politica

"Dove stiamo andando": Piergiorgio Pizzo (UDC) risponde al PD Orvieto su mense e rimborsi per incarichi pubblici

martedì 13 settembre 2011
"Dove stiamo andando": Piergiorgio Pizzo (UDC) risponde al PD Orvieto su mense e rimborsi per incarichi pubblici

Il capogruppo UDC al Comue di Orvieto, Piergiorgio Pizzo, nonché consigliere delegato al bilancio, risponde alla monoranza PD sulle contestazioni per il rincaro delle mense e dei rimborsi dovuti alle aziende per gli incarichi pubblici. Di seguito la nota stampa trasmessa:

"La manovre economica che nei prossimi giorni verrà licenziata dalla maggioranza in parlamento porterà un ulteriore taglio agli enti locali, e di conseguenza anche al Comune di Orvieto, che si andrà a sommare ai 620.000 euro già tagliati all'inizio di questo anno.

Ricordo che l'importo del taglio di cui sopra corrisponde all'aumento di oltre il 20% del costo totale della raccolta dei rifiuti.

In questi giorni importanti amministratori locali, trasversalmente, hanno sottolineato come questa manovra, una volta approvata, dovrà essere ridiscussa perché tagli ulteriori agli enti locali porteranno come conseguenza più immediata lo smantellamento dello stato sociale; un esempio, Roma, probabilmente, dovrà tagliare massicciamente il trasporto pubblico.

I cittadini orvietani stanno già, anche quest'anno, facendo i salti mortali per far fronte alle nuove "tasse" necessarie per raggiungere il pareggio di bilancio del Comune; con il nuovo taglio per il 2012, imposto da questa scellerata manovra di fine agosto, probabilmente, si arriverà alla soppressione di tutti i servizi non coperti dalla contribuzione individuale. Se la manovra non troverà modifiche, il prossimo anno, il Comune di Orvieto dovrà sopprimere tutti quei servizi che non trovano copertura per intero dalla partecipazione alla spesa dei cittadini: dal servizio scuolabus al trasporto dei dializzati, dall'asilo nido al trasporto locale, alle mense scolastiche.

In questi giorni le forze politiche di minoranza di Orvieto stanno cavalcando l'aumento del costo del buono mensa necessario per coprire i costi del servizio dimenticando che il prezzo di questa prestazione è frutto di un bando con affidamento pluriennale stipulato dalle amministrazioni, che hanno preceduto la giunta Concina, e la soc. CAMST; dimenticando che il costo del pasto è stato stabilito in quel contratto con l'inserimento, anche, di una "meravigliosa" clausola capestro per il Comune che prevede, qualora non venga erogato nessun pasto, il pagamento, a carico della comunità orvietana, comunque, di alcune centinaia di migliaia di euro ( e questo gli amici dell'opposizione si scordano di dirlo quando ciclostilano i volantini dei loro tariffari) ma non finisce qui, alla società affidataria il Comune fornisce gratuitamente i locali cucina (per i quali il comune paga un affitto di 360.000 euro anno), le utenze e la esonera dal pagamento della TARSU ( e anche questo sempre gli amici dell'opposizione non lo sbandierano). Con gli aumenti di quest'qnno, il costo del servizio graverà ancora sulla fiscalità generale poiché è coperto solo di poco sopra il 60%, ed è pertanto evidente come negli anni passati, per scelta politica, le precedenti amministrazioni, tenendo il costo agli utenti relativamente basso, rimettevano, e, come sempre, le perdite erano a carico degli orvietani solo che l'aumento del costo del buono mensa era indiretto poichè veniva furbescamente mascherato nelle previsioni sottostimate che si chiudevano, come sempre, con la vendita degli immobili di proprietà della cittadinanza di Orvieto.
La convenzione mensa scadrà il prossimo anno e pertanto fino ad allora ce la dovremo cibare per forza così come è stata scritta da quei signori che oggi si ergono a paladini delle ingiustizie organizzando da un lato riunioni contro l'aumento del servizio mensa (che costa più di ciò che incassa) e dall'altro chiedendo di reintrodurre gli scaglioni di reddito per permettere a molti di usufruire degli sconti sul buono mensa (incassando, così, meno di quanto costa) scaricando, come sempre, su non si sa chi i costi di questa scellerata politica populista e miope (nelle precedenti amministrazioni esisteva uno scaglione dove il costo del buono mensa era pari a zero e solo con l'avvento dell'attuale maggioranza si è introdotta, per tutti, una contribuzione minima al servizio).

