politica

Il Consiglio Comunale approva le direttive per la cessione del Mattatoio. Respinto l'emendamento del centro-sinistra

domenica 23 ottobre 2011
Il Consiglio Comunale approva le direttive per la cessione del Mattatoio. Respinto l'emendamento del centro-sinistra

Il Consiglio Comunale ha approvato (12 favorevoli, 6 contrari, 1 astenuto: Gialletti) le direttive per la cessione dell'immobile di proprietà comunale sede del Mattatoio. Respinto (12 contrari, 7 favorevoli) l'emendamento presentato dai consiglieri Gialletti, Stopponi e Germani che proponeva di inserire nella delibera la garanzia del mantenimento dell'attuale forza lavoro presente.

Nei giorni scorsi la Giunta aveva approvato le linee di indirizzo per procedere ad una nuova asta per la cessione dell'immobile di proprietà dell'Ente situato in via dei Tessitori a Bardano e della relativa area di pertinenza (inclusi impianti ed attrezzature in esso contenuti) dopo che non sono andati a buon fine i tre tentativi di alienazione dell'edificio, la cui vendita era stata deliberata dal Consiglio comunale nell'ottobre 2009 (l'immobile era andato all'asta inizialmente nel giugno 2010 al prezzo di euro 2.700.000,00 e, successivamente, ad un prezzo ribassato di euro 2.430.000,00 e ancora al prezzo di euro 2.187.000,00).

Se la Giunta ha stabilito di procedere ad una nuova asta che adegui le esigenze finanziarie dell'Ente con il mantenimento dell'attività di mattazione sul territorio comunale e dello sviluppo occupazionale a livello locale, secondo il criterio di aggiudicazione dell'offerta economicamente più vantaggiosa e più idonea a garantire la realizzazione delle suddette finalità, il Consiglio Comunale ha fissato invece i seguenti criteri dell'offerta economicamente più vantaggiosa per l'aggiudicazione dell'asta pubblica da ripartire su una base di punti 100, individuando il nuovo prezzo base per l'asta:

a) Piano industriale (sintetica descrizione del piano industriale che si intende realizzare con indicazione degli investimenti sulla struttura finalizzati ad accrescerne la potenzialità produttiva): punti 25/100.
b) Sviluppo occupazionale (indicazione del numero degli occupati, residenti nei Comuni compresi nell'ambito orvietano, che si intendono occupare entro max 5 anni dalla stipula dell'atto di compravendita): punti 25/100:
c) Impegno al mantenimento della destinazione a mattatoio comunale (per un numero di anni maggiore al minimo di anni 10): punti 10/100;
d) Prezzo a base d'asta: punti 40/100
con previsione di un vincolo di destinazione dell'immobile a mattatoio comunale per almeno 10 anni dalla stipula dell'atto di compravendita;

Inoltre, al fine di rendere l'asta più appetibile sul mercato, stante l'esito delle precedenti aste e, in generale, alla situazione del mercato immobiliare sia nazionale che locale, viene consentita una rateizzazione del prezzo di compravendita, in tre tranches così ripartite:
- 1/3 del prezzo alla stipula dell'atto di compravendita;
- 1/3 del prezzo entro il 2012;
- 1/3 del prezzo entro il 2013;

Sarà a carico dell'aggiudicatario l'onere delle spese necessarie al potenziamento dell'impianto di pre-trattamento dei reflui del mattatoio quantificate dal Dirigente del Settore Tecnico e Manutenzione nella misura di euro 216.960,00 (iva inclusa). Il Settore Affari Generali del Comune predisporrà ora il nuovo bando d'asta. Il Consiglio Comunale ha disposto sin d'ora, che, in caso di mancata aggiudicazione dell'asta, si proceda con aste successive che pongano a base di gara prezzi progressivamente ribassati.

Illustrando l'atto, il Sindaco Antonio Concina ha sottolineato: "abbiamo seguito un nuovo metodo. L'obiettivo è quello di trovare imprenditori interessati C'è una nuova relazione di stima. Si è privilegiato il piano industriale e lo sviluppo occupazionale dell'immobile, con l'impegno al mantenimento della destinazione del mattatoio. Nei mesi scorsi sono stati affrontati problemi seri con Asl che siamo riusciti a superare velocizzando le soluzioni".

 

il dibattito integrale e le dichiarazioni di voto dei Consiglieri può essere consultato sul sito del Comune www.comune.orvieto.tr.it

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 gennaio