politica

Castel Giorgio. Riqualificazione degli immobili nel segno dell'efficienza energetica

giovedì 24 maggio 2012
Castel Giorgio. Riqualificazione degli immobili nel segno dell'efficienza energetica

Stanno procedendo con estrema rapidità i lavori di riqualificazione della copertura della tribuna dello stadio "Vince Lombardi" di Castel Giorgio. La struttura risalente ai primi anni ottanta presentava evidenti segni di usura causati dalla ruggine e dalle infiltrazioni di acqua che avevano pregiudicato la stabilità della lamiera.

Per questo motivo l'amministrazione comunale di Castel Giorgio ha inteso programmarne la riqualificazione partendo dalla trasformazione della copertura in un impianto per lo sfruttamento dell'energia solare, evitando di compromettere superfici a terra.

Mediante un accordo con un'azienda del settore è stato possibile dare il via al progetto di riqualificazione della copertura delle gradinate e all'installazione di un secondo impianto fotovoltaico sul tetto del complesso scolastico, senza che i costi degli interventi gravino sulle casse comunali. Il Comune ha infatti ceduto i diritti di superfice della copertura delle gradinate

(800 mq circa) per 25 anni all'impresa e quest'ultima, oltre all'intervento sullo stadio (copertura in lamiera e impianto fotovoltaico), realizzerà, a titolo compensativo, un secondo impianto fotovoltaico di 5 kwp sul tetto del complesso scolastico in via Dante Alighieri lasciando all'amministrazione l'utilizzo dell'energia prodotta e i ricavi che ne conseguono.

Lo stesso sindaco, PierLuigi Peparello, sostenuto dalla giunta e dai membri della maggioranza, ha evidenziato in sede di consiglio comunale come si tratta di un importante progetto che ha visto l'amministrazione capace di riqualificare la copertura dello stadio cittadino e allo stesso tempo puntare sulle energie rinnovabili preservando le superfici ed evitando che i pannelli vadano ad occupare porzioni di suolo. Non meno importante, in questa fase economicamente difficile, che l'amministrazione comunale sia stata in grado di avviare la realizzazione di questi progetti senza mettere mano al bilancio e quindi a costo zero per l'ente.

Commenta su Facebook