Un'ultima nota sui consiglieri delegati: esiste una legge che prevede il rimborso, alle aziende, delle ore che i loro dipendenti, per incarichi pubblici, sono assenti dal lavoro. Le ore di un lavoratore dipendente per assentarsi dal lavoro sono stabilite per legge. Certo se i consiglieri delegati lavorassero in uno dei posti pubblici, appannaggio di quasi tutti i signori della politica di sinistra, non ci sarebbe la richiesta di rimborso poiché per convenzione: le Ferrovie di Stato, le ASL, le Poste, l'ltalgas, il Ministero della Difesa non richiedono i rimborsi delle ore di cui questi signori usufruiscono per fare, poi, questo tipo di politica. E allora, visto che i consiglieri delegati passano le loro ore in Comune, come asserito in un comunicato del PD, perchè questi signori di sinistra non passano le ore di cui usufruiscono, pagate comunque dalla comunità perché dipendenti pubblici, dedicando il loro tempo a far funzionare meglio le "macchine burocratiche" di cui fanno parte? perché non chiedono ai cittadini come percepiscono i servizi resi dalle istituzioni pubbliche in cui questi signori lavorano? uno fra tutti, il servizio che Ferrovie dello Stato sta fornendo ai nostri concittadini pendolari".

Pubblicato da cittadino il 13 settembre 2011 alle ore 08:39

Ma il consigliere delegato!!!!!!!!!!! conosce la parola SOCIALE? il consigliere delegato Pizzo quando cita la manovra del governo dimentica di dire, che appartengono alla stessa parte politica che lui appoggia in Consiglio Comunale. Dimentica anche di dire, quando parla del contratto CAMST, che il contratto è lo stesso degli altri anni e che Concina, oltre alla mensa ha provveduto ad aumentare TARSU, parcheggi e chi più ne ha piu metta, penso che qualcosa vorrà significare. Sulle alienazioni infine, faceva proprio meglio a non citarle, vista l'intenzione di provvedere alla vendita di quanto piu possibile di questa Giunta ( manifestata con innumerevoli bandi)e la frustrazione di non portarne a termine nemmeno uno ( forse saranno incapaci?).

Pubblicato da Vieteno il 13 settembre 2011 alle ore 10:01
Affitto gratis? Che aspetta il Consigliere delegato a rivolgersi presso gli organi di controllo? Altrimenti rischia la omissione ...
Pubblicato da il 13 settembre 2011 alle ore 11:07
360.000 di affitto l'anno per i locali cucina della mensa scolastica??

Copio ed incollo dall'intervento del capogruppo UDC Sig. Piergiorgio Pizzo
...ma non finisce qui, alla società affidataria il Comune fornisce gratuitamente i locali cucina (per i quali il comune paga un affitto di 360.000 euro anno), le utenze e la esonera dal pagamento della TARSU...."
C'è un errore? Ho capito bene!!??
Oppure qualcuno mi spieghi tal costo per l'affitto annuale dei locali cucina per una mensa scolastica.

Cittadino
Pubblicato da genitore arrabbiato il 13 settembre 2011 alle ore 12:00

Partendo dal presupposto che non ho votato questa amministrazione e che reputo gli aumenti dei servizi assurdi volevo congraturarmi con Pizzo per le spiegazioni date riguardo le mense scolastiche; vorrei fare però una domanda: dato che la convenzione è stata stipulata dalla prededente amministrazione, si può sapere chi era all'epoca della stipula l'assessore competente? il dirigente che all'epoca firmò la convenzione oggi è ancora dirigente?

Pubblicato da citizen il 13 settembre 2011 alle ore 12:44

Siamo al piu` classico tentativo di esenzione di responsabilita` da parte di amministratori che frustrati dalla mancanza di soluzioni e di idee danno le colpe ad altri. Quando questi signori si sono candidati al governo della citta` conoscevano la situazione ma hanno prospettato una importante nuova progettualita` che fatico anche ad immaginare e che in realta` si e` tradotta solo nell`introduzione di nuove gabelle. Pensare che il consigliere delegato rappresenta un partito che sbandiefa quozienti familiari e politiche per la famiglia. L'unico vero servizio che potrebbero fare alla comunita` sarebbe quello di prendere atto del loro fallimento poiché questa non é la corrida e di dilettanti allo sbaraglio non ne abbiamo proprio bisogno.

Pubblicato da LO PUNGERONE il 13 settembre 2011 alle ore 13:39

Il comunicato del consigliere-assessore Pizzo è così intriso di demagogia che non varrebe la pena di commentarlo. Sembra di essere tornati alla politica che chi, come me, ha qualche anno sulle spalle si ricorda bene. La politica, tipica della democazia cristiana del dopo guerra che veniva diffusa, non essendoci ancora la televisione, dai Film Luce. Va tutto bene madama la marchesa. Questo era il motto, mentre migliaia di giovani ed anche meno giovani, specialmente dal sud Italia, emigravano al nord e verso paesi stranieri. Anche questo governo per lungo tempo ha "spiegato" su tutte le reti televisive e su tutti i giornali di proprietà diretta o indiretta del B. nazionale che tutto andava bene. Noi eravamo più bravi degli altri e non era necessario fare alcun passo per intervenire sulla crisi economica che già ci stava affossando. Improvvisamente si è scoperto che la crisi c'era anche da noi e che bisognava correre ai ripari e, bisogna dirlo, i nostri governanti si sono dati subito da fare (tanto è vero che per procedere speditamente e senza intoppi si è ricorsi al voto di fiducia). Solo che, per "raddrizzare" i conti se la sono presa con quelli che da sempre sono i tartassati e cioé i lavoratori dipendenti ed i pensionati. Le grandi rendite non si toccano. Quelli che invocano che a pagare debbano essere le grandi rendite finanziarie (di coloro, cioé che fanno i soldi comprando e vendendo denaro) sono degli sciocchi. Possibile che non si capisce (così ci viene spiegato) che se noi gli aumentiamo le tasse loro portano i soldi all'estero? E via di questo passo. E molto più facile e conveniente tartassare i soliti noti e smantellare lo stato sociale. Il consigliere-assessore Pizzo che governa questo comune insieme a coloro che appoggiano la politica di questo governo, porta a giustificazione dei rincari che deve sopportare chi ha figli in età scolastica la politica scellerata di questo governo. Ricordo al consigliere-assessore Pizzo che il segretario del suo partito ha detto che mai più farebbe parte di un governo a guida Berlusconi.Per coerenza alla sua appartenenza palitica io mi sarei dimesso. Ma il consigliere-assessore Pizzo non si limita a dare la colpa al governo. Sono le passate amministrazioni comunali a costringere l'attuale giunta a prendere queste misure e, poiché la demagogia è quella che prende il sopravvento, non si riesce a capire quali sarebbero queste colpe. Forse sarò un pochino rimbambito ma, ripeto, non riesco proprio a capirle queste colpe, specialmente per quanto riguarda l'argomento in discussione. Forse intende dire che il comune si indebitava per tenere basse le tariffe? Perché privilegiava le politiche di salvaguardia dello stato sociale? Sulla vendita degli immobili stendiamo un pietoso velo. A questo punto si impongono due domande. Secondo lei consigliere-assessore Pizzo chi dovrebbe amministrare un ente locale? Si dovrebbe fare discriminazione tra dipendenti pubblici e quelli privati? I pensionati ed i disoccupati non dovrebbero essere eletti? Ci spieghi il suo pensiero per farci capire il senso di quanto afferma nell'ultimo paragrafo del suo scritto. Intanto, poiché vi definite amministrazione trasparente, ci dica quanto avrebbe percepito se il comune le avesse versato il normale appannaggio che spetta ad un assessore e quanto invece il comune ha versato al suo datore di lavoro come rimborso per le ore di assenza che lei dedica al governo della città. Più volte ho formulato tale domanda e non è stata mai fornita una risposta. Non è a me che dovete dare spiegazioni ma alla cittadinanza intera. P.S. Anche gli esponenti di questo Governo, che stanno al potere ininterrottamente da ormai otto anni, danno la colpa all'opposizione delle cose che non vanno, tanto che Berlusconi oggi ha sentito il dovere di andarlo a spiegare a Strasburgo, piuttosto che presentarsi davanti ai Giudici.

Pubblicato da franco il 13 settembre 2011 alle ore 15:02
Consigliere Pizzo purtroppo sono infuriato per gli aumenti che subisco ma sono ancora più infuriato quando leggo che oltre a pagare il pasto alla società che fornisce ila mensa il comune CON I MIEI SOLDI gli da anche luce acqua e gas. Io la mia attività la mando avanti con i MIEI soldi. Non c'è nessuno che mi paga le utenze o mi solleva di qualche spesa. Tutto ciò che è stato fatto nel tempo è vergognoso e ne subiamo noi cittadini le conseguenze.
Pubblicato da F. B. il 13 settembre 2011 alle ore 15:09
Caro Pungerone lascia stare Berlusconi e rispondi: è vero o no che le utenze della camst le paga il comune? E' vero o no che la camst non paga l'affitto dei locali? La Camst paga la Tarsu che per me invece è aumentata del 30 %? Smentisci quello che Pizzo ha scritto perchè se è la verità mi chiedo con che coraggio ancora parlate voi ex amministratori.
Pubblicato da un altro cittadino il 13 settembre 2011 alle ore 15:41
30.000 al mese per la cucina! utenze (gas corrente e acqua?) gratis, tarsu gratis. rimborso a carico del comune.... posso spedire il curriculum alla camst? perchè presumo che i dipendenti guadagnino molto visto che i ricavi non coprono le spese!(quali?). ho sentito di una spesa elevata per la climatizzazione (temporanea) del mancinelli per una manifestazione musicale. se ciò fosse vero, era necessario? ho due bambini che pranzano a scuola. non è una spesa insostenibile per tutti 11 euro al giorno, forse anche per me ma non giustifica l'elevato costo del servizio. tralasciando il periodo di vacche magre, non si potrebbero razionalizzare le spese? questioni di priorità mi direbbe mia madre. in merito alla clausola capestro, converrebbe calare le quote in modo da incentivare l'adesione al servizio evitando la spesa a carico del comune. 2+2=4
Pubblicato da un'orvietana qualunque il 13 settembre 2011 alle ore 18:09
Il consigliere delegato Pizzo chiarisca per favore la questione dell'affitto dei locali cucina CAMST, visto che ci ha regalato questa piacevole notizia, pubblichi per favore il contratto, documenti quanto ci ha detto.
Se vuole che questa dichiarazione abbia un senso, ci faccia vedere nero su bianco quello che è successo.
Pubblicato da LO PUNGERONE il 13 settembre 2011 alle ore 18:36
Per F.B. Io non ho niente da smentire se non che non sono stato un ex amministratore. Berlusconi l'ha tirato in ballo Pizzo anche se non ha fatto il nome. La TARSU, le rette per le mense e per i pulmini, il costo dei parcheggi le ha aumentate questa giunta. Lei evidentemente non ha problemi per quanto riguarda le rette e le importa poco di coloro che hanno uno o due figli da mandare a scuola ed infatti parla solo della TARSU che , tra l'altro, ho pagato anch'io con un bel aumento. Avrà pure un garage dove sistemare la macchina o il costo di seicento euro l'anno per posto macchina non la spaventa. Possibile che non si riesca a capire che, pur essendo a richiesta individuale (non credo possa essere a richiesta collettiva) le mense scolastiche e lo scuolabus sono servizi sociali e le passate amministrazioni tale li hanno considerati. Io ho risposto. Aspettiamo con ansia e curiosità la risposta di Pizzo alle mie domande.
Pubblicato da Cristina Calcagni il 13 settembre 2011 alle ore 19:47
Ma di cosa stiamo parlando? E' mai possibile che ogni dichiarazione a carattere prevalentemente demagogico debba essere recepita in modo acritico? Esiste una convenzione con relativo capitolato di gara, un tomo per dirla tutta, nel quale sono spiegate le modalità di appalto del servizio, ovviamente sono inclusi i locali su cui questo servizio si doveva erogare. Inoltre e per completezza la CAMST, piaccia o no, è quella che si è aggiudicata la gara perchè ha fornito in modo dettagliato e a prezzi più vantaggiosi la risposta al bando. Esistono in Comune anche le altre risposte pervenute dalle ditte che hanno partecipato. Tale convenzione si esaurisce nel dicembre 2012.

