maurizio Napoletano alla guida del Comando militare dell'Esercito Umbria

Concerto Baratto per la Caritas. Maurizio Mastrini al Teatro degli Avvaloranti

Un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione di Pornello per motivi di sicurezza

Consumo di alcolici, i dati dell'indagine "Passi" nel territorio

In sala consiliare c'è il convegno su minori stranieri non accompagnati

All'Auditorium Comunale va in scena "Il Presidente, una tragica farsa"

Ussi Umbria si conferma campione d'Italia. Finale dedicata a Dante Ciliani e ai terremotati

"Natale in Musica", tutti i concerti della Scuola Comunale di Musica "Adriano Casasole"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta il Comune di Orvieto nel consiglio direttivo di Felcos Umbria

Via le auto da Piazza della Pace, c'è la pulizia straordinaria

"Venite Adoremus". Concerto in Duomo della Corale "Vox et Jubilum"

Giornata di Studio per la Polizia Locale, tanti gli argomenti affrontati

Sei incontri per "Stare bene a scuola e a casa". Via al corso promosso da Iisacp, Orviet'Ama e Sert

Milano, troppo Milano o forse no

Elegia per una morte cattiva

Percorrevo con te una assolata

"Lazio in gioco", l'Istituto "Leonardo da Vinci" per il contrasto alla dipendenza da gioco d'azzardo

"Natale sicuro", la polizia intensifica il controllo del territorio