politica

Ricordato in Consiglio Rutilio Robusti, primo presidente della Provincia dopo il fascismo

giovedì 12 luglio 2012

Il Consiglio provinciale di Terni ha ricordato giovedì 12 luglio la figura di Rutilio Robusti nell'anniversario del sessantesimo anno del primo presidente della Provincia dopo il fascismo. In aula erano presenti gli ex presidenti della Provincia, Nicola Molè, Alberto Provantini, Renato Costantini e Stefano Moretti.

Il presidente della Provincia Feliciano Polli (testo integrale intervento Polli http://cms.provincia.terni.it/on-line/Home/UfficioStampa/Comunicatistampa/articolo8977.html) ha salutato gli ex presidenti presenti in Consiglio ed ha ricordato l'importanza di Robusti.

"L'intitolazione della sala della giunta a Robusti non è casuale ma nasce dall'intento di rendere omaggio alla memoria di un uomo che fu amministratore in un momento cruciale della storia del nostro paese e, in particolare, della nostra provincia. La commemorazione di Robusti significa soprattutto andare alle radici del nostro impegno e della nostra storia, riscoprendo un patrimonio importante per il futuro. Un futuro che per la Provincia di Terni non può essere il prodotto di decisioni sconclusionate e squilibrate, giustificate dall'intento del risparmio. Con queste misure si rischia una riforma sballata, senza ottenere alcun risparmio, ma solo la cancellazione di strumenti istituzionali democraticamente eletti che nessuno dovrebbe mettere in discussione e di cui, nell'odierna ridefinizione dell'assetto istituzionale nazionale, non si dovrebbe fare a meno".

"Avremmo voluto ricordare la figura di Robusti in un clima diverso per le Province - ha detto il presidente del Consiglio Andrea Maurelli che ha rivolto un saluto anche agli ex presidenti di Provincia presenti in aula - con gli enti messi in condizione di guardare avanti e di partecipare attivamente alla tante sfide di questa crisi. La Provincia - ha aggiunto Maurelli - non è un vecchio carrozzone da abolire, né un ente in cui assessori e consiglieri si arricchiscono alle spalle dei cittadini. Non siamo insomma una casta. Siamo consapevoli che c'è bisogno di una riorganizzazione istituzionale ma senza spinte populiste e senza frenesie". Tutti gli ex presidenti, nel loro intervento, hanno sottolineato l'importanza della Provincia di Terni e le difficoltà che incontrerebbe un'Umbria con una sola Provincia.

Nicola Molè ha ricordato lo spirito iniziale con il quale nacque la Provincia di Terni ed ha affermato che "Robusti rappresentava perfettamente quello spirito. Oggi parlare di abolizione della Provincia significa indebolire l'impianto istituzionale del nostro paese e della nostra regione, senza tenere in considerazione l'importanza che questo ente ha per i cittadini e la storia che essa rappresenta per il territorio ternano". "Celebriamo Robusti e la Provincia, mentre il governo abolisce l'ente - ha fatto notare Alberto Provantini - con un decreto che elimina organi democratici rischiando di indebolire il livello di democrazia nel nostro paese". Renato Costantini ha auspicato chiarezza in tempi brevi sul futuro delle Province, ricordando che i livelli istituzionali regionali non possono fondarsi solo su un'unica Provincia e sulle unione dei Comuni". "I risparmi derivanti dal taglio delle Province - ha notato Stefano Moretti - non sono consistenti come si crede, se poi si guarda al taglio dei Consigli provinciali ci si aggira sui 50 milioni di euro. Due Province in Umbria sono il minimo necessario".

Zefferino Cerquaglia (Sl/Psi) ha ricordato la figura di Robusti "uomo - ha detto - che non amava mettersi in mostra e preferiva l'essere all'apparire. La serietà dei comportamenti, la conoscenza del contesto in cui si opera sono valori attualissimi anche oggi". Anche Cerquaglia sul taglio della Provincia ha espresso dissenso "per la sua importanza - ha spiegato come raccordo tra cittadino e istituzioni, come collante della comunità e come punto di riferimento per le politiche di area vasta". Lo stesso consigliere ha infine chiesto la ristampa del volume, edito dalla Provincia di Terni, dal titolo "70 anni di Provincia".

"Intitolare una sala della Provincia a Robusti - ha dichiarato Gabriella Tassi (Pd) è un momento di riflessione sulla storia, la memoria e la cultura del nostro territorio. La riforma delle Province deve farla la politica con l'obiettivo di rendere lo stato più efficiente e più democratico. Non si può pensare di togliere un livello elettivo in nome di un risparmio economico senza aver fatto quel minimo percorso che serve a ridisegnare l'architettura complessiva dello stato". Di importanza fondamentale dei territori di cerniera ha parlato Giorgio Santelli (Idv). "Bisognava valorizzarli quando era tempo perché così avremmo dato più strutturalità al territorio". Santelli ha poi sottolineato "l'importanza di una riforma complessiva dell'impalcatura istituzionale del paese. Rivedere solo le Province rischia di creare problemi economici e amministrativi e di innescare spinte centrifughe da parte di alcuni territorio umbri". "Si è perso troppo tempo e si sono fatti troppi errori - ha affermato Andrea Sacripanti (Pdl) - nel passato. La speranza è che si riesca finalmente ad invertire la rotta sia a livello locale che regionale e a dare finalmente vita ad una politica seria e scevra da particolarismi e interessi. Una politica che riesca a valorizzare i territori e a fra sì che il mantenimento della Provincia di Terni stia in contesto di crescita generale della nostra regione a favore dei cittadini e dell'intera comunità umbra e ternana".

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno