politica

Non scherziamo! Il PD Orvieto risponde al consigliere Pizzo, "istruttore e controllore del proprio operato"

martedì 13 settembre 2011

"Fa piacere constatare che anche per la destra cittadina la manovra economica del governo Berlusconi (di destra) è "scellerata". E' quanto si legge in un comunciato stampa del Partito Democratico di Orvieto, rilanciato in risposta delle ultime dichiarazioni di Piergiorgio Pizzo, UdC.

"Su questo, almeno, siamo perfettamente d'accordo con il consigliere Pizzo - continua il PD. Molto meno sul modo in cui il governo Concina (di cui Pizzo è autorevole sostenitore e anche esponente per quanto riguarda il Bilancio) fa ricadere le "scelleratezze" sulle spalle dei cittadini orvietani.

Perché caratterizzato dalla stessa grave miopia del governo nazionale: tagli orizzontali che porteranno allo sfascio del vivere in comunità, e colpiscono soprattutto quella parte della società che è garante del futuro: le famiglie con i figli. Per noi del PD la scuola è il punto di partenza per la rinascita del Paese; nel nostro ambito cittadino, è il cemento della convivenza e l'unico terreno dal quale far partire un futuro dignitoso. Di pari opportunità per tutti. Cosa che l'amministrazione di sinistra era riuscita a garantire a cifre invariate fino al 2009. Potevamo restare zitti di fronte al progressivo smantellamento di quel tessuto che deve tenere uniti i diritti di tutti e le possibilità economiche anche delle famiglie meno agiate? Non scherziamo!

Che le nuove tariffe che riguardano la scuola (mensa, scuolabus, iscrizioni) siano percepite non solo come ingiuste ma anche e soprattutto come insostenibili da molte famiglie, lo dimostrano i comitati spontanei, traversali, dei genitori che si sono creati fin dal primo giorno di scuola. Il PD comprende e condivide la protesta, ma non la "aizza" e non la "fomenta". Abbiamo, davvero, rispetto della società civile, e chi dei nostri esponenti politici partecipa alla protesta, lo fa in quanto genitore e cittadino, preoccupato come gli altri per la sorte della propria famiglia.

Le sue azioni politiche, - continua la nota stampa, - il PD le fa alla luce del sole, con il simbolo del partito, e per fornire dati e informazione. Che, così crediamo, aiutano a capire meglio. E, anche, a fare i conti del bilancio familiare in vista dei tempi duri che ci aspettano.

E' per la stessa necessità di informare che mesi fa abbiamo pubblicato i costi dei consiglieri comunali. L'annosa questione dei consiglieri delegati agli affari della città è presto tradotta in cifre. E, contrariamente a quanto affermato dal consigliere Pizzo, soltanto per i dipendenti delle ASL e dei Ministeri il Comune è esentato dal rimborso delle ore prestate "al servizio della cittadinanza"che per il nostro consiglio significano tre persone. Nessuno mette in dubbio l'obbligo, previsto dalla legge, dei rimborsi da parte del Comune ai datori di lavoro per le assenze dei dipendenti per motivi di incarichi pubblici. E' altrettanto indubbio che ciò rappresenta un costo per il Comune.

Ecco i costi dei consiglieri, confrontando le annualità 2009 (senza consigliere "delegato") e 2010 (con consigliere "delegato"). Vista la cifra pressoché invariata dei gettoni di presenza (il che significa praticamente lo stesso carico di lavoro consiliare), l'aumento esponenziale dei rimborsi agli enti illustra bene l'affidamento tout court ai consiglieri di maggioranza del lavoro del governo della città.
                                                                   
TOTALE anno 2010 con consigliere delegato:         Spese gettoni di presenza €.10.146,24;   Spese rimborso Enti:                       €.24.816,88

TOTALE anno 2009 senza consigliere delegato        €. 9.222.32;                        €.  3.584,53

Esiste, però, anche un altro dispositivo legislativo, e cioè: nei Comuni con più di 15.000 abitanti, i ruoli degli assessori e dei consiglieri devono essere separati. L'uno amministra, l'altro controlla. Gli assessori non hanno diritto di voto nelle sedute del Consiglio. Nel caso dei nostri consiglieri delegati, il conflitto è lampante: istruiscono le pratiche a loro "delegate", le esplicitano e le difendono nelle commissioni, e poi le votano anche. Sono dei consiglieri controllori del proprio operato."