Ciò detto il Comune NON PAGA 360.000,00 EURO SOLO PER LA CAMST, ma lo ha pagato fino a marzo, data di delibera di giunta con la quale, senza pezza di appoggio scritta al locatore ASL, lo ha disdetto, per l'utilizzo dell'intero immobile meglio denominato Ex Ospedale Santa Maria Stella, nella cui realtà erano/ sono presenti, in termini di diritto all'uso, i soggetti: CSCO, Ufficio Ambiente del Comune, Provincia di Terni, punto emergenza con autoambulanze del 118, e la CAMST.

Non è la prima volta che si torna su questo argomento, ci sono state altre occasioni in cui è stato spiegato. Il comune, in virtù di questa convenzione, è costretto, e si vede, a rispettare il contratto, pertanto ancora una volta sono gli orvietani, quelli che hanno necessità di questo servizio, a pagare il prezzo del livore con l'unico strumento che il comune ha in mano in questa vicenda: aumentare il prezzo del singolo pasto costringendo così le famiglie, in particolare chi ha due figli che usufruiscono del servizio mensa, a fare a meno del pasto prelevandoli per la mezz'ora di mensa con enormi sacrifici per chi lavora. Bell'aiuto alle famiglie e alle donne, complimenti a chi continua a parlare a nome di un partito che sovente proclama solo sul quoziente familiare. Ma mi facciano il piacere.



Pubblicato da MAMMA il 13 settembre 2011 alle ore 22:10
I 360.000 euro il comune li paga per l'ex ospedale dove sono ospitati la Provincia, la CAMST, il CSCO. (Gli uffici del comune sono stati sgomberati e sono ritornati al palazzo comunale). Il comune paga anche tutte le utenze dello stabile. Non esiste alcun contratto di affitto ma solo un protocollo d'intesa stipulato dalle precedenti amministrazioni.
L'amministrazione comunale non ha alcun livore da scaricare sui cittadini. Il livore signora Calcagni è solo il suo, che dimostra in ogni suo scritto;
Pubblicato da cittadino il 14 settembre 2011 alle ore 09:47

Complimenti alla Signora Calcagni, che oltre ad essere stata l'assessore più attivo della Giunta Concina ( mi sembra la Giunta delle mummie) è anche l'unica che contribuisce a fare un pò di chiarezza tra le tante chiacchiere da bar e le speculazioni politiche che vengono tentate dal solito furbacchione!!! di turno.

Pubblicato da Danilo Pelliccia il 14 settembre 2011 alle ore 11:42
Buongiorno,sono un genitore-operaio e non sono un politico.Sono stufo!!, ogni volta che mi si chiedono dei soldi, mi si dice sempre che la colpa è di chi c'era prima (io intanto pago).Le vecchie amministrazioni sicuramente avranno operato male,ma ciò non toglie che prima pagavo 3.50 euro ora ne pago 5.Le giunte Cimicchi e Mocio non ci sono più ora è Lei e l'amministrazione Concina che dovete darmi le risposte.NON CE LA FACCIO PIU'! 3 figli,il mutuo,la mensa,l'immondizia,l'accise sulla corrente elettrica,il parcheggio,più le varie tasse ed imposte.Mi dice lei dove trovo le risorse per far fronte a tutte queste spese?Inoltre, mi permetto di ricordarLe,che Lei fa parte dell'UDC, un partito che fa dell'aiuto alle famiglie la sua missione principale(alla faccia dell'aiuto).
con rispetto.Danilo PELLICCIA
Pubblicato da Cristina Calcagni il 14 settembre 2011 alle ore 19:24
Che mamma arrabbiata. E' stato sgomberato solo l'Ufficio Ambiente, gli altri sono ancora lì, è informata parzialmente.

E' un diritto all'uso, signora mamma e non un protocollo d'intesa. Quando avrà finito di leggere, se ne avrà la voglia, il capitolato di gara e la convenzione, ne riparliamo. Non si arrabbi, non dura tutto per sempre, il mondo gira, per fortuna. Come vede nessun livore il mio, anzi, al contrario, io ho molta pazienza.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 novembre

Iniziativa del comitato AdessoOrvieto per Matteo Renzi con il sindaco di Fabro Maurizio Terzino

A Villa Faina di San Venanzo la mostra "La protesta nuda" del pittore Massimo Musicanti

Le donne uccise in Italia nel 2012

Le iniziative parlamentari

Allo Scalo niente luminarie natalizie ma aiuti concreti agli alluvionati

Presso il Palazzo di Maria Bambina incontro su "Iniziazione cristiana di stile catecumenale"

Pane, Olio e Fantasia. Il programma

Al ridotto del Mancinelli grande emozione per la prima del progetto nazionale "Nati per la Musica"

Dal SII oltre 800mila euro di investimento per l'emergenza. Depuratori e impianti di distribuzione: "nessun problema di potabilità"

Dissesto idrogeologico, riunione Regioni-Ministro Ambiente. L'assessore Rometti: "Bene l'impegno del Ministro"

Avviata in Comune la raccolta di firme a sostegno dell'iniziativa referendaria sulle indennità spettanti ai parlamentari

Assistenza e consulenza sulle auto alluvionate

Iniziativa di solidarietà privata

Agevolazioni per acquisti di ferramenta ed utensileria

Il MaxiGiuli riapre sabato 24 novembre

La ORA di Fausto Paradiso operativa con le revisioni, officina in riapertura

La COAR della famiglia Anselmi ha riaperto ed è operativa

Assistenza gratuita sui pc alluvionati

La Autoforniture della famiglia Sborra operativa con servizio consegna ricambi

Danni per oltre 220 milioni di euro dalle alluvioni. La presidente Marini in Commissione Ambiente alla Camera

Alluvione. Come potremmo limitare i danni?

Olio consapevole con l'Associazione L'Albero di Antonia

Fine settimana dedicato all'olio. A Ficulle c'è "OlioDiVino"

Meteo

martedì 21 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 11.7ºC 79% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 95% buona direzione vento
mercoledì 22 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.4ºC 92% buona direzione vento
15:00 12.4ºC 85% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 97% buona direzione vento
giovedì 23 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 11.1ºC 91% buona direzione vento
15:00 14.2ºC 74% buona direzione vento
21:00 9.6ºC 98% buona direzione vento
venerdì 24 novembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 12.1ºC 90% buona direzione vento
15:00 15.0ºC 77% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 98% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni