politica

Costruire la fiducia nel futuro, lavorare per rilanciare lo sviluppo e la qualità della vita a Orvieto

martedì 7 dicembre 2010
di Giuseppe Germani - PD Orvieto

Il documento presentato ieri sera, al Coordinamento Comunale del Pd di Orvieto, da Giuseppe Germani e sottoscritto da vari componenti del coordinamento, aveva la funzione di contribuire a delineare la linea politica sulla quale gli organismi del Pd dovranno basare e svolgere il loro lavoro. Alla fine del dibattito, lo stesso documento è stato assunto dal Segretario Mariani come elemento fondamentale sul quale condurre la propria azione.

Il testo del documento di Germani:

"Il lavoro che Bersani ed il Pd stanno facendo indica ciò che possiamo diventare: il grande partito riformista che i cittadini italiani vogliono ma ancora non hanno, la forza capace di unire il paese e il suo territorio e di portarlo nel XXI secolo, energia civile per arricchire la nostra democrazia, il fermento di una nuova cittadinanza.
A livello nazionale e cittadino, oggi, ci troviamo in una situazione molto difficile sia dal punto di vista amministrativo che di indirizzo politico. La società attuale, e con essa quella orvietana, è caratterizzata da un immobilismo disarmante, da una totale incapacità ad affrontare i problemi reali della società e da una dannosa mentalità distruttiva concentrata soltanto a disconoscere l'operato dei precedenti governi. La precarietà estremizzata, la disoccupazione e l'inoccupazione, il buio attraverso il quale i giovani intraprendono il loro percorso di studi e la totale mancanza di assistenza da parte delle Istituzioni descrivono il nostro Paese e le nostre città che, dati alla mano, scendono mese dopo mese nelle graduatorie europee. La qualità della vita, fiore all'occhiello dell'Italia di fine novecento, oggi risente pesantemente delle scelte politiche ed economiche della classe dirigente: stato sociale maltrattato, sanità ed istruzione in degrado, politiche ambientali inesistenti, crisi della vita urbana, privatizzazione del volontariato; la coesione sociale che ha tenuto unita la società italiana è a rischio. Il Partito Democratico deve farsi avanti e accollarsi la responsabilità della ricostruzione, deve comunicare ai cittadini che è finalmente un partito maturo e capace di guidare il pese e questa città verso giorni migliori.

La nostra città sta diventando la periferia di se stessa.
Il ruolo naturale di punto baricentrico dell'Italia centro-occidentale va via via indebolendosi a favore di un allontanamento sempre più marcato dalle dinamiche economiche, politiche e socio-culturali di questo territorio, ricco di identità, storia e occasioni da saper cogliere per far fronte alle nuove sfide federaliste e commerciali. Emerge sempre di più un aggregato conservatore e passivo, caratterizzato da rendite e privilegi che, inseguendo continue mediazioni al ribasso, di fatto, si oppone a ogni cambiamento in campo economico, sociale, civile e persino religioso.


Queste forze si sono sviluppate anche grazie alla mancanza di obiettivi e modelli di sviluppo che la politica non è stata in grado di indicare e ad una gestione amministrativa incapace di invertire la rotta che ha portato verso la crisi dell'intero sistema. L'impianto economico basato sullo sviluppo sproporzionato dell'edilizia privata e delle attività estrattive, che ha caratterizzato il nostro territorio, ha favorito il formarsi di veri e propri monopoli in settori decisivi come quello viti-vinicolo, la progressiva deresponsabilizzazione delle banche per le sorti dell'economia locale e la svendita di tutti gli asset forti della città a partire dalla discarica.

Con questa eredità e su questa realtà siamo chiamati a rimetterci al lavoro, capaci della necessaria autocritica ma al tempo stesso coscienti di rappresentare una parte decisiva della società orvietana.

La parola d'ordine è AUTONOMIA.
Autonomia dal sistema politico istituzionale nazionale e regionale.
Autonomia dai condizionamenti delle forze economiche e dei "poteri forti".
Ciò non significa solitudine ma, anzi, ricerca di nuova credibilità, autorevolezza e capacità di progettazione, di proposta e di innovazione attraverso le quali promuovere un'azione dal basso che inverta i processi decisionali di natura centralistica e ci permetta di tornare a confrontarci, con forza e dignità, in ambito provinciale, regionale e nazionale.
Il fallimento dell'attuale Giunta non è soltanto amministrativo, sancito dalle difficoltà a chiudere il bilancio 2010, ma soprattutto politico - istituzionale.
Le evidenti perplessità con cui abbiamo giudicato il tentativo del governo cittadino di chiudere il bilancio di quest'anno, viste le premesse quantomeno azzardate con le quali si è arrivati ad oggi (parcheggi, mattatoio, ex Piave ...), ci spingono ad affermare che è giunto il momento di cambiare rotta, attraverso le dimissioni di questa amministrazione, per dare ad orvieto una guida rinnovata ed adeguata.

Per aprire un nuovo corso ci vuole un partito democratico diverso da quello che abbiamo conosciuto negli ultimi anni, pieno di ambiguità e doppiezze.
Nel congresso che si è svolto recentemente abbiamo approvato una proposta basata su tre principi guida:
- Unità
- Responsabilità
- Condivisione
Partendo da queste basi si può ricostruire la ricandidatura del partito democratico alla guida della città.
Per rendere credibile quest'obbiettivo abbiamo detto di lavorare in tre direzioni:

1) Costruire un partito aperto alle forze migliori della città.
2) Costruire una piattaforma politico programmatica capace di risanare i conti e creare nuove occasioni di sviluppo.
3) Ricostruire un rapporto serio e costruttivo con la parte sana e produttiva della città e con le forze politiche del nuovo Ulivo.
Per questo riteniamo non più rinviabile l'apertura del Partito Democratico alle migliori qualità umane ed intellettuali che questa città esprime. Di pari passo proponiamo una conferenza programmatica, da tenersi entro il mese di gennaio, preparata con un confronto nei nostri circoli, con le altre forze del centro sinistra e con le forze economiche e sociali, che permetta al PD di arrivare a fare delle scelte chiare e decise e mettere in campo proposte credibili per la nuova sfida al governo della Città."


Questa notizia è correlata a:

Svolta decisa nel nuovo PD targato Mariani: la segreteria si apre alle donne e ai giovani

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 maggio

Cammino del Monte Peglia, sei giorni per abbracciare il cuore dell'Umbria

"Basta accattonaggio. Germani sveglia!"

Il generale Antonio Cornacchia e i segreti sul rapimento Moro

Orvieto FC Juniores Calcio a 5, non riesce l'impresa al primo turno dei play off

Caffè Chopiniano per l'Unitre

"Il mondo nella mia penna. La Serpara immaginata" - 1

Discarica, ultimo atto. Pci: "La Regione si impegni per una reale gestione dei rifiuti"

L'Olmo conquista il Palio della Palombella. Le classifiche di "Orvieto in Fiore 2018"

Convegno al Castello di Alviano su "Irrigazione, agricoltura di qualità"

"I Martedì del Classico". Guido Barlozzetti ragiona su "Confini"

Nella domenica di Pentecoste, Orvieto onora la tradizione della Palombella

"Estate di OperaExtravaganza". Concerti nel Giardino Segreto di Palazzo Piatti

"La Rivolta a Orvieto nel 1430". Conferenza di Antonio Santilli per l'Isao

Quarta edizione in Piazza del Popolo per il "Festival dello Studente"

"Al lavoro per l'Umbria". Presentato il documento di Cgil, Cisl e Uil per un nuovo progetto di sviluppo

Commemorazione Aldi. Pietretti: "Un evento simbolico che fa bene al nostro territorio"

Presentato il progetto "Umbria Viaggio nella Storia"

Fiona May e Ornella Vanoni al "Todi Festival". Presentato il programma 2018

"Family Help", prorogato al 31 maggio il termine per presentare le domande

Iniziato al Csco il "Summer School" delle università statunitensi

Vetrya Orvieto Basket, al via le final four per l'Under 20

Salta anche "Orvieto4Ever". L'edizione 2018 non vedrà la luce sulla Rupe

Campionati Europei Master Open di Alicante, la marcia orvietana è ancora d'oro

Il M5S invoca regole e responsabilità per gli eventi

"Il Maggio dei Libri", sfida in biblioteca

L'allarme dei sindacati: "Edilizia in crisi nell'Orvietano"

Madonna della Cava, annulati i festeggiamenti civili. Sbandieratori e musici allietano la processione

Pugnaloni 2018, il Gruppo "Rugarella" conquista la vetta della classifica

La scultura "50 sfumature di me. Donna" si aggiudica il concorso "D.O.N.N.A."

Orvieto, Montefiascone e Pitigliano ancora uniti sotto il segno di "Volcanic Wines"

Calato il sipario sui festeggiamenti di San Venanzio Martire

Azzurra Ceprini Orvieto. Francesco Tringali, assistente allenatore della A1 e della U18 e coordinatore del settore giovanile

In tanti per ammirare l'infiorata artistica in onore della Madonna Ss. del Poggio

Ceramiche e fiori al Pozzo della Cava, arriva "Oltre la finestra"

L'Unione Orvietana Rugby alla Cittadella del Rubgy di Parma

"Un fiore per la città" mette radici nella Chiesa di San Giuseppe Patrono

Fiamme in via Garibaldi, fatti evacuare gli ospiti di un B&B

Orvieto Basket vs Foligno, tutto pronto per la finalissima

Susanna Tamaro incontra e incanta la scuola primaria di Sferracavallo

Nicoletta Campanella presenta "Le più belle del reame" dedicato alle Rose Banksiae

La disciplina delle circolazione stradale. Ecco cosa cambia

Polizia in campo per il contrasto all'immigrazione clandestina

L'Oasi WWF Lago di Alviano partecipa alla 25esima edizione di "Giornata delle Oasi"

Festival al Museo delle Terrecotte, un successo di "Parole & Note"

Caccia. La giunta regionale approva il calendario venatorio 2015-2016

Pd: "Sì al campo polivalente, no alla devastazione dei giardini pubblici"

Versamento acconto Imu e Tasi 2015. Va effettuato entro il 16 giugno

Casaperazza in festa per Santa Rita da Cascia

Gli studenti dell'Università della Tuscia restaurano il busto di Innocenzo X e lo Stemma in Travertino di Gregorio XIII

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Politiche giovanili, Scuola, Formazione, Sport

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Sociale, Sanità, Diritto alla Salute

Ad Allerona: "I fiori nel piatto - Le erbe spontanee mangerecce, come riconoscerle, apprezzarle .. e mangiarli"

Verso la gestione integrata dei rifiuti nel comprensorio orvietano

A Orvieto l'open day dei servizi educativi per la prima infanzia

In manette gli "amanti della truffa", rubavano soldi agli anziani con travestimenti e storie strappalacrime

"Ri-governare Orvieto" incontra i commercianti e i gestori di locali del centro storico

Tentarono di svaligiare la gioielleria di Baschi, si costituisce il rapinatore

Giovedi, in Piazza della Repubblica la chiusura della campagna elettorale di Giuseppe Germani

Il mistero dei Templari nell'opera "orvietana" di Simone Martini

Con "Anime Parallele" Orvieto riscopre la Necropoli etrusca di Crocefisso del Tufo

[VIDEO] Presentazione di "Anime Parallele"

"Le Meraviglie" al cinema, il film di Alice Rohrwacher oggi nelle sale italiane

Da Castel Giorgio a Cannes un vortice di emozioni e attese

Dedicata a Luigi Mancinelli e Orvieto la puntata di "Note di Bianca" in onda su Sky Classica Hd (29 Maggio)

La Compagnia Mastro Titta porta in scena al Mancinelli "Flashdance"

Terzo e conclusivo precetto etico. Per non ulteriormente oltraggiare l'arte della politica

Andrea Ricci, sindaco uscente di Montegabbione, scrive ai cittadini a conclusione del suo mandato amministrativo

"Matriarché. Il principio materno per una società egualitaria e solidale"