Pubblicato da Marco il 13 settembre 2011 alle ore 21:55
Ma solo questa musica sui consiglieri delegati conoscete? abbiamoo capito che Pizzo vi infastidisce ma ora basta. Diteci qualcosa che ci migliori le nostre vite, diteci come avreste sistemato il bilancio, diteci come avreste evitato l'aumento delle mense. Siete davvero senza argomenti.
Pubblicato da genitore il 13 settembre 2011 alle ore 21:58
'chi dei nostri esponenti politici partecipa alla protesta, lo fa in quanto genitore e cittadino'.
Ma a chi volete darla a bere?
Pubblicato da cittadino il 14 settembre 2011 alle ore 09:42
X MARCO
Non dobbiamo dire come avremmo evitato l'aumento delle rette delle mense, noi non le abbiamo mai aumentate e vorrei ricordare che il contratto in essere con la CAMST era sempre lo stesso che per inciso, per chi non lo sapesse, ha presentato l'offerta più vantaggiosa tra tutte quelle pervenute. In quanto al consigliere delegato Pizzo, l'insistenza dipende dal fatto che oltre ad una questione di legittimità, esiste pure una questione economica. Forse con i soldini risparmiati con i consiglieri delegati si poteva evitare qualche piccolo aumento.
Pubblicato da LO PUNGERONE il 14 settembre 2011 alle ore 13:26
Per Marco: Non credo che le cose che non vanno siano solo quelle del consigliere delegato, qui si sta parlando di aumento delle rette per i servizi scolastici. Lei chiede come si sarebbe potuto evitare l'aumento delle mense. Io non sono un matematico ma i "conti della serva" penso di saperli fare. Se sono esatte le cifre indicate dal PD sembrerebbe che le spese per rimborso ai datori di lavoro siano passati da 3.585,33 euro a 24.816,88 euro. Ora se noi sottraiamo alle 24.816,88 euro di spese del 2010 le 3.585,33 del 2009 avremo la differenza di euro 21.230,67. Se dividiamo questa cifra pe 2, che corrisponde all'aumento di 2 euro a pasto, avremo il risultato di 10.615,335. Questa cifra corrisponde al numero di pasti in totale che potevano non essere aumentati. Se questa cifra la dividiamo per 9. che sono i mesi corrispondenti all'anno scolastico (senza tener conto delle domeniche, delle altre feste e delle vacanze di Natale e di Pasqua) avremmo la cifra di 1.179,48 pasti che potevano non subire aumenti. Alla fine di questo conticino mi domando se non è retorico affermare che questa giunta è più virtuosa di quelle precedenti? Non è giusto supporre che si fa solo demagogia. Non sarebbe stato meglio che il consigliere-delegato Pizzo si fosse dimesso da consigliere e fosse stato nominato assessore al bilancio con l'appannaggio che gli spettava? Comunque è sentimento ormai diffuso che questa giunta non sa che pesci pigliare ed è capace solo di fare macelleria sociale. Tutti a casa e subito.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 novembre

Iniziativa del comitato AdessoOrvieto per Matteo Renzi con il sindaco di Fabro Maurizio Terzino

A Villa Faina di San Venanzo la mostra "La protesta nuda" del pittore Massimo Musicanti

Le donne uccise in Italia nel 2012

Le iniziative parlamentari

Allo Scalo niente luminarie natalizie ma aiuti concreti agli alluvionati

Presso il Palazzo di Maria Bambina incontro su "Iniziazione cristiana di stile catecumenale"

Pane, Olio e Fantasia. Il programma

Al ridotto del Mancinelli grande emozione per la prima del progetto nazionale "Nati per la Musica"

Dal SII oltre 800mila euro di investimento per l'emergenza. Depuratori e impianti di distribuzione: "nessun problema di potabilità"

Dissesto idrogeologico, riunione Regioni-Ministro Ambiente. L'assessore Rometti: "Bene l'impegno del Ministro"

Avviata in Comune la raccolta di firme a sostegno dell'iniziativa referendaria sulle indennità spettanti ai parlamentari

Assistenza e consulenza sulle auto alluvionate

Iniziativa di solidarietà privata

Agevolazioni per acquisti di ferramenta ed utensileria

Il MaxiGiuli riapre sabato 24 novembre

La ORA di Fausto Paradiso operativa con le revisioni, officina in riapertura

La COAR della famiglia Anselmi ha riaperto ed è operativa

Assistenza gratuita sui pc alluvionati

La Autoforniture della famiglia Sborra operativa con servizio consegna ricambi

Danni per oltre 220 milioni di euro dalle alluvioni. La presidente Marini in Commissione Ambiente alla Camera

Alluvione. Come potremmo limitare i danni?

Olio consapevole con l'Associazione L'Albero di Antonia

Fine settimana dedicato all'olio. A Ficulle c'è "OlioDiVino"

Meteo

martedì 21 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 11.7ºC 79% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 95% buona direzione vento
mercoledì 22 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.4ºC 92% buona direzione vento
15:00 12.4ºC 85% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 97% buona direzione vento
giovedì 23 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.1ºC 91% buona direzione vento
15:00 14.2ºC 74% buona direzione vento
21:00 9.6ºC 98% buona direzione vento
venerdì 24 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 12.1ºC 90% buona direzione vento
15:00 15.0ºC 77% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 98% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni