politica

Attentato di Brindisi e terremoto in Emilia: minuto di silenzio in Consiglio Comunale

martedì 22 maggio 2012
Attentato di Brindisi e terremoto in Emilia: minuto di silenzio in Consiglio Comunale

Per onorare la memoria della giovane vittima, Melissa Bassi, dell'attentato alla scuola Scuola Morvillo Falcone di Brindisi e per ricordare le vittime del terremoto in Emilia Romagna, il Consiglio Comunale che si è svolto lunedì 21 maggio ha aperto i propri lavori osservando un minuto di silenzio.

Inoltre - come riportato dall'Ufficio Stampa del Comune - il Consiglio ha approvato all'unanimità un ordine del giorno urgente sottoscritto da tutti i gruppi consiliari con il quale si esprime la ferma condanna della comunità orvietana contro questo episodio.

"Premesso che quanto accaduto, sia mafia, terrorismo o il gesto di un folle - è scritto nel documento - è un fatto gravissimo perché ha colpito dei giovani e per la prima volta una scuola, la Scuola Morvillo Falcone di Brindisi seminando morte e violenza, di fronte al fatto che oggi il Paese si trova a dover affrontare un altro sanguinoso fatto eversivo alla convivenza civile, si da atto che è importante contribuire a rinsaldare la coesione sociale. Gli articoli relativi alla tragedia che ha colpito alle 7,50 del 19 maggio u.s., parlano di una bomba esplosa fuori dal comprensorio scolastico e di una ragazza di 16 anni, Melissa Bassi, rimasta uccisa ed altre sue coetanee gravemente ferite. Poiché le persone, o la persona, artefice di tale gesto non è degno di essere considerato un essere umano, il Consiglio Comunale di Orvieto esprime l'indignazione più totale".

Il documento - come riferisce l'Ufficio Stampa del Comune - sarà trasmesso dal Sindaco di Orvieto e dal Presidente del Consiglio comunale al Presidente della Repubblica per testimoniare i sentimenti della più completa vicinanza.

Commenta su Facebook